"Figurati se prendiamo una da Palermo". Azienda di Pordenone respinge biologa siciliana

Erminia Muscolino aveva richiesto uno stage in un centro in provincia di Pordenone. "Avevo inviato il mio curriculum al Cro di Aviano. Mi è arrivata questa risposta, inviata per sbaglio: Figurati se prendiamo una da Palermo" dopo essersi candidata per fare esperienza, anche gratis, nell'azienda. Erminia Muscolino, ha 30 anni, e sta frequentando la specializzazione in biotecnologia medica e medicina molecolare.
"Prima di terminare un altro corso di alta formazione in ricerca chimica missione Cra che sto seguendo - racconta a Tgr e Rai Sicilia scatenando la polemica - ho mandato vari curricula in centri in Italia che si occupano di ricerca clinica fra cui uno l'ho spedito in provincia di Pordenone in Friuli Venezia Giulia, naturalmente essendo disponibile ad andare fuori anche a titolo gratuito, e per sbaglio ho ricevuto una risposta da questa struttura dove c'era scritto: 'già ricevuta anche io.... Figurati se andiamo a prendere una da Palermo'". 
Non si tratta di una risposta ufficiale del centro di ricerca Cro di Aviano ma di una comunicazione interna arrivata alla biologa per sbaglio. La mail infatti, ha spiegato la biologa, era indirizzata ad un'altra persona ma faceva riferimenti alla sua candidatura

C'è da commenatare? Forse si, per dire che cose come queste non solo non dovrebbero accadere ma non si dovrebbero neanche pensare ed è molto triste anche che una persona preparata come questa biologa, pur di lavorare si offra di farlo gratis

http://www.palermotoday.it/attualita/mail-risposta-biologa-ficarazzi-candidatura-azienda-pordenone.html

 

 

erminia.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Il 17/2/2019 in 16:14 , robyrossa236 ha scritto:

Dove abito io,si è trasferita la Sicilia..e sinceramente siamo stanchi di essere sorpassati da 

loro,tutti i posti MIGLIORI di lavoro sono occupati da meridionali..come mai?

Un nuovo stile mafioso sotterraneo?E non diciamo stron-zate sul fatto che loro sono piu bravi..

sono solamente raccomandati//E noi del nord..dobbiamo andare all'estero..per lasciare spazio a loro??????

Trovo interessante quanto hai scritto. Non dico che approvo oppure non approvo, ma solo che vale le pena parlarne.

Cercherò di risponderti punto per punto.

Tra quelli che sono dovuti andare all’estero c’è anche mio figlio, e non siamo certo del nord.

Che “voi del nord” vi sentiate “sorpassati” dai meridionali, potrebbe essere una tua sensazione, tutta da verificare.

Se foste effettivamente “sorpassati”, le cause potrebbero essere molteplici: potrebbe darsi che voi “del nord” siate meno all’altezza. Oppure potrebbe essere che i meridionali hanno più fame di voi e dunque sono costretti a darsi più da fare. Oppure potrebbe dipendere dal fatto che, essendo meno preparati di voi (qualora lo fossero), magari anziché contare solo sulle  proprie forze come fate voi, loro, sapendo di valere di meno (sempre se fosse vero), cercano di rivolgersi a conoscenze e amicizie varie. Oppure potrebbero essere più agganciati di voi a un sistema mafioso, come dici tu. Personalmente credo più al fatto che siano solo sensazioni che non abbiano alcun fondamento nella realtà. La realtà è che non tutti i meridionali sono indietro o poco preparati o scansafatiche, ma magari si trovano a lavorare e vivere dove la disorganizzazione regna sovrana. Chi si trasferisce da una regione all’altra probabilmente ha più voglia di darsi da fare, rispetto a chi è rimasto a casa da mammà e papà.

Per quanto riguarda il lavoro, ti hanno raccontato balle: nessuno ruba il lavoro ad altri, ma tutti contribuiscono all’economia. Ti faccio un esempio: spesso al bar che frequento, incontro persone, soprattutto asiatici (cinesi, ma non solo), ma anche del Nord Africa (credo egiziani o marocchini), noncé dell’Europa dell’Est. Ora queste persone fanno colazione e pagano il conto, non sono lì gratis. E così come fanno colazione al bar, immagino che abbiano anche la macchina, pranzino, cenino, ecc ecc.  Dov’è il problema se lavorano, spendono e contribuiscono all’economia?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

8 ore fa, robyrossa236 ha scritto:

Lupo ,lupo,non credevo che u' guaglione come te,fosse cosi ingenuo rispetto a noi polentoni..haha!

Un'amica lavora all'INAIL,e siccome il suo capo è di Catania,guarda caso..hanno assunto 6 giovani tutti

della sua città..coincidenza?

Un mio amico,che lavora in un azienda del nord e voleva far entrare qualche conoscenza,non ha potuto

perchè l'ingegnere di Napoli aveva già i suoi raccomandati da far salire..di cui marito e moglie di Napoli..

2 fratelli di Napoli e mamma e figlia di Napoli..coincidenza?

...ti potrei fare tanti esempi.ma mi dilungherei..

Ora,se fai un concorso,il primo classificato non è più "Calogero ma Abdul"...(foglio isee a zero)

...e noi del NORD,quando li vinciamo i concorsi?MAIIIIIIIIIIIII??

Qui non si tratta di bravo o meno..ma di ingiustizia!!

...cmq,io faccio girare l'economia anche in questo momento....

Per contro io ti posso portare l'esempio di una mia amica di facebook, veneta d'origine, ma abita a Milano in un appartamento condiviso con altre 5-6 donne. Lei è architetto, ma non ha mai trovato un lavoro attinente alla sua laurea. Tra i vari lavori che ha fatto, si è occupata di risorse umane, cioè trovare persone da indicare ad aziende loro c l i e n t i per inserire queste persone nel mondo del lavoro. Bene, mi ha detto di essere rimasta schifata dal fatto che la sua capa le disse specificatamente di scartare gente del sud. Ora a me sembra un tantino strano, visto quanto sono "ben visti" i meridionali dalle parti tue, che i fenomeni che tu riferisci non siano quanto meno reciproci.

Rimane il fatto, come dicevo, che le persone disposte a fare enormi sacrifici trasferendosi molto lontano da casa, talvolta anche all'estero (come il caso di mio figlio, per esempio), di sicuro non ci vanno per cambiare aria. So, ad esempio, che a Londra gli italiani trasferitisi lì sono molto, ma molto apprezzati. Sono italiani come quelli rimasti qua, ma che qui da noi, non avendo nessuna raccomandazione, sono stati costretti ad andarsene e spesso sono i migliori.

Un Paese è grande solo se non obbliga i migliori ad andarsene. E nel caso in questione era meglio una biologa siciliana o un pecoraio de casa nostra?

 

Modificato da lupogrigio1953

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, robyrossa236 ha scritto:

Solidale con la Capa di Milano perchè ha capito che nord e sud nello stesso ufficio non possono 

convivere..visto e considerato che il sud ha tendenza a fare le scarpe a quelli del nord (sempre e 

comunque..data la loro arroganza)!

Detto ciò,sono sempre per..il..moglie e buoi dei paesi tuoi..anche se devo ammettere che il sud

vince in carnalità  (bene per una notte haha)!

La tendenza dei giovani è andare a Londra x imparare bene la lingua e xrchè fa fico..ma è una 

città finta,violenta...digli di tornare a casa a tuo figlio!

Quello che mi augurerei per l'avvenire è che in ITALIA ci sia una legge uguale x tutti e cioè

che tutti andranno a lavorare per propri meriti e non per merito dell'amico dell'amico.

VOGLIAMO LA MERITOCRAZIA come in America//

 

Quanto a mio figlio, non è andato a Londra "per imparare la lingua e perché fa fico" dato che la lingua inglese la parlava già perfettamente, visto che qui a Roma frequentava (anche) un gruppo di amici che parlavano solo inglese e a Londra ha pulito cessi (letteralmente) per 14 mesi, prima di trovare un lavoro decente, ancorché non attinente alla sua laurea. E del resto qui in Italia glielo trovavi tu un lavoro degno di tale nome, visto che al nord Italia volete stare da soli?

Invece, per quanto riguarda le tue idee razziste, te le puoi permettere solo perché non sei tu a dover mandare avanti la tua regione. Senza la gente del sud, che ha arricchito voi e mezzo mondo, anche comprando i vostri prodotti, avreste le toppe al c u l o.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il discorso sarebbe molto lungo..e io non sono razzista ma esperta ...

ho frequentato molta gente di vari paesi e siamo DIVERSI e non c'è niente da FARE!

Io vedo la REALTA' ..il sud odia il nord e viceversa,ci tolleriamo e basta!

Buona Pasqua//

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, robyrossa236 ha scritto:

Il discorso sarebbe molto lungo..e io non sono razzista ma esperta ...

ho frequentato molta gente di vari paesi e siamo DIVERSI e non c'è niente da FARE!

Io vedo la REALTA' ..il sud odia il nord e viceversa,ci tolleriamo e basta!

Buona Pasqua//

 

Il mondo come lo immagini tu non esiste in nessuna parte della Terra. Non esiste un posto in cui esistono solo venditori di beni. E non esiste un posto in cui a produrre i beni siano solo gli abitanti di quel posto. In qualunque stato moderno esistono abitanti del posto e altri provenienti da altre regioni o nazioni che producono, consumano e comprano. Non è una scelta, ma è una necessità. Il razzismo va superato con cervello. Nazioni come la Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti si sono arricchiti con l'immigrazione. Chi non è capace di fare altrettanto si impoverirà sempre di più. L'immigrazione è un arricchimento economico e culturale per chi sa gestirlo, un impoverimento se prevale un atteggiamento di rifiuto. Bisogna imparare a contrastare l'illegalità e gli abusi senza odiare nessuno.

Buona Pasqua anche a te.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963