non vuol piu' tornare a scuola.terrorizzata!!

La studentessa bolzanina aggredita e picchiata selvaggiamente nella sua scuola a Bolzano (l’istituto Claudio de’ Medici) è talmente terrorizzata dai suoi ‘compagni’ di classe marocchini che non intende più riprendere a seguire le lezioni.

Lo shock è stato troppo pesante: Sono giorni che la giovane si sveglia nella notte in preda ad incubi. Urla nel tentativo di mettersi in salvo. Anche per la famiglia la vicenda sta diventando un supplizio perché il problema non è più solo quello relativo alla completa guarigione fisica della ragazza ma anche quello di dover valutare eventuali conseguenze psicologiche molto pesanti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Parliamo di “opera maldestra di sensibilizzazione” perché Cronaca Ora, mendicando il click facile, ingigantisce un fatto già grave di suo giocando con i numeri e con i sentimenti degli ignari lettori. È bene precisare da subito che l’aggressione è stata messa in atto da una sola ragazza, e difatti gli autori dell’articolo si contraddicono all’interno del testo. Se nel titolo parlano di 10 compagne marocchine contro la povera 15enne, all’interno del pezzo riportano le parole del padre della vittima, testuali: «La quindicenne selvaggiamente pestata a scuola è mia figlia. Quella non è stata una lite come riportata dai media locali, è stato un atto di violenza gratuito eseguito da una quattordicenne marocchina, sostenuta da un gruppo di una decina di connazionali coetanee».

 

Vi è una netta differenza, quindi, tra un titolo che parla di 10 studentesse contro una e un testo in cui 10 alunne si riducono ad una soltanto. Un fatto esecrabile, senza dubbio, ma ripetiamo: ingigantire un episodio già grave non renderà maggiore giustizia alla vittima. Gli autori lo sanno bene, ma la loro strategia si tradisce in una frase eloquente contenuta nel testo: «Abbiamo branchi di africani/e che massacrano di botte ragazzine italiane. E i media nascondono tutto». Un amore per gli italiani che non c’è, perché gli autori di Cronaca Ora, semplicemente, gettano sale sulle ferite e – quando capita – calpestano i morti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Parliamo di “opera maldestra di sensibilizzazione” perché Cronaca Ora, mendicando il click facile, ingigantisce un fatto già grave di suo giocando con i numeri e con i sentimenti degli ignari lettori. È bene precisare da subito che l’aggressione è stata messa in atto da una sola ragazza, e difatti gli autori dell’articolo si contraddicono all’interno del testo. Se nel titolo parlano di 10 compagne marocchine contro la povera 15enne, all’interno del pezzo riportano le parole del padre della vittima, testuali: «La quindicenne selvaggiamente pestata a scuola è mia figlia. Quella non è stata una lite come riportata dai media locali, è stato un atto di violenza gratuito eseguito da una quattordicenne marocchina, sostenuta da un gruppo di una decina di connazionali coetanee».

 

Vi è una netta differenza, quindi, tra un titolo che parla di 10 studentesse contro una e un testo in cui 10 alunne si riducono ad una soltanto. Un fatto esecrabile, senza dubbio, ma ripetiamo: ingigantire un episodio già grave non renderà maggiore giustizia alla vittima. Gli autori lo sanno bene, ma la loro strategia si tradisce in una frase eloquente contenuta nel testo: «Abbiamo branchi di africani/e che massacrano di botte ragazzine italiane. E i media nascondono tutto». Un amore per gli italiani che non c’è, perché gli autori di Cronaca Ora, semplicemente, gettano sale sulle ferite e – quando capita – calpestano i morti.

quindi,non è successo nulla!! poi chiedetevi perchè gli italiani voi hanno radiato dalla politica..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora