Arriva su Twitter un robot che brucia ogni tweet di Trump. Ma la democrazia?

Che il nuovo Presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia una passione per Twitter è ormai chiaro. Sia in campagna elettorale che in seguito alla sua elezione, Trump non ha mai smesso di twittare attaccando i suoi avversari, difendendo le sue scelte e non lesinando sulle frecciatine lanciate a Hillary Clinton. Allo stesso modo, questo suo approccio "pubblico" lo porta inevitabilmente a ricevere innumerevoli risposte dagli utenti, soprattutto quelli poco vicini alle sue idee. Ora uno sviluppatore ha trovato un nuovo ingegnoso modo per rispondere ai tweet di Trump: stamparli e bruciarli.


L'accout @Burnedyourtweet fa esattamente questo: sfruttando un robot e un software, il progetto stampa i messaggi di Trump e li brucia. Il tutto filmando il processo per poi caricare il video automaticamente su Twitter e pubblicandolo come risposta al tweet del Presidente degli USA. "@RealDonaldTrump ho bruciato il tuo tweet" recita il messaggio, seguito dal filmato anch'esso girato in maniera automatica da un apparentemente complesso sistema robotico. 


Il processo di bruciatura è semplice, ma gestito da diverse parti in movimento. Prima di tutto una piccola stampante stampa i messaggi su un foglietto di carta che in seguito viene tagliato da un paio di forbici e afferrato da due pinze. Una volta spostato lontano dalla stampante, il foglio viene bruciato da un accendino e poi adagiato nel posacenere. Il tutto viene filmato automaticamente da una camera che segue tutti questi processi e poi carica il filmato risultante su twitter, dove viene pubblicato senza commenti.

Io Trump lo odio, parliamoci chiaro, ma è stato votato dalla maggioranza degli americani o no? perché Obama non riceveva le stesse attenzioni dagli hater?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

bravo mark

la democrazia va bene fino a quando non sale al governo un reazionario

lì non va più bene

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

no, i realtà potrebbe averlo votato una minoranza degli americani, basta che fossero quelli dei grandi elettori.

comunque questa èdemocrazia non è un organo di governo che brucia i tweets di trump, ma un privato cittadino che ha il democratico diritto di manifestare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Protestare contro Trump è cosa buona e giusta...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.... il Trump nn é l'unico ad aver il pallino di Twitter....  

cmq se ha ricevuto + voti della Clinton, supportata dai 2 Obama, evidentem la maggior parte degli americani avrà avuto le palle piene di qualcuno...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ammazza si sono impegnati questi! per fare una cosa che per di più serve anche a poco se non a far sorridere gli hater di trump... anzi forse l'ha pensata e finanziata proprio lui! w la dietrologia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, aljadida5 ha scritto:

ammazza si sono impegnati questi! per fare una cosa che per di più serve anche a poco se non a far sorridere gli hater di trump... anzi forse l'ha pensata e finanziata proprio lui! w la dietrologia

questo è vero!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, markozelek ha scritto:

Io Trump lo odio, parliamoci chiaro, ma è stato votato dalla maggioranza degli americani o no? perché Obama non riceveva le stesse attenzioni dagli hater

Ti devo correggere. Donald Trump ha vinto le elezioni con il 46,1% dei voti (quindi sotto la maggioranza). Tenuto conto dell'affluenza, pari al 54,7%, possiamo dire che Trump è stato votato da appena il 25% degli elettori americani. La Clinton ha preso quasi 3 milioni di voti più del suo rivale (48,2%) ed è stata sconfitta solo per effetto di un sistema elettorale a dir poco discutibile.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Ti devo correggere. Donald Trump ha vinto le elezioni con il 46,1% dei voti (quindi sotto la maggioranza). Tenuto conto dell'affluenza, pari al 54,7%, possiamo dire che Trump è stato votato da appena il 25% degli elettori americani. La Clinton ha preso quasi 3 milioni di voti più del suo rivale (48,2%) ed è stata sconfitta solo per effetto di un sistema elettorale a dir poco discutibile.

la clinton ha infatti chiesto il riconteggio dei voti dei grandi elettori (quegli stati in cui se si vince si hanno più seggi anche se il numero totale di voti ottenuti è inferiore a quello degli avversari), ma non le è stato concesso.

in pratica basterebbe vincere in 5 stati (uno è la california, ma gli altri non li ricordo) strategici e qualche altro statucolo, per diventare presidente.

non parliamo poi del fatto che bisogna iscriversi alle liste elettorali ,ma chesi può anche venir rifiutati per i più disparati motivi (non ultimo la propria preferenza apolitica che è obbligaatorio dichiarare al momento delle iscrizioni).

giuro, il sistema elettorale americano, mi sembra pensato da paperino e paperoga, altro che democrazia. vince chi vogliono le lobbies, in base a quello che conviene in quel momento. o chi paga di più per influenzare gli elettori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la gente non ha nulla a cui pensare

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora