distrazioni di massa:hanno tolto di mezzo il bimbo eroe del bus

Dilaga la protesta per la manipolazione mediatica della tentata strage del bus. Con i piccoli eroi italiani ‘cancellati’ dai media per fare spazio a quelli ‘senza cittadinanza’.

La Verità
21 hours ago

Le furbate per distrarre Ousseynou Sy, le telefonate ai soccorritori e una bidella ustionata per proteggere gli scolari: il salvataggio sull'autobus è stata una grande e bellissima azione di squadra. Però i media buonisti elogiano, strumentalmente, il giovane Rami e non Riccardo.

La prova del 9?????? bene ...guardate stasera in prima serata su rai uno chi saranno gli invitati!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

15 messaggi in questa discussione

questo bambini eroe non è stato invitati nella rete rai,quella pagata con il nostro canone!!loro strumentalizzano pe rparlare dello ius soli!!!

2wq3pj-672x372.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo è così ma si sapeva che appena è al governo la sinistra sfrutta alla perfezione i numeri e occupa le televisioni.

Forse poteva essere diverso se invece fosse stata al governo la destra e, se invece di aver eletto Foa, avessero eletto qualche altro. 

Secondo me si può sperare in meglio solo se cambia il governo. Spettabile però difficile per cui purtroppo bisogna sopportare questo strapotere.

E per capire quanto ciò è vero basta ricordare il poco tempo in Tv che fu concesso al Capitano. Forse mi sbaglio ma ricordo davvero pochi minuti di trasmissione per il po' ero Capitano. E questo non è stato giusto. Sembra di essere in una dittatura. Speriamo che il povero Capy non sia costretto a uno spazio televisivo così ridotto perché sarebbe drammatico.

Piuttosto come al solito io però non ricordo bene le cose. Mi pare di ricordare che sta governando la sinistra e che in Rai hanno fatto loro le nomine. È così vero?

Allora si spiega tutto.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Purtroppo è così ma si sapeva che appena è al governo la sinistra sfrutta alla perfezione i numeri e occupa le televisioni.

Forse poteva e

 

Oltre 18 milioni di euro all’anno. Tanto costa mandare in onda il programma Che tempo che fa, condotto da Fabio Fazio, passato da Rai3 a Rai1. ora in grado di rivelare – sulla base dei documenti interni all’azienda di Stato – i dettagli delle spese del programma, compreso l’incasso di Officina Srl, società proprietaria del format che ne realizza la produzione (le quote sono detenute al 50 per cento da Fazio stesso, il restante da Magnolia).

Finora era noto il compenso del conduttore: quei 2.240.000 milioni di euro all’anno (al lordo delle imposte) stabiliti dal contratto numero 19.630 stipulato il 28 luglio 2017: il compenso “per l’opera artistica e professionale” riguarda 64 puntate per il ruolo di “conduttore, autore testi/consulente artistico-autorale, direttore artistico”, per quattro anni, fino al 2021.

Il punto più delicato riguarda i costi di produzione con “appalto parziale” (senza gara) e lo sfruttamento del format, contrattualizzati con Officina Srl nel settembre 2017 per evitare che le emittenti concorrenti potessero mettere le mani sul programma di Fazio.

E qui la novità. I 18.325.350 euro di costi annui sono così suddivisi: 10.644.400 per il solo primo anno del quadriennio, di cui 704.000 annui per i diritti del format, il resto sono quindi i costi di produzione. Denaro che finisce nelle casse di Officina Srl. Poi, per la Rai, ci sono i costi di rete: scenografia, regia, redazione, acquisto diritti di filmati e foto, quantificati in 2,8 milioni di euro. A ciò si aggiungono altri 2,6 milioni per costumi, trucco, riprese, servizi in esterna e così via.

Per ogni puntata in prima serata, quindi, la Tv di Stato spende 409 milaeuro. Un costo rilevante per un programma fatto di interviste ma, ripetono da viale Mazzini, comunque inferiore agli 800.000 di media a serata per “gli intrattenimenti tipici” trasmessi dalla rete in quella fascia oraria (come ad esempio le fiction) che salgono a 1,1 milioni per “i top di gamma”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, director12 ha scritto:

Oltre 18 milioni di euro all’anno. Tanto costa mandare in onda il programma Che tempo che fa, condotto da Fabio Fazio, passato da Rai3 a Rai1. ora in grado di rivelare – sulla base dei documenti interni all’azienda di Stato – i dettagli delle spese del programma, compreso l’incasso di Officina Srl, società proprietaria del format che ne realizza la produzione (le quote sono detenute al 50 per cento da Fazio stesso, il restante da Magnolia).

Finora era noto il compenso del conduttore: quei 2.240.000 milioni di euro all’anno (al lordo delle imposte) stabiliti dal contratto numero 19.630 stipulato il 28 luglio 2017: il compenso “per l’opera artistica e professionale” riguarda 64 puntate per il ruolo di “conduttore, autore testi/consulente artistico-autorale, direttore artistico”, per quattro anni, fino al 2021.

Il punto più delicato riguarda i costi di produzione con “appalto parziale” (senza gara) e lo sfruttamento del format, contrattualizzati con Officina Srl nel settembre 2017 per evitare che le emittenti concorrenti potessero mettere le mani sul programma di Fazio.

E qui la novità. I 18.325.350 euro di costi annui sono così suddivisi: 10.644.400 per il solo primo anno del quadriennio, di cui 704.000 annui per i diritti del format, il resto sono quindi i costi di produzione. Denaro che finisce nelle casse di Officina Srl. Poi, per la Rai, ci sono i costi di rete: scenografia, regia, redazione, acquisto diritti di filmati e foto, quantificati in 2,8 milioni di euro. A ciò si aggiungono altri 2,6 milioni per costumi, trucco, riprese, servizi in esterna e così via.

Per ogni puntata in prima serata, quindi, la Tv di Stato spende 409 milaeuro. Un costo rilevante per un programma fatto di interviste ma, ripetono da viale Mazzini, comunque inferiore agli 800.000 di media a serata per “gli intrattenimenti tipici” trasmessi dalla rete in quella fascia oraria (come ad esempio le fiction) che salgono a 1,1 milioni per “i top di gamma”.

Sarebbe piacevole, per esempio, avere un'idea seppure approssimativa di quanto costa ed è costato (da quando avevamo i pantaloncini  corti) l'esperto di contratti televisivi con gli Italiani.

Adesso non ricordo bene il nome, non ricordo se si chiamava Emilio Vespa o Bruno Fede. Quello insomma che aveva anche fatto un plastico del suo conto in banca.

Ps e Nn: continuo a non ricordare e basta, nonostante i miei continui e costanti sforzi, chi è al governo adesso, chi ha messo i suoi uomini e le sue donne nella TV pubblica (quella per cui paghiamo il canone tutti noi). E soprattutto non riesco assolutamente a capire chi dovrebbe agire e mettere a posto "le cose che non vanno bene' in TV.

Sono tanto scocciati da avere un peso così grande? Vabbè, basta dirlo 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Al potere, Sig ildi_vino, attualmente è un partito di sinistra che continua a menarla con i costi del "bel tempo "senza darci uno straccio di notizia sui ricavi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Sarebbe piacevole, per esempio, avere un'idea seppure approssimativa di quanto costa ed è costato (da quando avevamo i pantaloncini  corti) l'esperto di contratti televisivi con gli Italiani.

Adesso non ricordo bene il nome, non ricordo se si chiamava Emilio Vespa o Bruno Fede. Quello insomma che aveva anche fatto un plastico del suo conto in banca.

Ps e Nn: continuo a non ricordare e basta, nonostante i miei continui e costanti sforzi, chi è al governo adesso, chi ha messo i suoi uomini e le sue donne nella TV pubblica (quella per cui paghiamo il canone tutti noi). E soprattutto non riesco assolutamente a capire chi dovrebbe agire e mettere a posto "le cose che non vanno bene' in TV.

Sono tanto scocciati da avere un peso così grande? Vabbè, basta dirlo 

mettiti pure i pantaloncino corti,(cosi' prendi due piccioni con un afava!!),e rimembra pure...io ho prtato i fatti documenti,tu solo parole al vento...miste a qualche spalata di fango messa qua e la.paragonare i contratti di vespa con quell idi fazio.....è da cura di sclerosi!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, director12 ha scritto:

mettiti pure i pantaloncino corti,(cosi' prendi due piccioni con un afava!!),e rimembra pure...io ho prtato i fatti documenti,tu solo parole al vento...miste a qualche spalata di fango messa qua e la.paragonare i contratti di vespa con quell idi fazio.....è da cura di sclerosi!!

Tu hai portato fatti documentati..... e però (chissà perché) hai evitato di documentare quelli relativi a Emilio Vespa. È sicuramente un caso però, chissà perché, io sono estremamente convinto che, se al posto di Fazio e di un programma scomodo, ci fossa qualche altro e un altro programma un po' più comodo e slinguante, in fondo i costi non risulterebbero così proibitivi (anche perché andrebbero comparati coi ricavi).

E quanto sopra riportato é inesorabilmente dimostrato dal fatto che....non bisogna fare paragoni con Emilio Vespa. 

E perché di grazia? 

(Visto anche che sia Emilio Vespa o anche Bruno Fede sono lì da un'era geologica e sommando il secolo di trasmissioni, ci escono almeno da 2 a 5 finanziarie abbondanti? Questione di simpatia?).

Vabbè tu fai come credi, io ascolterò con piacere i due simpatici, coraggiosi e bravissimi (a detta dell'appuntato scelto Attori di Pirri frazione di Cagliari, uno che la divisa la porta davvero e che quindi non è un quaraquaqua qualunque) ragazzi.

Onore a Fazio per averli invitati nella sua trasmissione e per darci l'opportunità di conoscerli. Meno male che erano in quel pullman.......

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Tu hai portato fatti documentati..... e però (chissà perché) hai evitato di documentare quelli relativi a Emilio Vespa. È sicuramente un caso però, chissà perché, io sono estremamente convinto che, se al posto di Fazio e di un programma scomodo, ci fossa qualche

 

 

vedrai che i ltuo "eroe" se ne guardera' bene do postare notizie purtroppo all'ordine del giorno come queste:

Sono gambiani i due rapinatori arrestati dalla polizia a Napoli nella giornata di ieri.
Le due bestie hanno 19 e 27 anni: hanno aggredito una mamma che stava passeggiando con i suoi piccoli bambini.

Il pestaggio per rubarle il telefonino. La donna è stata infatti pestata dagli immigrati e solo l’intervento dei poliziotti ha evitato il peggio.

Gli agenti, durante i consueti pattugliamenti sul territorio, hanno sentito le urla della donna che indicava due giovani africani che si stavano allontanando di corsa alla vista della volante.

la plurarita' della tv!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, director12 ha scritto:

vedrai che i ltuo "eroe" se ne guardera' bene do postare notizie purtroppo all'ordine del giorno come queste:

Sono gambiani i due rapinatori arrestati dalla polizia a Napoli nella giornata di ieri.
Le due bestie hanno 19 e 27 anni: hanno aggredito una mamma che stava passeggiando con i suoi piccoli bambini.

Il pestaggio per rubarle il telefonino. La donna è stata infatti pestata dagli immigrati e solo l’intervento dei poliziotti ha evitato il peggio.

Gli agenti, durante i consueti pattugliamenti sul territorio, hanno sentito le urla della donna che indicava due giovani africani che si stavano allontanando di corsa alla vista della volante.

la plurarita' della tv!!!

Vedrai che a questo penserà Bruno. Lui è sempre stato per la pluralità televisiva. E poi ha il pregio di aver scambiato tante volte il suo programma (di contratto e dei contratti) con molti altri conduttori.

Solo una considerazione. Se, come dite, volete una TV "plurale", perché volete chiudere la bocca a chi non è allineato? Allora di che pluralità parlate?

Vai Fazio, guarda e passa.......

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ildi_vino ha scritto:

Vedrai che a questo penserà Bruno. Lui è sempre stato per la pluralità televisiva. E poi ha il pregio di aver scambiato tante volte il suo programma (di contratto e dei contratti) con molti altri conduttori.

Solo una considerazione. Se, come dite, volete una TV "plurale", perché volete chiudere la bocca a chi non è allineato? Allora di che pluralità parlate?

Vai Fazio, guarda e passa.......

 

E la solita e impertinente domanda. A chi compete fare in modo che ci sia a "pluralità televisiva"? Chi è adesso al governo? Chi ha nominato i vertici della Rai? Babbo Natale, Gesù Bambino o Nonno Bassotto?

(non facciamo i furbi please....)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, meme e testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

E la solita e impertinente domanda. A chi compete fare in modo che ci sia a "pluralità televisiva"? Chi è adesso al governo? Chi ha nominato i vertici della Rai? Babbo Natale, Gesù Bambino o Nonno Bassotto?

(non facciamo i furbi please....)

possiamo parlarne fino domani...ma se non ti rislta che il contratto l'abbia stipulato tale orfeo,allora sai sui habble

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, director12 ha scritto:

possiamo parlarne fino domani...ma se non ti rislta che il contratto l'abbia stipulato tale orfeo,allora sai sui habble

Vedi che basta poco per capirci. Come si fa a non darti ragione?

In effetti è vero. La tua è una dimostrazione plastica di come si può fare distrazione di massa facendo finta di perlate di "pluralità dell'informazione". Pluralità dell'informazione ovviamente intesa nel tentare in tutti i modi di tappare la bocca e far fuori chi non è allineato. Nel senso insomma che, fatti fuori tutti quelli che cantano fuori dal coro, la "pluralità di informazione" diventa praticamente perfetta. Per la precisione, diventa una pluralità di monodisinformazione. Una pacchia insomma che potrebbe anche essere chiamata, per semplicità, distrazione di massa. Esattamente come hai detto tu. Bravo. Davvero.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Vedi che basta poco per capirci. Come si fa a non darti ragione?

In effetti è vero. La tua è una dimostrazione plastica di come si può fare distrazione di massa facendo finta di perlate di "pluralità dell'informazione". Pluralità dell'informazione ovviamente intesa nel tentare in tutti i modi di tappare la bocca e far fuori chi non è allineato. Nel senso insomma che, fatti fuori tutti quelli che cantano fuori dal coro, la "pluralità di informazione" diventa praticamente perfetta. Per la precisione, diventa una pluralità di monodisinformazione. Una pacchia insomma che potrebbe anche essere chiamata, per semplicità, distrazione di massa. Esattamente come hai detto tu. Bravo. Davvero.

 

vedi,per me "pluratita'" potrebbe essere anche una semplice,democratica,doveroso contraddittorio!!! NO AI SENSI UNICI IN TV di stato!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora