Cialtroni populisti o populisti cialtroni ??

Dal novembre 2015 Lega e M5S hanno sostenuto una posizione chiara e netta: gli azionisti delle banche fallite (Carife, Etruria, CariChieti, Banca Marche, Popolare di Vicenza e Veneto Banca) dovevano essere risarciti tutti , in modo automatico e al 100%. Questa posizione è stata sostenuta con una campagna aggressiva e spregiudicata e che ha compreso ,  tra le altre cose ,  la montatura di una incredibile e vergognosa bufala sulla “banca della famiglia Boschi” e tutto il fango ignobile che ne è seguito.  Dopo quasi un anno di governo, ieri è stata annunciata la soluzione.  Che non ha niente a vedere con la promessa fatta. Ci saranno infatti alcuni azionisti (coloro con un reddito inferiore ai 35 mila euro annui oppure uno stock risparmio inferiori ai 100 mila euro) che riceveranno il 30% di rimborso. Per tutti gli altri si procede con l’arbitrato, esattamente come avevano impostato i governi del Pd nella scorsa legislatura. Oltre alla beffa quindi (essersi rimangiati una promessa-pilastro della campagna elettorale, nda), pure il danno: i contribuenti italiani saranno chiamati con i loro soldi a rimborsare forfettariamente al 30% un possessore di capitale di rischio , se rientrante in quei paletti di reddito o patrimonio , anche se non è stato truffato.  Il populismo cialtrone fa così. In campagna elettorale ti racconta quello che vuoi sentirti dire. Poi arrivato al governo se lo rimangia e trova comunque il modo di inventarsi la soluzione peggiore per tutti. Saluti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

6 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ci saranno infatti alcuni azionisti (coloro con un reddito inferiore ai 35 mila euro annui oppure uno stock risparmio inferiori ai 100 mila euro) che riceveranno il 30% di rimborso. Per tutti gli altri si procede con l’arbitrato, esattamente come avevano impostato i governi del Pd nella scorsa legislatura

 

6 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Poi arrivato al governo se lo rimangia e trova comunque il modo di inventarsi la soluzione peggiore per tutti. Saluti

La migliore del PD, a parte l'arbitrato, qual'era, signor mark? Io non la so.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

 

La migliore del PD, a parte l'arbitrato, qual'era, signor mark? Io non la so.

Eccola : “stabilito che ha diritto a un rimborso forfettario automatico fino all'80% dell'investimento in obbligazioni subordinate l'investitore che abbia un reddito lordo al di sotto dei 35mila euro, oppure un patrimonio mobiliare inferiore ai 100mila euro, anche se ha il reddito superiore ai 35mila euro , I cittadini non spendono niente perché è il fondo bancario che paga". I rimborsi riguardano solo chi ha comprato le subordinate entro il 12 giugno del 2014. Sulla base di quest'ultimo criterio, ha aggiunto il premier, "su 10mila investitori restano fuori solo 158 persone che hanno comprato le obbligazioni sul mercato secondario online. Questi avranno la possibilità di ricorrere all'arbitrato. Con questo proveddimento abbiamo salvato i correntisti".
La coperturà finanziaria del decreto sarà assicurata dal fondo bancario già istituito con la Legge di stabilità, anche se il governo non ha ancora calcolato di quanto esattamente cresceranno le disponibilità, attualmente a 100 milioni di euro. L'ammontare, ha spiegato Pier Carlo Padoan, "dipenderà dall'effettiva implementazione, non solo da chi chiederà il rimborso automatico, ma anche dagli esiti dei processi arbitrali". Il ministro dell'Economia ha però tenuto ad assicurare che "le risorse non saranno razionate" e che non ci sarà "il rischio che ad un certo punto qualcuno possa non trovare più i soldi". Ad avere diritto ai rimborsi automatici sarà "un po' più della metà" dei circa 10mila obbligazionisti coinvolti dal crac delle 4 banche salvate, ha affermato Padoan, invitando però ad "essere cauti": "Sono stime che devono essere verificate, dipendono dalle soglie, stiamo facendo dei conteggi".
Sul fronte dei crediti deteriorati il governo ha approvato misure per ridurre i tempi di recupero crediti "per le persone giuridiche, non fisiche, da 6-8 anni a 6-8 mesi o che il pegno mobiliare non possessorio riguarderà "non solo l'immobile e il capannoncino, ma anche le scorte. Il pegno non è automatico, ma servirà la firma delle parti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora