l'italiano confessa:

Chissà se gli verrà contestata l’aggravante ‘razziale’. I media però non parlano di razzismo. A parti invertite, qualche giornalaio di sx  farebbe speciali sul ‘razzismo’.

«Ho colpito un bianco, basandomi sul fatto ovvio che giovane e italiano avrebbe fatto scalpore. Mi bastava che fosse italiano, uno giovane, più o meno della mia età, che conoscono tutti quelli con cui va a scuola, si preoccupano tutti i genitori e così via. L’ho guardato ed ero sicuro che fosse italiano».

Questa la confessione di Said Mechaquat, 27enne marocchino con cittadinanza italiana, per l’omicidio di Torino.l'italianissimo...e gia,la sua carda d'identita' recitava:cittadino italiano!! mentre i lsuo  DNA??? chiedere lumi ai saccenti di sx

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Marocchino?

Ahi, ahi....vuoi vedere che è un incrocio con un antico romano?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Marocchino?

Ahi, ahi....vuoi vedere che è un incrocio con un antico romano?

ma tu non eri quello che voleva farmi evitare a tutto il forum come la peste?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, vestito elegante

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, pm610 ha scritto:

 

che ne hanno fatte delle tue ex pere?? ah si...un portamonetine ..tipo quelle da un cent..al max,due...visto che erano cosi' piccole che una moneta da un ero,quella con l'uomo nudo,non entra!!

vecchiopere....come va con la tua nuova dentiera di plastica,fatta dal marocchino sotto il ponte!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, director12 ha scritto:

ma tu non eri quello che voleva farmi evitare a tutto il forum come la peste?? 

ma che dice signor director? Avevo solo invitato a non rispondere ai suoi solfeggi quotidiani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

certo  che  continuare  a  postare  bufale   suggerite  dai celoduri  suoi  camerati.....si  accumulano solo figure  di m...a ma  se lo  si è m...e   si  continua  a  confermare  cosa  si  è... e  diretoinreto lo è  in tutto e  per  tutto...

La Procura di Torino continua a indagare su Said Mechaquat, l’uomo che lo scorso 23 febbraio avrebbe accoltellato a morte il giovane Stefano Leo, tagliandogli la gola. Secondo quanto riporta l’Ansa, rimangono dubbi sul movente che avrebbe spinto l’assassino a uccidere il 34enne perché “era felice”. In particolare, si cerca di capire se la drammatica azione non sia stata dettata da altri motivi.

Secondo le parole del procuratore Paolo Borgna, riportate dall’edizione on line del Secolo XIX, il movente indicato nella confessione “basta per tenere quella persona in galera”. Il magistrato, che indaga con i colleghi Enzo Bucarelli e Ciro Santoriello, però aggiunge esplicitamente: “Non ci acquietiamo con la verità che c’è stata detta dal confesso”. “Inaccettabile” era la definizione del destino di suo figlio data anche da Maurizio Leo, imprenditore che vive a Genova, padre del ragazzo ucciso.

L’ipotesi dello scambio di persona

Il servizio mandato in onda dal TG4 approfondisce una ipotesi ancora tutta da verificare con le indagini: che Said avesse scambiato Stefano per l’attuale compagno della sua ex. In questo caso il delitto sarebbe di natura passionale. Stando, invece, a quanto dichiarato dall’omicida, si rientrerebbe in un caso da perizia psichiatrica, il che potrebbe anche comportare al giovane una significativa riduzione di pena: anche questo terrebbe la Procura ancora in piena attività, secondo quanto dice l’Ansa, aggiungendo che in passato Said non aveva mai dato segni di squilibrio, neppure negli episodi legati a maltrattamenti in famiglia che lo avevano già portato ad avere a che fare con la giustizia. Anche domenica scorsa, confessando il delitto di Stefano, secondo le parole all’Ansa del suo stesso avvocato, Basilio Foti, sarebbe stato “educato, lucido, composto, in grado di esprimersi in perfetto italiano”.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, pm610 ha scritto:

certo  che  continuare  a  postare  bufale   suggerite  dai celoduri  suoi  camerati.....si  accumulano solo figure  di m...a ma  se lo  si è m...e   si  continua  a  confermare  cosa  si  è... e  diretoinreto lo è  in tutto e  per  tutto...

La Procura di Torino continua a indagare su Said Mechaquat, l’uomo che lo scorso 23 febbraio avrebbe accoltellato a morte il giovane Stefano Leo, tagliandogli la gola. Secondo quanto riporta l’Ansa, rimangono dubbi sul movente che avrebbe spinto l’assassino a uccidere il 34enne perché “era felice”. In particolare, si cerca di capire se la drammatica azione non sia stata dettata da altri motivi.

Secondo le parole del procuratore Paolo Borgna, riportate dall’edizione on line del Secolo XIX, il movente indicato nella confessione “basta per tenere quella persona in galera”. Il magistrato, che indaga con i colleghi Enzo Bucarelli e Ciro Santoriello, però aggiunge esplicitamente: “Non ci acquietiamo con la verità che c’è stata detta dal confesso”. “Inaccettabile” era la definizione del destino di suo figlio data anche da Maurizio Leo, imprenditore che vive a Genova, padre del ragazzo ucciso.

L’ipotesi dello scambio di persona

Il servizio mandato in onda dal TG4 approfondisce una ipotesi ancora tutta da verificare con le indagini: che Said avesse scambiato Stefano per l’attuale compagno della sua ex. In questo caso il delitto sarebbe di natura passionale. Stando, invece, a quanto dichiarato dall’omicida, si rientrerebbe in un caso da perizia psichiatrica, il che potrebbe anche comportare al giovane una significativa riduzione di pena: anche questo terrebbe la Procura ancora in piena attività, secondo quanto dice l’Ansa, aggiungendo che in passato Said non aveva mai dato segni di squilibrio, neppure negli episodi legati a maltrattamenti in famiglia che lo avevano già portato ad avere a che fare con la giustizia. Anche domenica scorsa, confessando il delitto di Stefano, secondo le parole all’Ansa del suo stesso avvocato, Basilio Foti, sarebbe stato “educato, lucido, composto, in grado di esprimersi in perfetto italiano”.

 

quindi.il tuo italiano sulla carta d'identita' che ha fatto? in fondo ha solo sgozzato u a personsa inerme!!

per te castrazione chimica?? none..ma chirurgica!! come i capponi!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
59 minuti fa, director12 ha scritto:

quindi.il tuo italiano sulla carta d'identita' che ha fatto? in fondo ha solo sgozzato u a personsa inerme!!

per te castrazione chimica?? none..ma chirurgica!! come i capponi!!

mi perdoni sig director, mi può spiegare cosa risolve la castrazione chimica o chirurgica ad uno che ha sgozzato una persona?

Non è meglio metterlo in galera e buttare via la chiave?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

mi perdoni sig director, mi può spiegare cosa risolve la castrazione chimica o chirurgica ad uno che ha sgozzato una persona?

Non è meglio metterlo in galera e buttare via la chiave?

guarda che qui si parla di violenza e adonne!! quelle che se le fa un extra non le vedete....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora