LA VERITÀ' SUL VENEZUELA CHE NESSUNO VI HA DETTO

Inviata (modificato)

Era da un po' che volevo aprire una discussione sul Venezuela. Ora me ne offre lo spunto questo illuminante articolo del prof. Pino Arlacchi. Articolo pubblicato un paio di settimane fa sul FQ e che riprendo dal sito web dell'autorevole politologo, già sottosegretario delle Nazioni Unite, esperto e studioso di fama mondiale in questioni internazionali, in particolare nei campi della lotta alle mafie, dei traffici di uomini e di droga, e della finanziarizzazione dell'economia. 

http://www.pinoarlacchi.it/it/component/content/article/1334-il-grande-imbroglio-sul-venezuela

La gran parte dei media ci descrive la drammatica crisi di quel paese latino-americano, potenzialmente ricchissimo, come conseguenza del  sistema economico socialista e delle nazionalizzazioni volute da due inetti dittatori, Maduro e il suo predecessore Chavez. Le cose stanno molto, ma molto diversamente. Scrive il prof. Arlacchi:

"...quello del Venezuela si configura oggi come un caso di guerra non convenzionale coperta da una gigantesca truffa informativa". 

Un caso che presenta molte analogie con il Cile di Salvador Allende. Anch'egli, come Chavez e Maduro, leader socialista democraticamente eletto. Allende osò nazionalizzare le miniere di rame controllate da compagnie americane e gli USA gliela fecero pagare organizzando un golpe militare nel quale l'eroico presidente perse la vita. In Venezuela, il paese che detiene le maggiori riserve mondiali di petrolio, gli imperialisti Obama e Trump hanno organizzato un golpe bianco a colpi di durissime sanzioni economiche e di macchinazioni finanziarie, e ora puntano a rovesciare Maduro con il fantoccio di turno Guaidò. Finora nessuno ce l'aveva detto, ma Arlacchi ci informa che l'inviato dell'ONU in Venezuela, Alfred De Zayas, ha stilato un rapporto in cui propone il deferimento degli Stati Uniti alla Corte Penale Internazionale per i crimini contro l'umanità perpetrati in Venezuela dopo il 2015. 

 

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

59 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Era da un po' che volevo aprire una discussione sul Venezuela. Ora me ne offre lo spunto questo illuminante articolo del prof. Pino Arlacchi. Articolo pubblicato un paio di settimane fa sul FQ e che riprendo dal sito web dell'autorevole politologo, già sottosegretario delle Nazioni Unite, esperto e studioso di fama mondiale in questioni internazionali, in particolare nei campi della lotta alle mafie, dei traffici di uomini e di droga, e della finanziarizzazione dell'economia. 

http://www.pinoarlacchi.it/it/component/content/article/1334-il-grande-imbroglio-sul-venezuela

La gran parte dei media ci descrive la drammatica crisi di quel paese latino-americano, potenzialmente ricchissimo, come conseguenza del  sistema economico socialista e delle nazionalizzazioni volute da due inetti dittatori, Maduro e il suo predecessore Chavez. Le cose stanno molto, ma molto diversamente. Scrive il prof. Arlacchi:

"...quello del Venezuela si configura oggi come un caso di guerra non convenzionale coperta da una gigantesca truffa informativa". 

Un caso che presenta molte analogie con il Cile di Salvador Allende. Anch'egli, come Chavez e Maduro, leader socialista democraticamente eletto. Allende osò nazionalizzare le miniere di rame controllate da compagnie americane e gli USA gliela fecero pagare organizzando un golpe militare nel quale l'eroico presidente perse la vita. In Venezuela, il paese che detiene le maggiori riserve mondiali di petrolio, gli imperialisti Obama e Trump hanno organizzato un golpe bianco a colpi di durissime sanzioni economiche e di macchinazioni finanziarie, e ora puntano a rovesciare Maduro con il fantoccio di turno Guaidò. Finora nessuno ce l'aveva detto, ma Arlacchi ci informa che l'inviato dell'ONU in Venezuela, Alfred De Zayas, ha stilato un rapporto in cui propone il deferimento degli Stati Uniti alla Corte Penale Internazionale per i crimini contro l'umanità perpetrati in Venezuela dopo il 2015. 

 

 

 

Ahahahaha , pensa al Venezuela , vai Cazzaro !! Che fai, pensi di fornirci notizie ad uso “ distrazione di massa “ affinché ci possiamo dimenticare di  quel che combinano i tuoi eroi a 5 stelle guidati dal ridicolo Napoletano di nome Luigi Di Maio per gli amici Giggino O’Fischer ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cosa ha combinato Gigino stanotte?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, sardonicoebasta ha scritto:

Il Pino Arlacchi di cui parli è per caso parente di Pirlacchi, il tappetaro di Gioia Tauro che voleva un mondo senza droga nel giro di dieci anni?

http://www.repubblica.it/online/fatti/droga/crociata/crociata.htm

Il 90% dell'eroina mondiale viene dall'Afghanistan e dalle sue piantagioni di papavero da oppio. Nel 2001 il mullah Omar con un editto ne proibì la coltivazione. Poi arrivarono gli americani e da allora la produzione di oppio è in continua, vertiginosa crescita. Il mullah è morto e i Talebani coltivano il papavero per comprare le armi per la resistenza. Oggi l'oppio è piu che mai e di gran lunga la prima risorsa economica del paese. Il governo fantoccio filoamericano chiude ambedue gli occhi (tutti i contadini pagano la mazzetta agli ispettori e ai militari, di tanto in tanto qualche campo viene distrutto per salvare le apparenze). Mentre nelle truppe di occupazione, incluso il nostro contingente, ci sono stati casi, che si fa di tutto per nascondere, di militari diventati tossicodipendenti e/o spacciatori e/o trafficanti internazionali. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora