Stop agli spot che promuovono l’«anoressia»

La rivoluzione è partita da pochi giorni, il 9 marzo 2019: stop ai modelli estetici che promuovono l’«anoressia» nelle pubblicità. La annuncia lo Iap, l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria, che inserisce una modifica all’articolo 12 bis del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale che recita così: «Divieto di utilizzare in pubblicità immagini del corpo ispirate a modelli estetici chiaramente associati a disturbi del comportamento alimentare nocivo per la salute».

Un nuovo passo contro malattie come l’anoressia e la bulimia che, ogni anno, colpiscono sempre più giovani che cercano di ispirarsi ai modelli perfetti delle pubblicità, spesso portatori di un’eccessiva magrezza.  «È una modifica che nasce dalla consapevolezza degli operatori della comunicazione che i modelli estetici proposti dalla pubblicità possono in qualche misura condizionare soprattutto il pubblico dei più giovani nel perseguire determinati stili di vita e canoni estetici», spiegano dallo Iap.

Ottima è utile iniziativa, speriamo venga subito messa in pratica!

https://www.vanityfair.it/news/cronache/2019/03/09/pubblicita-anoressia-modelli-bulimia-rivuoluzione-modifica-iap-giovani-mass-media

Risultati immagini per pubblicità anoressia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Approvo che si debba bloccare certa pubblicità lesiva del corpo umano. Basta anche ai tatuaggi ed altre assurdità. Viva la normalità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963