Prove “provate” di Cazzareggio e Bufalareggio ...!!

Quello sotto e’ un post del 25 Aprile 2018.  Non vi dirò chi lo ha scritto . Sono convinto che lo capirete da soli.  Ieri , un noto Giggino compaesano di un noto Bufalaro e Cazzaro Napoletano , ha festeggiato il 25 Aprile con le brigate partigiane ebraiche. Domandina : Pensate voi , amici del forum , che il noto bufalaro e Cazzaro Napoletano , abbia scritto una (1)riga per “stigmatizzare “ un comportamento , credo sarete d’accordo , sull’episodio che va in maniera totalmente opposta a quel che il Cazzaro partenopeo contestava duramente ?? Macché ha parlato dei fondi a Radio R ...!! Ahahahaha , quando si dice essere doppiopesisti ad ...” esposizione “. Jamma belle , va !! 

Buon 25 aprile a tutti, eccetto che ai vergognosi sionisti che rifiutano di sfilare con l'ANPI solo perché sfila anche la bandiera di un popolo oppresso....”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

5 ore fa, mark222220 ha scritto:

Quello sotto e’ un post del 25 Aprile 2018.  Non vi dirò chi lo ha scritto...

Buon 25 aprile a tutti, eccetto che ai vergognosi sionisti che rifiutano di sfilare con l'ANPI solo perché sfila anche la bandiera di un popolo oppresso....”

A una certa età, cari forumisti seri, purtroppo la memoria si indebolisce, e io non ricordavo bene la suddetta frase riportata dal poco serio e ben noto lekkino di Renzi e dei sionisti. Lo sfacciato che osa parlarci di 25 aprile e di partigiani senza nemmeno sciacquarsi la bocca. D'emblée, ho pensato che fossero parole di un politico coraggioso ed ero pronto a complimentarmi con lui. Poi mi sono ricordato di averle scritte io un anno fa. E allora oggi le confermo e... mi complimento con me stesso! Perdonate l'immodestia. Naturalmente non ritornerò sulla differenza concettuale, e abissale, tra sionismo ed ebraismo, ben nota a tutti eccetto che all'ignorante di cui sopra. Basta ricordare i tanti ebrei ortodossi eppure antisionisti, per es. i Neturei Karta, che nemmeno riconoscono lo Stato di Israele. Ed è appena ovvio che un popolo lungamente oppresso nella storia non è per questo legittimato a opprimere a sua volta un altro popolo e a violare decine di risoluzioni ONU. Ma, visto che il fazioso lekkino riavvolge il nastro a un anno fa, vi ricordo la COLOSSALE SCEMENZA che scriveva LUI a proposito dei palestinesi che sfilarono nel corteo dell'ANPI, invitati dall'ANPI, inducendo la delegazione invitata in rappresentanza della Brigata Ebraica a disertare quel corteo del 25 aprile 2018:

"...il tentativo di impedire alle Brigate Partigiane Ebraiche di sfilare (ma i partigiani ebrei sono quasi tutti morti, quella era solo una rappresentanza, nda) e consentire, invece, il libero accesso per i "Partigiani" Palestinesi, che Partigiani non sono mai stati, mi fa schifo". 

Innanzitutto, come potete leggere, nessuno impedì alla rappresentanza ebraica di sfilare, furono gli ebrei romani (o meglio, i loro indegni e vergognosi rappresentanti) a rifiutarsi dopo avere sfidato l'ANPI con questo insolente aut aut: "Scegliete: o noi o i palestinesi". 

https://www.globalist.it/news/2018/04/23/la-brigata-ebraica-all-anpi-scegliete-o-noi-o-i-palestinesi-2023181.html

Ma la balla davvero colossale e ridicola, un'affermazione che farebbe saltare sulla sedia qualsiasi studioso di storia contemporanea (purché serio e non affetto da sionismo), è dire che i combattenti per la libertà e l'indipendenza del popolo palestinese, diritti sanciti dall'ONU, "non sono e non sono mai stati partigiani". Roba da matti! Signori, se oggi nel mondo (e non da oggi ma da 50 anni) c'è un movimento di resistenza popolare assimilabile, per molti aspetti, alla Resistenza del popolo italiano all'occupazione nazista, questo è senza dubbio alcuno il movimento di resistenza palestinese agli invasori, occupanti e oppressori sionisti (un altro esempio è il movimento indipendentista curdo). Voglio qui ricordare al semiebete pisano il memorabile discorso in Parlamento in cui Bettino Craxi (ladrone, ma statista con gli attributi), da presidente del Consiglio, rivendicava per il popolo palestinese il DIRITTO ALLA LOTTA ARMATA CONTRO ISRAELE:

https://youtu.be/8as9n_J-Pvo

Che differenza c'è tra i nostri eroici partigiani con al collo i fazzoletti verdi o rossi o azzurri, e gli eroici partigiani con la kefiah che da 50 anni si battono per la liberazione della Palestina? Ce ne sono almeno due: questi ultimi non hanno montagne né boschi dove nascondersi e non possono contare su potenti eserciti e aviazioni alleate contro il comune nemico. Essi devono battersi da soli, quasi allo scoperto, anche con le pietre, i coltelli e tutt'al più qualche razzo artigianale di modesta gittata e modestissima precisione, contro uno Stato bellicista che schiera oltre 3000 carri armati pesanti, oltre 300 cacciabombardieri, migliaia di missili, inclusi vettori balistici intercontinentali, e che possiede tra 100 e 400 testate atomiche (ma non le dichiara e non aderisce a nessun trattato di non proliferazione nucleare). Naturalmente i sionisti e il loro miserabile lekkino diranno che i combattenti palestinesi non sono partigiani ma terroristi. Appunto. La stessa identica cosa la dicevano i nazifascisti dei nostri partigiani. È pacifico che quando gli uomini e i mezzi del nemico ti soverchiano in modo schiacciante non puoi affrontarlo in campo aperto, ma devi ricorrere alla guerriglia ed azioni isolate e improvvise, ad agguati e ad attentati dinamitardi e simili (vedasi le bombe di via Rasella), cioè a un modus operandi pressoché indistinguibile dal terrorismo. In ultima analisi la differenza concettuale tra un partigiano e un terrorista risiede solo nelle buone ragioni del primo e nelle cattive o inesistenti ragioni del secondo. Mi si dirà che i sionisti non fanno rappresaglie naziste tipo Fosse Ardeatine. Ma i bombardamenti con gli F-16 che mietono vittime civili nella Striscia di Gaza in risposta a ogni razzo palestinese, cosa sono se non rappresaglie? E molte azioni del famigerato Mossad cosa sono se non vendette ed esecuzioni sommarie? Mi si dirà che i sionisti non compiono stragi ed eccidi indiscriminati. E i 3000 o 3500 civili inermi uccisi da milizie filoisraeliane (secondo la stima del giornalista ebreo Amnon Kapeliouk) nei campi profughi di Sabra e Chatila, dove li mettiamo? Mi si dirà che anche nella parte israeliana ci sono vittime civili. Certo: sono stimate in circa 1500 (in 50 anni). Ma se gli invasori nazisti avessero trasferito diverse centinaia di migliaia di tedeschi a espropriare e colonizzare le nostre terre, che so, la Bassa Padana, come hanno fatto i sionisti in Cisgiordania, secondo voi i nostri partigiani a quei coloni tedeschi non avrebbero torto un capello? E cosa dire dei tanti nostri connazionali inermi uccisi senza pietà dai nostri partigiani, magari solo perché amici o parenti di fascisti? Per non parlare dei quasi 100.000 connazionali vittime inermi non dei tedeschi ma dei bombardamenti a tappeto anglo-americani. A ben riflettere c'è un'altra importante differenza tra la Resistenza italiana e quella palestinese. Gli storici concordano nel dire che la Resistenza (come pure il Risorgimento) non ebbe il carattere di una vera e propria  guerra di popolo, di una insurrezione nazionale e popolare, se non localmente e per brevi fasi. Che io sappia, le Quattro Giornate di Napoli furono l'unico rilevante episodio di sollevazione popolare contro l'occupante. Oltre 150 cittadini napoletani sacrificarono la vita. La mia città è MEDAGLIA D'ORO DELLA RESISTENZA. In seguito, nell'Italia occupata, i partigiani e gli antifascisti militanti furono numericamente una frazione molto ma molto esigua della popolazione adulta, a parte forse l'ultima fase del conflitto quando il nemico era ormai in rotta. Il carattere popolare della Resistenza Palestinese è ben più evidente. I combattenti sono una parte rilevante della popolazione maschile adulta. Inoltre, nelle varie Intifade scendono in campo anche giovani e giovanissimi, spesso armati solo di fionde e sassi contro i blindati israeliani, proprio come gli scugnizzi napoletani nel '43 contro i panzer tedeschi. Ad alcuni di loro come Pasquale Formisano (17 anni), Filippo Illuminato (13 anni), Gennarino Capuozzo (11 anni), fu conferita la MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE ALLA MEMORIA. Piccoli e impavidi partigiani, EROI E MARTIRI DELLA RESISTENZA. Come eroi e martiri della Resistenza Palestinese sono i bambini e gli adolescenti uccisi vigliaccamente dall'oppressore sionista. ONORE A LORO! ONORE AI COMBATTENTI DELLA PALESTINA E DELLA STRISCIA DI GAZA! LIBERTÀ PER IL POPOLO PALESTINESE!

https://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/dove-stanno-i-«veri»-partigiani-ovunque-si-organizzi-la-resistenza-palestinese

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ahahahahaha , signori miei , siamo alla frutta ...!! Ma che dico , al conto , ma che dico , siamo già .... fuori del ristorante !!  Il Cazzaro di Napoli ha scritto una enciclopedia senza rispondere alla domanda che anche Direttoretto avrebbe capito !!  Cazzaro , e’ perfettamente inutile che tu abbia copiaincollato e proposto la storia !!    No no , ebe  te !!  Io voglio sapere perché lo scorso anno hai scritto fiumi di parole contro le brigate ebraiche negando persino che abbiano avuto un ruolo nella lotta di liberazione e quest’anno , visto che il tuo amico Giggino O’Fischer ha passaato la festa della Liberazione con loro , non ne hai fatto menzione. Forse perché avresti dovuto dire analoghe parole offensive verso il Bibitaro ?? Oppure contraddirti ed affermare che “ beh , insomma , anche i “sionisti” hanno partecipato alla lotta partigiana per liberarci “ . Su Cazzaro di Napoli , prova a rispondere a questa semplicissima domanda senza scrivere un altro insignificante volume ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahahaha , signori miei , siamo alla frutta ...!! Ma che dico , al conto , ma che dico , siamo già .... fuori del ristorante !!  Il Cazzaro di Napoli ha scritto una enciclopedia senza rispondere alla domanda che anche Direttoretto avrebbe capito !!  Cazzaro , e’ perfettamente inutile che tu abbia copiaincollato e proposto la storia !!    No no , ebe  te !!  Io voglio sapere perché lo scorso anno hai scritto fiumi di parole contro le brigate ebraiche negando persino che abbiano avuto un ruolo nella lotta di liberazione e quest’anno , visto che il tuo amico Giggino O’Fischer ha passaato la festa della Liberazione con loro , non ne hai fatto menzione. Forse perché avresti dovuto dire analoghe parole offensive verso il Bibitaro ?? Oppure contraddirti ed affermare che “ beh , insomma , anche i “sionisti” hanno partecipato alla lotta partigiana per liberarci “ . Su Cazzaro di Napoli , prova a rispondere a questa semplicissima domanda senza scrivere un altro insignificante volume ...!! 

Ho già scritto che confermo tutto quello che scrissi un anno fa. È vergognoso rifiutarsi di sfilare in un corteo dell'ANPI solo perché vi sfilano anche partigiani palestinesi. Vuol dire che non si è compreso né il significato della parola "partigiano" (colui che lotta per la libertà del suo popolo) né quello della Festa della Liberazione (che deve unire e non dividere quelli che credono e che lottano per la libertà e l'autodeterminazione dei popoli). I nostri partigiani ebrei non erano sionisti, almeno non nel senso inteso oggi, dato che all'epoca Israele nemmeno esisteva. Sionisti sono quelli che dal 1967 trattano come terroristi i partigiani palestinesi. En passant: non so se hai visto il bellissimo discorso di Craxi che ho allegato. Era il 1985. Gli applausi più scroscianti dalla sinistra (PCI, PSI ma anche qualche democristiano). Le contestazioni più forti dal centro e dall'estrema destra, dai missini di Almirante. Corsi e ricorsi storici. Gli ebrei degli anni '40 oppressi e perseguitati dai nazifascisti, i sionisti oppressori degli anni '80 difesi dai neofascisti. E difesi nel 2019 da un vergognoso pidino e renziano. Tutto logico: tout se tient. VERGOGNATI! 

P.s. Tempo perso sfidarti a dimostrare che io abbia copiato anche una sola riga del mio post. Scapperesti come un coniglio. Come sempre. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah , già che ci siamo , guardate cosa diceva il Cazzaro di Napoli, invece nel 2017 . relativamente alla Comunità Ebraica partecipante al 25 Aprile . Su , Cazzaro , ora devi spiegare perché il tuo amico Giggino proprio con loro lo ha festeggiato ...!! 

Il 20/4/2017 in 09:30 , fosforo31 ha scritto:

25 aprile, Festa della Liberazione, festa nazionale, la nostra festa, la festa degli italiani liberi. Quale occasione migliore per vedere sfilare insieme ebrei e palestinesi affratellati dai valori universali della libertà e della pace? Ma scopriamo purtroppo che per la comunità ebraica di Roma, o meglio per i suoi ottusi e indegni dirigenti, le divisioni storiche e gli odi contingenti contano più dei valori universali. Squallidi farisei ipocriti, che si spacciano per religiosi osservanti ma che sono più miscredenti degli atei. Sepolcri imbiancati ma corrosi dall'odio, bestie che offendendo l'uomo e i suoi valori offendono Dio, e che della parola religione ignorano perfino il significato. La giustificazione addotta nel declinare l'invito dell'ANPI è a dir poco risibile: i palestinesi che sfileranno a Roma il 25 aprile sarebbero gli "eredi" (sic) di quel Gran Mufti di Gerusalemme che negli anni '40 si alleò con Hitler. Questi poveracci ignorano pure la Storia. Dimenticano che il Gran Mufti di Gerusalemme era uno stretto alleato pure di Mussolini. Cosa aspettano a togliersi dai piedi e a trasferirsi in un paese non abitato dagli "eredi" di Mussolini? Diserterà il corteo dell'ANPI anche il Pd. Meglio così. Sapevamo già, fin dalla campagna referendaria e dagli squallidi attacchi della ministra Boschi, che questo Pd e l'ANPI sono politicamente e idealmente agli antipodi. Il Pd voleva sfasciare la Costituzione, i partigiani lottarono e morirono per farla nascere. Ed è proprio la Costituzionenata dalla Resistenza che l'ANPI pone al centro di questo 25 aprile:

http://www.anpi.it/articoli/1736/appello-dellanpi-per-il-25-aprile-attuare-la-costituzione-per-cambiare-litalia

Naturalmente questa scelta del Pd toglierà l'ultimo dubbio anche agli ultimi ingenui: IL PD DI RENZI NON E' UN PARTITO DI SINISTRA.Potranno pensarla diversamente solo i decerebrati bisognosi di cure psichiatriche. Il Pd con questa scelta si colloca fuori dalla sinistra anche sul piano storico e internazionale. Superfluo precisare che il Pd non sta con gli ebrei, ma sta con i sionisti. Non sta con i popoli oppressi, ma sta vigliaccamente con uno Stato oppressore che occupa militarmente le terre di un altro popolo in violazione di decine di risoluzioni dell'ONU. Il Pd è contro le Nazioni Unite. Questo Pd è indegno di celebrare la festa del 25 aprile. Tuttavia io sono sicurissimo che centinaia di cittadini romani, ebrei ed elettori del Pd, se ne infischieranno altamente delle direttive dall'alto e sfileranno insieme ai partigiani e ai palestinesi per le vie della capitale. Loro, a differenza dei vertici della comunità ebraica e del Pd, sono cittadini liberi, sono veri ebrei e veri italiani di sinistra. 

Allego un video a beneficio dei più giovani, che potranno apprezzare la differenza tra uno statista di sinistra e un tappetaro di destra e senza palle. Se io potessi scegliere un presidente del Consiglio tra Craxi e Renzi, preferirei il ladrone tutta la vita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Ho già scritto che confermo tutto quello che scrissi un anno fa. È vergognoso rifiutarsi di sfilare in un corteo dell'ANPI solo perché vi sfilano anche partigiani palestinesi. Vuol dire che non si è compreso né il significato della parola "partigiano" (colui che lotta per la libertà del suo popolo) né quello della Festa della Liberazione (che deve unire e non dividere quelli che credono e che lottano per la libertà e l'autodeterminazione dei popoli). I nostri partigiani ebrei non erano sionisti, almeno non nel senso inteso oggi, dato che all'epoca Israele nemmeno esisteva. Sionisti sono quelli che dal 1967 trattano come terroristi i partigiani palestinesi. En passant: non so se hai visto il bellissimo discorso di Craxi che ho allegato. Era il 1985. Gli applausi più scroscianti dalla sinistra (PCI, PSI ma anche qualche democristiano). Le contestazioni più forti dal centro e dall'estrema destra, dai missini di Almirante. Corsi e ricorsi storici. Gli ebrei degli anni '40 oppressi e perseguitati dai nazifascisti, i sionisti oppressori degli anni '80 difesi dai neofascisti. E difesi nel 2019 da un vergognoso pidino e renziano. Tutto logico: tout se tient. VERGOGNATI! 

P.s. Tempo perso sfidarti a dimostrare che io abbia copiato anche una sola riga del mio post. Scapperesti come un coniglio. Come sempre. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ahahahaha , ok ok , va bene !! Ma allora , Di Giggino che dici ?? Muto ?? Ha fatto bene o no a festeggiare la Liberazione con i sionisti ??Ahahahahaha 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahaha , ok ok , va bene !! Ma allora , Di Giggino che dici ?? Muto ?? Ahahahahaha 

Sei proprio un ebete, rispondi senza capire o forse senza nemmeno leggere quello che scrivo. Allora ripeto. La Brigata Ebraica della Seconda Guerra Mondiale non esiste più, sono tutti morti, a parte forse qualche ultra90enne. Ma quelli non erano sionisti perché all'epoca Israele non esisteva. Se io incontrassi uno di loro ancora in vita gli stringerei la mano. A rifiutarsi di partecipare alle sfilate sono i sionisti oggi ai vertici della comunità ebraica di Roma, che io definisco VERGOGNOSI. E la religione non c'entra nulla: potrebbero anche essere buddisti, per me sono gentaglia. Se Di Maio ha stretto la mano di questi qui, per motivi istituzionali, problema suo, io non lo avrei fatto. Un plauso cmq per aver partecipato al 25 aprile e per la stoccata a Salvini: chi non partecipa alla Festa vuole dividere gli italiani. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, fosforo41 ha scritto:

Sei proprio un ebete, rispondi senza capire o forse senza nemmeno leggere quello che scrivo. Allora ripeto. La Brigata Ebraica della Seconda Guerra Mondiale non esiste più, sono tutti morti, a parte forse qualche ultra90enne. Ma quelli non erano sionisti perché all'epoca Israele non esisteva. Se io incontrassi uno di loro ancora in vita gli stringerei la mano. A rifiutarsi di partecipare alle sfilate sono i sionisti oggi ai vertici della comunità ebraica di Roma, che io definisco VERGOGNOSI. E la religione non c'entra nulla: potrebbero anche essere buddisti, per me sono gentaglia. Se Di Maio ha stretto la mano di questi qui, per motivi istituzionali, problema suo, io non lo avrei fatto. Un plauso cmq per aver partecipato al 25 aprile e per la stoccata a Salvini: chi non partecipa alla Festa vuole dividere gli italiani. 

 

Ahahahaha , prendiamo atto che il coniglione Napoletano un qualcosa che assomiglia ad una vaga risposta la da !! Quindi Giggino O’bibitaro ha stretto la mano ai sionisti per dovere istituzionale !! Quale ?? Lui (Il Cazzaro di Napoli ), non lo avrebbe fatto ma “giustifica” il Bibitaro che , poveretto , era obbligato a farlo ( da chi , idio ta??). Da chi era stato invitato ?? Come ?? Quando ?? Perché ?? .  Quindi Giggino tra le mille iniziative a cui poteva partecipare per la festa della Liberazione , ha scelto di partecipare a quella di chi nega i valori universali di pace e della libertà ?? ! Quindi anche Giggino sta con gli oppressori ?? Quindi anche Giggino e’ un tappetaro ?? Ah già , però Giggino ha dato una bella “Stoccata” al suo amico e camerata Salvini . Ahahahaha , giuro che un imbecil le del genere mai l’ho incontrato in vita mia ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahahaha , signori miei , siamo alla frutta ...!! Ma che dico , al conto , ma che dico , siamo già .... fuori del ristorante !!  Il Cazzaro di Napoli ha scritto una enciclopedia senza rispondere alla domanda che anche Direttoretto avrebbe capito !!  Cazzaro , e’ perfettamente inutile che tu abbia copiaincollato e proposto la storia !!    No no , ebe  te !!  Io voglio sapere perché lo scorso anno hai scritto fiumi di parole contro le brigate ebraiche negando persino che abbiano avuto un ruolo nella lotta di liberazione e quest’anno , visto che il tuo amico Giggino O’Fischer ha passaato la festa della Liberazione con loro , non ne hai fatto menzione. Forse perché avresti dovuto dire analoghe parole offensive verso il Bibitaro ?? Oppure contraddirti ed affermare che “ beh , insomma , anche i “sionisti” hanno partecipato alla lotta partigiana per liberarci “ . Su Cazzaro di Napoli , prova a rispondere a questa semplicissima domanda senza scrivere un altro insignificante volume ...!! 

Credo che sulla Brigata Ebraica si sia creato un gigantesco equivoco.

Essa non fu MAI parte del movimento partigiano diretto dal CLN e dal CNLAI.

Era invece una brigata di 5.000 volontari ebrei di Palestina, inquadrata tra le forze alleate britanniche.

Entro' in linea alla fine del marzo 1945 sul fronte della Romagna.

Il suo contributo alla liberazione dell'Italia dalla occupazione tedesca fu di 30 caduti e 70 feriti.

Solo la divisione garibaldina "Modena" ebbe oltre 250 caduti nella difesa della  libera Repubblica di Montefiorino.

Quindi quando sfila la 'brigata ebraica" non è corretto fischiare.

Ma avere la consapevolezza che essa sia un'operazione cinematografica e propagandistica non è riprovevole.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Credo che sulla Brigata Ebraica si sia creato un gigantesco equivoco.

Essa non fu MAI parte del movimento partigiano diretto dal CLN e dal CNLAI.

Era invece una brigata di 5.000 volontari ebrei di Palestina, inquadrata tra le forze alleate britanniche.

Entro' in linea alla fine del marzo 1945 sul fronte della Romagna.

Il suo contributo alla liberazione dell'Italia dalla occupazione tedesca fu di 30 caduti e 70 feriti.

Solo la divisione garibaldina "Modena" ebbe oltre 250 caduti nella difesa della  libera Repubblica di Montefiorino.

Quindi quando sfila la 'brigata ebraica" non è corretto fischiare.

Ma avere la consapevolezza che essa sia un'operazione cinematografica e propagandistica non è riprovevole.

Non è un equivoco, è la bufala quotidiana del panzanaro seriale pisano, che oggi si è inventato le sue fantomatiche "brigate partigiane ebraiche" (testuale). In realtà, come hai scritto, la Brigata Ebraica era una sola, ed era un reparto delle Forze Alleate, formato da ebrei palestinesi (all'epoca Israele non esisteva e la Palestina era un "Mandato" Onu britannico) e da volontari ebrei di varie nazioni, e non aveva nulla a che fare con le nostre brigate partigiane. Infatti, io parlavo dei "nostri partigiani ebrei" ovvero degli ebrei italiani (circa mille) che si arruolarono nelle varie brigate partigiane senza formare nessuna brigata specifica (come era ovvio dato il carattere assolutamente laico della Resistenza) pur avendo essi qualche serio motivo in più per combattere i nazifascisti (leggi razziali, rastrellamenti, deportazioni). Ma la finalità primaria per tutti era la liberazione della Patria. La stessa cioè dei partigiani palestinesi. Di conseguenza io SONO CERTO che se qualcuno di quei mille partigiani ebrei fosse ancora vivo (dopo 74 anni), non avrebbe alcun problema nello sfilare insieme ai palestinesi nel corteo del 25 aprile. Come ho scritto, sono gli ebrei di oggi a essere ammalati di sionismo e di odio verso i palestinesi (e gli arabi in generale). Non tutti naturalmente. Lo sono soprattutto i fanatici fondamentalisti (quelli che credono ancora alla colossale bufala biblica del popolo eletto e della nazione eletta) e quelli che assumono ruoli di potere o di rappresentanza (tipo i vertici della comunità ebraica romana in totale rotta con l'ANPI). Agli eventuali superstiti della Brigata Ebraica ho scritto che stringerei la mano. Per riconoscenza, come a tutti gli Alleati che combatterono e rischiarono la vita in Italia. Ma non la stringerei mai ai capi che ordinarono i bombardamenti sui civili, anzi spero che siano finiti tutti all'inferno (anche se io non credo nell'esistenza dell'inferno e del diavolo). 

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora