Oltre un milione di famiglie italiane senza lavoro. Prevedo tempi molto bui

Come rovinarsi la giornata in fretta?

Eccoci qua (e, please, non attribuite a me responsabilità che sono da ricondurre a questa scellerata maniera di gestire la cosa pubblica: in buona sostanza, se volete attribuire responsabilità a qualcuno del fatto che alle 11 di mattina la giornata sia già bell'e rovinata, ecco: datela alla politica piccola piccola di casa nostra).

Si attesta sopra il milione la conta delle famiglie senza lavoro e quindi senza stipendio. Sono, per la precisione, 1.085.000 i nuclei che secondo la statistica dell'Istat sono composti da persone abili al lavoro, ma in cerca di occupazione.

Più della metà al Sud.

Rispetto allo scorso anno non cambia pressoché nulla: si passa da 1 milione 92 mila a 1 milione 85 mila (-0,7%). Le famiglie che non possono contare su alcun reddito sono il 6,6% di quelle presenti sul mercato del lavoro, ovvero 16,5 milioni.

Che tipologia di famiglie sono?

In 448 mila casi coppie con figli, e 290 mila sono famiglie con un solo componente, single, più spesso uomo che donna (178 mila contro 113 mila). Seguono 222 mila nuclei mono-genitore (e stavolta sono più donne, 192 mila) e 80 mila coppie senza figli.

Continuo a prevedere tempi bui, continuo a vedere troppe persone inermi e remissive, continuo a non trovare nulla per cui gioire.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Stiamo andando a picco.

E nella guerra tra poveri perdono sempre i poveri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi viene rabbia solo a pensare che al contrario ci sono persone che hanno soldi che escono dalle orecchie

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, comtruise ha scritto:

Stiamo andando a picco.

E nella guerra tra poveri perdono sempre i poveri.

anche per me è così

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Negli anni '70 cercavo lavoro, e puntualmente mi dicevano che erano momenti difficili...in ogni epoca ci sono queste cose, purtroppo si fà di tutto per adorare chi ha tanto denaro...anzi hanno inventato anche la sciocchezza di dire beati loro....non importa come riescono a fare tanti soldi.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il momento, in Italia, è sempre difficile

non c'è un piano industriale sensato, le uniche decisioni prese in materia di lavoro e economia sono dettate da lobby che hanno i soldi che gli escono dalle tasche

con questi politici senza palle non ne caveremo un ragno dal buco, pur essendo un popolo pieno di potenzialità!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io penso che questa sacca di povertà sia funzionale a qualcuno!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

famiglie disoccupate?  strano!

fino a novembre scorso uno raccontava ke la disoccupazione era in calo e andava tutto bene.  ora nn lo dice lui ma lo fa  ripetere pedissequo al suo sostituto.  piccolo particolare:  x lui e compagni politici va bene senz'altro;  peccato nn sia altrettanto x il popolino ke mantiene tutta la baracca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
56 minuti fa, comtruise ha scritto:

Stiamo andando a picco.

E nella guerra tra poveri perdono sempre i poveri.

che parole difficili da controbattere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, zerograno ha scritto:

Mi viene rabbia solo a pensare che al contrario ci sono persone che hanno soldi che escono dalle orecchie

quelli  che  diventano  sempre  più  ricchi a  scapito  degli  altri,  la  crisi  negata ,  da  un  certo  politico, ha   questi effetti ma   è  facile  incolpare  l'ultimo arrivato  ,   quando  la  casa  brucia   dare  poi  la  colpa   ai  pompieri  perchè  han  bagnato  tutto torna  utile  a  chi  acceso  la  miccia  ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963