Il PD vuole un aumento dello stipendio dei parlamentari

Scrive il Fatto: "Era il 5 marzo quando Zanda veniva annunciato come nuovo tesoriere del partito, mentre tra i democrati le parole chiave erano tutte rivolte ai delusi, dai “giovani disoccupati” ai 5 milioni di poveri “che lottano contro le ingiustizie”, diceva Zingaretti. Una settimana prima, il 27 febbraio, proprio Luigi Zanda aveva presentato al Senato una nuova proposta di legge per adeguare “il trattamento economico dei membri del Parlamento a quello dei parlamentari europei“. Nulla a che vedere con i poveri, anzi: nella pratica il testo prevede più soldiper deputati e senatori che arriverebbero così a guadagnare tra i 16mila e i 19mila euro al mese.

Ma quanto guadagnano gli eurodeputati? Hanno un compenso leggermente inferiore a quello di senatori e deputati come dice Zanda? Come spiegato nel regolamento, il compenso mensile è di 8mila euro lordi (ovvero 6250 netti) a cui aggiungere 304 euro al giorno di diaria e 4mila 299 euro per le spese generali. Nel complesso, calcolando anche altri vantaggi, un parlamentare europeo guadagna tra i 16mila e i 19mila euro al mese. Molto di più dei 14mila euro circa che percepiscono oggi deputati e senatori calcolando indennità, diaria e rimborso per le spese di mandato."

Oggi i nostri deputati e senatori guadagnano 14.000 euro, non ce la fanno poverini... Certo che il PD se vuole proprio suicidarsi continui pure a dire accogliamo tutti e aumentiamoci lo stipendio che vince sicuro!+

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/27/pd-la-proposta-del-nuovo-corso-firmata-dal-tesoriere-zanda-piu-soldi-agli-eletti-patuanelli-zingaretti-sei-daccordo/5065880/

Risultati immagini per zingaretti zanda

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

33 messaggi in questa discussione

31 minuti fa, nextext ha scritto:

Scrive il Fatto: "Era il 5 marzo quando Zanda veniva annunciato come nuovo tesoriere del partito, mentre tra i democrati le parole chiave erano tutte rivolte ai delusi, dai “giovani disoccupati” ai 5 milioni di poveri “che lottano contro le ingiustizie”, diceva Zingaretti. Una settimana prima, il 27 febbraio, proprio Luigi Zanda aveva presentato al Senato una nuova proposta di legge per adeguare “il trattamento economico dei membri del Parlamento a quello dei parlamentari europei“. Nulla a che vedere con i poveri, anzi: nella pratica il testo prevede più soldiper deputati e senatori che arriverebbero così a guadagnare tra i 16mila e i 19mila euro al mese.

Ma quanto guadagnano gli eurodeputati? Hanno un compenso leggermente inferiore a quello di senatori e deputati come dice Zanda? Come spiegato nel regolamento, il compenso mensile è di 8mila euro lordi (ovvero 6250 netti) a cui aggiungere 304 euro al giorno di diaria e 4mila 299 euro per le spese generali. Nel complesso, calcolando anche altri vantaggi, un parlamentare europeo guadagna tra i 16mila e i 19mila euro al mese. Molto di più dei 14mila euro circa che percepiscono oggi deputati e senatori calcolando indennità, diaria e rimborso per le spese di mandato."

Oggi i nostri deputati e senatori guadagnano 14.000 euro, non ce la fanno poverini... Certo che il PD se vuole proprio suicidarsi continui pure a dire accogliamo tutti e aumentiamoci lo stipendio che vince sicuro!+

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/27/pd-la-proposta-del-nuovo-corso-firmata-dal-tesoriere-zanda-piu-soldi-agli-eletti-patuanelli-zingaretti-sei-daccordo/5065880/

Risultati immagini per zingaretti zanda

 

Il nuovo che avanza  risate.gif1..gif

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Serve una grande, enorme, colossale faccia di bronzo per opporsi al reddito di cittadinanza ai poveri e poi chiedere di alzare a 19.000 euro al mese gli stipendi dei parlamentari. Più un fondo di 90 milioni a legislatura ripristinando il finanziamento pubblico ai partiti contro la volontà del popolo sovrano che nel 1993 lo bocciò a schiacciante maggioranza (90,3% con 31,2 milioni di voti). Il nuovo (si fa per dire) tesoriere del Pd, l'ex democristiano Zanda (77 anni), non si rassegna a tirare la cinghia e alla rottamazione finanziaria (uno degli effetti collaterali del renzismo spendaccione e inefficiente) di un partito esoso nei confronti degli eletti e degli iscritti, che un tempo poteva permettersi centinaia di dipendenti, un quotidiano di proprietà, sedi lussuose, treni elettorali presi a noleggio, milioni di lettere spedite agli elettori residenti all'estero, e il costoso consulente elettorale di Obama per vincere un referendum. Crollano i voti, crollano gli eletti e gli iscritti, dunque crollano le entrate del Pd, e Zanda non trova di meglio che proporre di mettere le mani nelle tasche degli italiani per coprire i buchi di enti privati (i partiti). Meno male che questo ente privato chiamato Pd insieme al pudore ha perso anche il potere altrimenti non lo avrebbe proposto, lo avrebbe già fatto.

Ecco invece quello che propongo io. Approvare rapidamente la riforma costituzionale del M5S che prevede il taglio di oltre un terzo (345 su 945) dei membri di uno dei parlamenti nazionali più costosi e più affollati al mondo (assenteismo a parte). Aggiungerei l'estensione di questo taglio ai consigli regionali (ma l'ideale sarebbe abolire le Regioni) e un limite di tre mandati elettivi complessivi (es. puoi fare una volta il sindaco, una volta il consigliere regionale e una volta il deputato, poi stop). Inoltre, sempre per abolire non la politica e i politici ma il mestiere del politico (che nei paesi seri non esiste), azzererei gli stipendi dei parlamentari (nazionali e regionali) pagandoli solo con un gettone di presenza (come già avviene per i consiglieri comunali), azzerando anche i loro innumerevoli privilegi, facilitazioni, sconti, etc., e mantenendo un rimborso spese che però dovrebbe coprire (entro un tetto mensile massimo) le sole spese effettive, documentate e giustificate. Con queste semplici misure risparmieremmo centinaia di milioni l'anno e ridurremo l'assenteismo dei parlamentari.  

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Nel mentre  i miliTONTI fanno a gara per rendere sempre più lucide e umettate  le Kiappe dei loro beniamini.

😁

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io diminuerei i loro stipendi, ma moltiplicherei il numero di onorevoli e senatori.

Uno ogni famiglia italiana, così vivremo tutti felici e contenti.

E finalmente anche il Sig director non avrà più motivo di rosicare.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

33 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Io diminuerei i loro stipendi, ma moltiplicherei il numero di onorevoli e senatori.

Uno ogni famiglia italiana, così vivremo tutti felici e contenti.

E finalmente anche il Sig director non avrà più motivo di rosicare.

È quello che vogliono fare i 5 Stelle (a costi minimi in un prossimo futuro) con la democrazia diretta in versione digitale (e-democracy). Ogni elettore lancia delle proposte da casa sua, le discute on line, osserva simulazioni in real time dei loro effetti, le vota o le respinge, vota la fiducia al governo ed elegge il capo dello Stato.

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Zanda   quello  che   vorrebbe   fare  l'accordo  con   i pentecatti   ?   Incredibile...

“Abbiamo già chiarito e confermo: non c’è nessuna proposta del #Pd per un aumento degli stipendi dei parlamentari. C’è una proposta di legge presentata da Luigi #Zanda, che ha tutta la mia stima, prima della nomina a tesoriere e addirittura prima delle primarie. No ai polveroni”. Lo scrive su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Serve una grande, enorme, colossale faccia di bronzo per opporsi al reddito di cittadinanza ai poveri e poi chiedere di alzare a 19.000 euro al mese gli stipendi dei parlamentari. Più un fondo di 90 milioni a legislatura ripristinando il finanziamento pubblico ai partiti contro la volontà del popolo sovrano che nel 1993 lo bocciò a schiacciante maggioranza (90,3% con 31,2 milioni di voti). Il nuovo (si fa per dire) tesoriere del Pd, l'ex democristiano Zanda (77 anni), non si rassegna a tirare la cinghia e alla rottamazione finanziaria (uno degli effetti collaterali del renzismo spendaccione e inefficiente) di un partito esoso nei confronti degli eletti e degli iscritti, che un tempo poteva permettersi centinaia di dipendenti, un quotidiano di proprietà, sedi lussuose, treni elettorali presi a noleggio, milioni di lettere spedite agli elettori residenti all'estero, e il costoso consulente elettorale di Obama per vincere un referendum. Crollano i voti, crollano gli eletti e gli iscritti, dunque crollano le entrate del Pd, e Zanda non trova di meglio che proporre di mettere le mani nelle tasche degli italiani per coprire i buchi di enti privati (i partiti). Meno male che questo ente privato chiamato Pd insieme al pudore ha perso anche il potere altrimenti non lo avrebbe proposto, lo avrebbe già fatto.

Ecco invece quello che propongo io. Approvare rapidamente la riforma costituzionale del M5S che prevede il taglio di oltre un terzo (345 su 945) dei membri di uno dei parlamenti nazionali più costosi e più affollati al mondo (assenteismo a parte). Aggiungerei l'estensione di questo taglio ai consigli regionali (ma l'ideale sarebbe abolire le Regioni) e un limite di tre mandati elettivi complessivi (es. puoi fare una volta il sindaco, una volta il consigliere regionale e una volta il deputato, poi stop). Inoltre, sempre per abolire non la politica e i politici ma il mestiere del politico (che nei paesi seri non esiste), azzererei gli stipendi dei parlamentari (nazionali e regionali) pagandoli solo con un gettone di presenza (come già avviene per i consiglieri comunali), azzerando anche i loro innumerevoli privilegi, facilitazioni, sconti, etc., e mantenendo un rimborso spese che però dovrebbe coprire (entro un tetto mensile massimo) le sole spese effettive, documentate e giustificate. Con queste semplici misure risparmieremmo centinaia di milioni l'anno e ridurremo l'assenteismo dei parlamentari.  

Oggi non ho granché voglia di discutere e di sputtanare un co@lione come il Cazzaro di Napoli . Allora sapete che faccio ??  Mi propongo come mandante ed assumo un sicario che svolga il “lavoro” per mio conto . E sapete chi assumo come sicario ?? Assumo Fan Page , una rivista tanto cara al Cazzaro  di Napoli che lo stesso co@lione Partenopeo ha portato più volte come prova per le sue vergognose bugie . Sarà proprio Fan Page che sputtanera’ il Cazzaro di Napoli Fosforo 41 ... volte idio ta !! E mo’ che fara’ , il Panzanaro bugiardo ?? Ahahahahahah  

 

 Legge Zanda: 

Totale:

– attuale: indennità (lorda) 10385,31 + altre spese per 7240 euro (più altri eventuali 2090 euro)

– legge Zanda: indennità (lorda) 8757,70 euro + 9313 euro + spese di viaggio e collaboratori pagati a parte.

Dunque, da un punto di vista strettamente formale non è corretto dire che "Zanda vuole aumentare lo stipendio ai parlamentari", visto che l'indennità diminuisce di una cifra non compensata dall'aumento della diaria....

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Oggi non ho granché voglia di discutere e di sputtanare un co@lione come il Cazzaro di Napoli . Allora sapete che faccio ??  Mi propongo come mandante ed assumo un sicario che svolga il “lavoro” per mio conto . E sapete chi assumo come sicario ?? Assumo Fan Page , una rivista tanto cara al Cazzaro  di Napoli che lo stesso co@lione Partenopeo ha portato più volte come prova per le sue vergognose bugie . Sarà proprio Fan Page che sputtanera’ il Cazzaro di Napoli Fosforo 41 ... volte idio ta !! E mo’ che fara’ , il Panzanaro bugiardo ?? Ahahahahahah  

 

 Legge Zanda: 

Totale:

– attuale: indennità (lorda) 10385,31 + altre spese per 7240 euro (più altri eventuali 2090 euro)

– legge Zanda: indennità (lorda) 8757,70 euro + 9313 euro + spese di viaggio e collaboratori pagati a parte.

Dunque, da un punto di vista strettamente formale non è corretto dire che "Zanda vuole aumentare lo stipendio ai parlamentari", visto che l'indennità diminuisce di una cifra non compensata dall'aumento della diaria....

 

A me sembra un aumento. Sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, ahaha.ha ha scritto:

A me sembra un aumento. Sbaglio?

A me  sembra    che era  solo  una  proposta   che  non  ha  avuto  alcun  seguito , come  quella  del taglio degli  stipendi   di casa  grullesca  o  quella  delle  accise   del salvini...  ma   da  parte  dei  forumisti   su  questo grande  silenzio...  come  sul flop  del  cosidetto  non redditto  di cittadinanza  o  quota  cento... di  cui ad  oggi ne  approfittano  solo  chi non  ne  aveva  bisogno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

A me sembra un aumento. Sbaglio?

A lei sembra un aumento ?? Annamo bene !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo41 ha scritto:

È quello che vogliono fare i 5 Stelle (a costi minimi in un prossimo futuro) con la democrazia diretta in versione digitale (e-democracy). Ogni elettore lancia delle proposte da casa sua, le discute on line, osserva simulazioni in real time dei loro effetti, le vota o le respinge, vota la fiducia al governo ed elegge il capo dello Stato.

 

Ah !!! Può ordinare pure le pizze ed i biglietti del cinema ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Ah !!! Può ordinare pure le pizze ed i biglietti del cinema ?? 

Elettore    de  che  ?  dei scappati di casa   o tutti  perchè per  ora   quella  democrazia  non tanto  diretta o meglio  diretta  dalla  casaleggio &co  è  off limits per  i   normali   cittadini .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Serve una grande, enorme, colossale faccia di bronzo per opporsi al reddito di cittadinanza ai poveri e poi chiedere di alzare a 19.000 euro al mese gli stipendi dei parlamentari. Più un fondo di 90 milioni a legislatura ripristinando il finanziamento pubblico ai partiti contro la volontà del popolo sovrano che nel 1993 lo bocciò a schiacciante maggioranza (90,3% con 31,2 milioni di voti). Il nuovo (si fa per dire) tesoriere del Pd, l'ex democristiano Zanda (77 anni), non si rassegna a tirare la cinghia e alla rottamazione finanziaria (uno degli effetti collaterali del renzismo spendaccione e inefficiente) di un partito esoso nei confronti degli eletti e degli iscritti, che un tempo poteva permettersi centinaia di dipendenti, un quotidiano di proprietà, sedi lussuose, treni elettorali presi a noleggio, milioni di lettere spedite agli elettori residenti all'estero, e il costoso consulente elettorale di Obama per vincere un referendum. Crollano i voti, crollano gli eletti e gli iscritti, dunque crollano le entrate del Pd, e Zanda non trova di meglio che proporre di mettere le mani nelle tasche degli italiani per coprire i buchi di enti privati (i partiti). Meno male che questo ente privato chiamato Pd insieme al pudore ha perso anche il potere altrimenti non lo avrebbe proposto, lo avrebbe già fatto.

Ecco invece quello che propongo io. Approvare rapidamente la riforma costituzionale del M5S che prevede il taglio di oltre un terzo (345 su 945) dei membri di uno dei parlamenti nazionali più costosi e più affollati al mondo (assenteismo a parte). Aggiungerei l'estensione di questo taglio ai consigli regionali (ma l'ideale sarebbe abolire le Regioni) e un limite di tre mandati elettivi complessivi (es. puoi fare una volta il sindaco, una volta il consigliere regionale e una volta il deputato, poi stop). Inoltre, sempre per abolire non la politica e i politici ma il mestiere del politico (che nei paesi seri non esiste), azzererei gli stipendi dei parlamentari (nazionali e regionali) pagandoli solo con un gettone di presenza (come già avviene per i consiglieri comunali), azzerando anche i loro innumerevoli privilegi, facilitazioni, sconti, etc., e mantenendo un rimborso spese che però dovrebbe coprire (entro un tetto mensile massimo) le sole spese effettive, documentate e giustificate. Con queste semplici misure risparmieremmo centinaia di milioni l'anno e ridurremo l'assenteismo dei parlamentari.  

Berlusconi e Colaninno possono permettersi di fare il parlamentare gratis.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Berlusconi e Colaninno possono permettersi di fare il parlamentare gratis.

Anche  Casaleggio ( non eletto  )  che  si  piglia  i nostri  soldi  abusivamente  mascherandosi   dietro  una  cosidetta  piattaforma  ... de  che  ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo41 ha scritto:

È quello che vogliono fare i 5 Stelle (a costi minimi in un prossimo futuro) con la democrazia diretta in versione digitale (e-democracy). Ogni elettore lancia delle proposte da casa sua, le discute on line, osserva simulazioni in real time dei loro effetti, le vota o le respinge, vota la fiducia al governo ed elegge il capo dello Stato.

 

Senza alcuna garanzia che la Piattaforma Rousseau offra:

1-certezza e segretezza del voto;

2-non manipolabilità dei risultati;

3-accessibilita' dello strumento anche per un analfabeta.

Poi 53.000 votanti online decidono di Salvare Salvini.......

Piciu più del director !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Senza alcuna garanzia che la Piattaforma Rousseau offra:

1-certezza e segretezza del voto;

2-non manipolabilità dei risultati;

3-accessibilita' dello strumento anche per un analfabeta.

Poi 53.000 votanti online decidono di Salvare Salvini.......

Piciu più del director !!

Brevemente. 

1) In democrazia diretta il voto segreto non ha senso. Ciascuno si assume la responsabilità diretta e personale di ciò che vota.

2) La soluzione c'è già, si chiama blockchain. Non è a prova di bomba ma è milioni di volte più sicura del vigente sistema di voto con scheda cartacea, urne, scrutatori, etc.

3) In democrazia diretta un analfabeta ha diritto al reddito di cittadinanza, non al voto. Peraltro oggi in quinta elementare si insegnano i diagrammi di flusso e i linguaggi di programmazione. Cose che io vidi per la prima volta al secondo anno di università. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, mark222220 ha scritto:

A lei sembra un aumento ?? Annamo bene !! 

Non lo è?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Non lo è?

Veda lei ...!! 

 

Indennità:

– attuale: 10385,31 euro

– legge Zanda: 8757,70 euro

Diaria:

– attuale: 3500 euro

– legge Zanda: 4800 euro

Esercizio del mandato:

– attuale: 2090 euro (più altri 2090 euro)

– legge Zanda: 4513 euro, con collaboratori pagati a parte

Altre spese:

– attuale: 1650 euro di rimborso forfettario

– legge Zanda: solo spese effettuate

Totale:

– attuale: indennità (lorda) 10385,31 + altre spese per 7240 euro (più altri eventuali 2090 euro)

– legge Zanda: indennità (lorda) 8757,70 euro + 9313 euro + spese di viaggio e collaboratori pagati a parte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Serve una grande, enorme, colossale faccia di bronzo per opporsi al reddito di cittadinanza ai poveri e poi chiedere di alzare a 19.000 euro al mese gli stipendi dei parlamentari. Più un fondo di 90 milioni a legislatura ripristinando il finanziamento pubblico ai partiti contro la volontà del popolo sovrano che nel 1993 lo bocciò a schiacciante maggioranza (90,3% con 31,2 milioni di voti). Il nuovo (si fa per dire) tesoriere del Pd, l'ex democristiano Zanda (77 anni), non si rassegna a tirare la cinghia e alla rottamazione finanziaria (uno degli effetti collaterali del renzismo spendaccione e inefficiente) di un partito esoso nei confronti degli eletti e degli iscritti, che un tempo poteva permettersi centinaia di dipendenti, un quotidiano di proprietà, sedi lussuose, treni elettorali presi a noleggio, milioni di lettere spedite agli elettori residenti all'estero, e il costoso consulente elettorale di Obama per vincere un referendum. Crollano i voti, crollano gli eletti e gli iscritti, dunque crollano le entrate del Pd, e Zanda non trova di meglio che proporre di mettere le mani nelle tasche degli italiani per coprire i buchi di enti privati (i partiti). Meno male che questo ente privato chiamato Pd insieme al pudore ha perso anche il potere altrimenti non lo avrebbe proposto, lo avrebbe già fatto.

Ecco invece quello che propongo io. Approvare rapidamente la riforma costituzionale del M5S che prevede il taglio di oltre un terzo (345 su 945) dei membri di uno dei parlamenti nazionali più costosi e più affollati al mondo (assenteismo a parte). Aggiungerei l'estensione di questo taglio ai consigli regionali (ma l'ideale sarebbe abolire le Regioni) e un limite di tre mandati elettivi complessivi (es. puoi fare una volta il sindaco, una volta il consigliere regionale e una volta il deputato, poi stop). Inoltre, sempre per abolire non la politica e i politici ma il mestiere del politico (che nei paesi seri non esiste), azzererei gli stipendi dei parlamentari (nazionali e regionali) pagandoli solo con un gettone di presenza (come già avviene per i consiglieri comunali), azzerando anche i loro innumerevoli privilegi, facilitazioni, sconti, etc., e mantenendo un rimborso spese che però dovrebbe coprire (entro un tetto mensile massimo) le sole spese effettive, documentate e giustificate. Con queste semplici misure risparmieremmo centinaia di milioni l'anno e ridurremo l'assenteismo dei parlamentari.  

Sei solo e soltanto un diffusore specializzato e vergognoso di fake news . Un poveraccio malato di antipiddi . Una Mer da che si trasforma in sembianze umane !! Non c’è una , ripeto una , cosa vera in quel che affermi nel tuo post tratto completamente dal Falso Quotidiano . E te , formidabile impostore , avresti pure il coraggio di venire a parlare di pudore ?? Te che parli di pudore ?? Ma dovresti vergognarti ogni volta che ti guardi allo specchio . Intanto , pezzodimmerda , la proposta di Zanda , peraltro giusta nella forma e nella sostanza , e’ di ...Zanda !! Stop !! E’ sua come singolo parlamentare e non e’ proposta come gruppo Parlamentare PD. Perché per esserlo avrebbe dovuto essere accompagnata da un congruo numero di firme di altri parlamentari del PD . E così non e’ . Zingaretti non c’entra un caz.z.o perché quando Zanda la presento’ la sua proposta a fine Gennaio, Zingaretti non era ancora stato eletto Segretario .  Asserisci che la proposta di Zanda aumenterebbe lo stipendio dei Parlamentari italiani mentre lo diminuirebbe di circa 1.500 euro al mese equiparandolo agli stipendi dei parlamentari europei . L’unico “ neo” della sua proposta sta solo nella disposizione di fine mandato e relativa corresponsione che viene conteggiato su una base di 5 anni di attività e su una base mensile che va dai 12 ai 16 giorni lavorativi , ma che comunque verrebbe maturato ed elargito al parlamentare al compimento dei 63 anni . E sarebbe una quota e non tutto il maturato perché la quota maggiore andrebbe ad impinguare il fondo che te , spudoratamente e vergognosamente , chiami finanziamento pubblico ai partiti mentre sarebbe invece un finanziamento alla democrazia visto che non tutti hanno una piattaforma Rousseau che incamera milioni a palate dai propri rappresentanti , che non tutti hanno un miliardario come Berlusconi alle spalle e visto che non tutti fanno sparire 49 milioni di euro come ha fatto la Lega . E comunque , sulla disposizione di fine mandato si poteva discutere ed eventualmente rimediare . Ma a te , sporco individuo , ciò non basta !! A te interessa solo e soltanto gettare Mer da sul PD . Ma stai tranquillo e ingozzati bene di Maloox !! A differenza di quel che bramavi il PD non solo non e’ morto , anzi , Migliora sempre più la sua salute e se proprio devi preoccuparti della salute di qualcuno pensa a quella dei tuoi amici scappati da casa e soprattutto di quella del bibitaro e che forse tornerà a farlo . Tralascio l’ultima parte del tuo ridicolo post. Primo perché della tua proposta non me ne frega un *** ed , anzi , solo come ti poni nel proporla “ Ecco cosa propongo io “ con il tono di colui che crede di essere un importante ed ascoltato interlocutore dimostra tutta la tua predisposizione a voler essere considerato saccentemente un “primo della classe “ , mentre sei soltanto uno spocchioso Napoletano che ama salire sul piedistallo convinto di impartire lezioni . Secondo perché quel che proponi farebbe concorrenza ai film più comici di Stanlio ed Ollio . E non dico altro . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Brevemente. 

1) In democrazia diretta il voto segreto non ha senso. Ciascuno si assume la responsabilità diretta e personale di ciò che vota.

2) La soluzione c'è già, si chiama blockchain. Non è a prova di bomba ma è milioni di volte più sicura del vigente sistema di voto con scheda cartacea, urne, scrutatori, etc.

3) In democrazia diretta un analfabeta ha diritto al reddito di cittadinanza, non al voto. Peraltro oggi in quinta elementare si insegnano i diagrammi di flusso e i linguaggi di programmazione. Cose che io vidi per la prima volta al secondo anno di università. 

Prendo atto del fatto che un analfabeta nella sua democrazia vale meno di un diplomato.

La Costituzione italiana dal 1946, quella Americana da due secoli prima, prevedono il contrario.

Una testa, un voto. Senza alcun ritorno al voto per censo, ma neanche per titolo di studio.

Il suo modello assomiglia al Sudafrica prima di Nelson Mandela. Si vergogni.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Prendo atto del fatto che un analfabeta nella sua democrazia vale meno di un diplomato.

La Costituzione italiana dal 1946, quella Americana da due secoli prima, prevedono il contrario.

Una testa, un voto. Senza alcun ritorno al voto per censo, ma neanche per titolo di studio.

Il suo modello assomiglia al Sudafrica prima di Nelson Mandela. Si vergogni.

Stai calmo e cerca di usare l'organo che hai tra le orecchie. Tu hai posto una domanda tecnica e io ho dato una risposta tecnica. Lo strumento informatico che realizzerà la democrazia diretta sarà accessibile agli analfabeti? No, ovviamente non lo sarà. La e-democracy è una cosa seria e non banale. Ed è anche qualcosa di più dell'agorà degli antichi greci e dell'assemblea del villaggio o del Comune del medioevo. Così come gli analfabeti non possono accedere alle opere di Kant ma nemmeno alla lettura di un quotidiano. Nel XXI secolo l'analfabetismo classico è stato (si spera) sradicato. Ma se uno non sa leggere e non sa scrivere, e non sente nemmeno l'esigenza di imparare a farlo, è del tutto evidente che non solo non può fare il deputato o il senatore, ma al giorno d'oggi non può neppure uscire di casa da solo, se non a suo rischio e pericolo, a meno che non viva in aperta campagna in mezzo a gente onesta. Oggi si parla di analfabetismo funzionale e di analfabetismo digitale. Un analfabeta funzionale è in grado di leggere un quotidiano ma non è in grado di capire ciò che legge, se non in minima parte (fa eccezione il becero Libero, anzi Occupato, di Feltri). Costui ha certamente il diritto di votare ma non di fare il deputato o il senatore. La Costituzione gli riconosce questo diritto teorico ma i diritti sono tali SE E SOLO SE esercitabili in pratica. Quale partito candiderebbe un analfabeta funzionale al Parlamento? Il tragicomico caso di Giggino 'a purpetta è l'eccezione che conferma la regola. Ma in e-democracy anche Giggino sarebbe per forza di cose tagliato fuori, e con lui tutti gli analfabeti digitali. In democrazia diretta tutti i cittadini maggiorenni e incensurati sono deputati e senatori di un grande Parlamento Virtuale, ma devono essere in grado di usare lo strumento informatico. In teoria un cieco ha diritto di andare dove gli pare, in pratica purtroppo no. Naturalmente non sarà necessario essere esperti programmatori o webmasters per usare la piattaforma digitale della e-democracy. Basterà poco più di quello che oggi serve per usare uno smartphone e frequentare attivamente i social. Anche il più povero degli ignoranti, tramite il reddito di cittadinanza e corsi di alfabetizzazione digitale, potrà acquistare un tablet e imparare a usarlo. Se però non avrà voglia di farlo, allora dovrà rassegnarsi a restare fuori dall'Aula virtuale che un giorno sostituirà Montecitorio e palazzo Madama.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, fosforo41 ha scritto:

 

 ....In democrazia diretta un analfabeta ha diritto al reddito di cittadinanza, non al voto. Peraltro oggi in quinta elementare si insegnano i diagrammi di flusso e i linguaggi di programmazione...

Ecco qua !! Eccola qua la vera natura del Cazzaro !! Un analfabeta non e’ una persona come tutti gli altri !! Macché !! Prenda un po’ di soldi che gli permettano di vivere senza morire di fame ma non si azzardi a chiedere altro . Ha un cervello inferiore e non può e non deve partecipare a tutto ciò che la Costituzione , invece , gli consente . Votare ?? Ci mancherebbe !! Ci sono gli altri che decidono per lui . E poi cosa gli togliamo ?? Pure il diritto di ascoltare ed amare la musica perché non la capisce , di decidere da chi vuol essere curato perché sono altri che decidono per lui ?? Dove abitare perché altri gli assegnano una casa ??  Non trovò più aggettivi . No meglio , ne avrei tanti !! Meglio tenermeli per me !! 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma  vuoi  vedere  che    è  ancora  colpa  di -Renzi  perché  gira  e  rigira  a  questo  vuol  arrivare  il  malato  di renzite  acuta... ma  naturalmente  non vede  le  cialtronate  ben  peggiori  che   fanno  i  suoi  beniamini 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora