i soldi fanno skifo...sono del diavolo,dicono i preti

E nella vicenda era coinvolto persino un parroco. È il "sodalizio criminale" scoperto oggi in Piemonte, tra Verbania e Novara, dalla polizia dopo indagini durate oltre un anno.

In manette nell'operazione "Super Santos" sono finiti sette brasiliani che in appena tre giorni sono stati in grado di trasformare 800 brasiliani in cittadini italiani. Ogni "pratica" al prezzo di 7mila euro in contanti tutto incluso. E, per chi ne avesse avuto voglia, offrivano escursioni sul lago Maggiore e degustazione dei prodotti locali. A chi acquistava il "pacchetto" l'agenzia d'affari illegale garantiva la cittadinanza inducendo in errore gli ufficiali delle Anagrafi perché facessero risultare gli "assistiti" residenti nei Comuni coinvolti ottenendo così illegamente i requisiti per chiedere la cittadinanza italiana. Infine i neoitaliani postavano su Facebook un selfie col passaporto in mano e con alle spalle l'ingresso del Municipio e prendevano il volo verso Stati Uniti e Canada dove, da cittadini Ue, sarebbe stato più semplice entrare.

Un enorme business illecito messo in piede dagli arrestati e che ha coinvolto persino un parroco della diocesi di Padova, ora sottoposto a obbligo di firma. Il religioso avrebbe fornito in cambio di denaro un falso certificato di battesimo che dimostrava la presunta discendenza da un avo italiano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora