pitagorico archimede

Archimede Pitagorico –

Ho provato a girare per i negozi di bricolage, casalinghi, arredo casa, giardinaggio, agricoltura, e numerosi altri. A ciascuno provavo a domandare di visionare e provare qualcosa che fosse uscito dalla “bla/bla/bla” (leggasi milano expo) … in tutti i posti ho ricevuto solo sorrisi e buffetti di scherzo. Poi con calma mi spiegavano che di idee concrete da (milano expo) non è uscito proprio nulla. CORTESEMENTE – se siete a conoscenza di qualcosa di concreto e di reale, qualcosa che ciascuno di noi possa portare a casa propria … lo comunichi tramite queste pagine. Fornendo a garanzia: nome dell’ oggetto, disegno o foto, dimensioni, scheda di funzionamento, costo, centro di vendita ed ***. Grazie, ma rispondete celermente, potrei nel frattempo ridere di gusto. In palio per tutti i vincitori (o quasi tutti) un caffè decaffeinato al bar sport. A presto con allegria da d/b.-

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Per sostenere le tue vomitevoli posizioni politiche, stai denigrando il lavoro e il g e n i o di artisti e lavoratori italiani.

Preso da Wikipedia:

“[L’Albero della Vita] Nato da un'idea del direttore artistico del Padiglione Italia Marco Balich e progettato dallo studio Giòforma, è stato finanziato e realizzato dal Consorzio Orgoglio Brescia, costituito da 19 imprese bresciane. L'opera rappresenta, al contempo, scultura, installazione, edificio e monumento, con chiari rimandi al Rinascimento Italiano e alla struttura pavimentale di piazza del Campidoglio a Roma creata da Michelangelo nel XVI secolo. Nei sei mesi di Expo sono state 14 milioni le persone che assistettero agli spettacoli dell'Albero della vita, i due terzi dei visitatori  totali”.

In tutto ciò che si fa nel mondo “si arricchiscono i ricchi e si impoveriscono i poveri” da quando nasci fino a quando muori, nel qual caso arricchirai il falegname che ti costruirà un bel “cappotto di legno”.

Ti preoccupi delle “agricolture di sopravvivenza di certe località africane”, ma col cavolo che rinunci al loro gas naturale  o al loro petrolio che ti serve per scaldarti in inverno o andare al supermercato o ai raduni di auto storiche con la tua 126, un bidone inguardabile e inquinante, ma che ti permette di risparmiare sulla tassa di possesso. Tu sei attento all’ambiente solo quando le cose non riguardano te.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gentili lettori di queste pagine – la mia domanda era e rimane la medesima da  quando nel sedici si è concluso expo Milano – che cosa di concreto è uscito. Qualcosa che ciascuno di noi possa portare a casa e mettere sul tavolo del salotto. Ad esempio le mitiche “Olivetti ventidue, quarantacinque” ed altre ancora. Le prime macchine per cucire ad uso domestico. Le mitiche Singer e Necchi. Anche le prime pistole a tamburo vennero presentate ad una expo. La torre Eiffel è la medesima da centotrenta anni e funziona ancora. L’ alberello arrugginito e fintamente luminoso si è guastato in breve tempo e costa troppo riparare. Dei vari fabbricati espositivi alcuni si sono rotti in breve tempo ed altri neppure completati. Ove ed in che modo sono state portare le varie macerie. – ripeto – cortesemente elencare i vari oggetti reali a concreti usciti da expo Milano fornendo nel contempo nome, disegni o foto, caratteristiche tecniche, negozio di vendita ed eventuale riparazione. Un grazie anticipato da dune buggi -

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Gentili lettori di queste pagine – la mia domanda era e rimane la medesima da  quando nel sedici si è concluso expo Milano – che cosa di concreto è uscito. Qualcosa che ciascuno di noi possa portare a casa e mettere sul tavolo del salotto. Ad esempio le mitiche “Olivetti ventidue, quarantacinque” ed altre ancora. Le prime macchine per cucire ad uso domestico. Le mitiche Singer e Necchi. Anche le prime pistole a tamburo vennero presentate ad una expo. La torre Eiffel è la medesima da centotrenta anni e funziona ancora. L’ alberello arrugginito e fintamente luminoso si è guastato in breve tempo e costa troppo riparare. Dei vari fabbricati espositivi alcuni si sono rotti in breve tempo ed altri neppure completati. Ove ed in che modo sono state portare le varie macerie. – ripeto – cortesemente elencare i vari oggetti reali a concreti usciti da expo Milano fornendo nel contempo nome, disegni o foto, caratteristiche tecniche, negozio di vendita ed eventuale riparazione. Un grazie anticipato da dune buggi -

 

Ma ci fai o ci sei?

A parte il fatto che io e te abbiamo già discusso l'argomento qui:

https://forum.virgilio.it/argomento/46593-un-alberello-di-chiodi-arrugginiti-e-di-lampade-bruciate/#comment-228258

Dove ho risposto a tutte le tue obiezioni e da cui sei scappato via con la coda tra le gambe e non hai replicato a nessuna delle mie argomentazioni.

Vai cercando i risultati dell'Expo da bricofer? A parte il fatto che per te pare ci siano solo i negozi di alimentari e quelli di ferramenta e già mi immagino che vita grama stai facendo, nell'Expo non è che c'erano campi di grano o piante di frutta. C'erano oltre 90 Paesi da tutto il mondo a esporre i loro prodotti e soprattutto le loro conoscenze e le loro tecniche di coltivazione. L'Italia ha fornito il supporto a questi espositori, oltre ad essere presente essa stessa come Paese espositore. Saranno tutti stupidi? E cosa pensi di trovare nel negozietto vicino casa tua? Già ti immagino mentre chiedi al commesso di bricofer:  "Vorrei quella mietitrebbia che era esposta a Expo 2015" oppure "Avrei intenzione di aprire un'impresa agricola e vorrei comprare quel software di cui ho visto la dimostrazione a Expo 2015" o ancora "mi servirebbe 1 kg di tecniche produttive che erano esposte nello stand del Giappone presente a Expo 2015".

Purtroppo tu sei rimasto al secolo scorso e non arrivi a capire che i prodotti del lavoro non sono più solo quelli che si comprano al supermercato, ma esistono sempre di più altri prodotti intellettuali come software, istruzione, cura del benessere, arte e scienze umane, tempo libero, ecc ecc.

Faresti molto meglio a uscire da questa situazione di intristimento in cui ti sei cacciato anche grazie alla tua misantropia e soprattutto misoginia., con la paura del “nuovo” e un eccessivo attaccamento a un più rassicurante (per te) “vecchio” e conosciuto. Insomma aggiornati!

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I lettori di queste pagine si sono sicuramente accorti che a rifugiarsi nell’ ombra è colui che non ha il coraggio di sapere (il coraggio di parlare lo si ha solamente dopo che si è saputo) per quale motivo i progetti di expo Milano sono stati completati solo in parte. Del restante non vi è traccia. Anche il completato di li a poco si guastava. Nulla si sa di dove e come siano finite la macerie. Nel frattempo le grosse commerciali si sono “divertite” e le piccole imprese artigianali hanno chiuso. Per quanto riguarda Monsanto e Caffaro anche qui vi è il silenzio. Da parte mia questo argomento lo ho affrontato sino in fondo. Come prossimo argomento cosa ne pensate delle barche a vela con bandiera inglese ormeggiate in Corsica. Oppure di certe aziende agricole intestate alla moglie fintamente separata. Dalla prossima volta nuovo argomento. Peccato che coloro che criticano non siano in grado di proporre nulla di personale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

I lettori di queste pagine si sono sicuramente accorti che a rifugiarsi nell’ ombra è colui che non ha il coraggio di sapere (il coraggio di parlare lo si ha solamente dopo che si è saputo) per quale motivo i progetti di expo Milano sono stati completati solo in parte. Del restante non vi è traccia. Anche il completato di li a poco si guastava. Nulla si sa di dove e come siano finite la macerie. Nel frattempo le grosse commerciali si sono “divertite” e le piccole imprese artigianali hanno chiuso. Per quanto riguarda Monsanto e Caffaro anche qui vi è il silenzio. Da parte mia questo argomento lo ho affrontato sino in fondo. Come prossimo argomento cosa ne pensate delle barche a vela con bandiera inglese ormeggiate in Corsica. Oppure di certe aziende agricole intestate alla moglie fintamente separata. Dalla prossima volta nuovo argomento. Peccato che coloro che criticano non siano in grado di proporre nulla di personale.

 

Passi da un argomento all'altro senza rispondere a quelli dei quali si è parlato fino adesso.  Scrivi qui cosa c'entra Monsanto con l'Expo. E lo voglio sapere da te, non da wikipedia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ruderi e macerie – i ruderi e le macerie di expo Milano sono rimaste abbandonate li (come e perché) oppure le hanno portate in un altro posto (dove, come, perché). Per ruderi e macerie mi riferisco sia a quanto costruito a metà e poi abbandonato in corso di lavoro e sia a quanto si guastava e rompeva via via che veniva adoperato e troppo costava riparare. Come troppo costa riparare l’ alberello arrugginito che si è guastato in breve tempo. La torre Eiffel continua a funzionare dopo centotrenta anni. Gli antichi ponti romani dopo duemila anni funzionano perfettamente. I moderni ponti autostradali progettati e realizzati con finto cemento e finto ferro sono già da rifare. Per le stazioni ferroviarie e i trafori ferroviari ho già previsto un capitolo a parte. - Monsanto e Caffaro sia la Rai che Mediaset hanno dato ampia ***. Oggi e domenica e piove fitto qui al nord.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora