Il neo governatore (si fa per dire, meglio portavoce) sardo Solinas é una volpe.

In Sardegna, dopo che i maldestri e i celoduri hanno vinto le elezioni presentandosi con un numero di liste praticante identico a quello dei votanti, non riescono ancora a formare la giunta. 

Il Capitano, come al solito, subito dopo il risultato elettorale si presentò con un decisionismo e una precisione impressionante e assicurando urbi et orbi (cioè ciechi, ovviamente il 10% di selfie-g@onzi che lo hanno votato) che la giunta sarebbe stata confezionata (dalla bravissima marmotta che confeziona la cioccolata) più meno nel giro di 15 minuti.

Stranamente però devono essersi verificato degli imprevisti perché, a tutt'oggi, sono stati nominati solo il Presidente del Consiglio (sardo in salsa Padana) e 5 assessori.

Ne mancano ancora 7  e chiudere il cerchio e accontentare tutti o cap@inastone e i cap@ibastomconi si sta rivelando impresa davvero improba e al limite delle potenzialità umane anche perché, oltre a tutto l'altro, ci sono da nominare almeno tre assessore femmine e pare che, nonostante accurate ricerche, in Sardegna ci sia una carenza di donne impressionante. Io ho parlato con le mie amiche Silvia, Stefy e Tonina che sono serie e pure belline e che mi hanno assicurato la loro disponibilità ma pare che abbiano costantemente il telefono irraggiungibile e non sono ancora riusciti a contattarle per cui, facendo parte delle pochissime donne ancora rimaste in Sardegna, non se ne esce. A meno che non le porti il vero governatore Zoffili (della Lega) direttamente dalla Padania. In bel guazzabuglio insomma, direbbe il buon Totò.

Il Governatore per caso Solinas però non si è perso d'animo e, dimostrandosi una volpe a tutto tondo, non solo è riuscito a dare una spiegazione, ma addirittura è riuscito a trovare il lato buono della situazione affermando che, in fondo, non è un male perché, in tal modo, sono stati risparmiati finora 7 stipendi assessoriali.

Una vera volpe insomma, una risorsa di cui fare tesoro, anche perché ha ragione fa vendere. Come si fa infatti a non riconoscere che il risparmio è effettivo e non certo presunto e come si fa anche a non tenere conto che, oltre al risparmio economico, più il tempo passa e meno danni faranno gli assessori e le Assessore in pectore?

Ovvio che, davanti a cotanta saggezza c'è da togliersi tanto di cappello e soprattutto osservare che il Governatore per caso e per finta avrebbe potuto e dovuto osare di più: pensare all'idea di risparmiare per sempre e con tutti gli Assessori e perfino con i Presidenti di Giunta e Consiglio proprio no, visto anche che l'agricoltura ha i suoi problemi e un po' di braccia in più servono come il pane?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora