Metti un giorno uno sciacallo in giardino... A Pordenone

Inviata (modificato)

Martedì 26 marzo, una signora si è affacciata alla finestra di casa e ha notato nel suo giardino un animale mai visto prima. Non capiva se si trattava di un cane o di un animale selvatico. Nel dubbio ha contattato il servizio recupero fauna della Regione che non ha avuto il tempo di intervenire perché l'animale, qualche minuto più tardi, si è allontanato verso nord. La signora, però, è riuscita a scattare alcune foto e a girare un video che ha consegnato al personale del servizio regionale, il quale l'ha sottoposto allo zoologo del Museo friulano di storia naturale, Luca Lapini, che conferma: "Guardando i fotogrammi non può che essere uno sciacallo".
Lo sapevate che gli sciacalli sono tornati in Italia? 

Sono "sciacalli dorati" provenienti dalla Slovenia e, più in profondità, dalla penisola balcanica. L’arrivo degli sciacalli dorati – delle dimensioni dei cani di media taglia e non pericolosi per l’uomo — starebbe modificando gli equilibri della fauna locale: negli ultimi anni la specie si è espansa notevolmente a causa di varie circostanze legate all’impatto dell’uomo sulla natura. Da più di un anno, inoltre, ci sono avvistamenti anche in Lombardia e a sud del fiume Po, dove finora gli sciacalli non si erano mai spinti.

Lo sciacallo dorato è un canide lupino che ha più legami con il lupo grigio e il coyote che con lo sciacallo dalla gualdrappa o striato (le specie diffuse in Africa).  In questa repentina espansione si ritiene sia stata decisiva la riduzione dei lupi, che cacciavano gli sciacalli nelle zone condivise, e il disboscamento delle aree boschive che ha aumentato gli ampi spazi aperti prediletti dagli sciacalli

https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2019/03/27/news/pordenone-nel-giardino-di-casa-compare-uno-sciacallo-1.30136584

sciacallo-italia.jpg

Modificato da frittomesto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora