Il Capitano é il più bravo di tutti e Benito gli fa un baffo. Ora è diventato anche portiere e nessun attaccante riuscirà a violare la sua porta.

Faceva molto lo spiritoso il buon Benito ma erano altri tempi. Nonostante il suo innato talento, se fosse ora qui tra noi, non si sarebbe neanche minimamente azzardato a competere col Capitano Truce. Siamo su ben altri livelli.

(Anche se però risulta davvero inconcepibile che la società calcistica non abbia gradito più di tanto l'autocandidatura. Non si capisce come mai. Dovrebbero essere tutti contenti visto che al Capitano fa un baffo anche Buffon però, pensandoci bene, rimane  il fatto che, come in tutte le squadre, come minimo, decide l'allenatore. Questa storia che, appena arrivato, abbia la pretesa di scalzare il portiere titolare non va neanche troppo bene. Il posto in squadra a conquistato sul campo e non certo a parole).

https://video.repubblica.it/dossier/governo-lega-m5s/salvini-con-la-maglia-del-giulianova-la-squadra-si-dissocia--no-a-strumentalizzazioni/326109/326727?video

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Inviata (modificato)

Segnali sempre più confortanti quelli che manda Salvini. Li manda inconsapevolmente a noi cittadini seri, onesti e responsabili, che cominciamo a pregustare l'inizio del secondo ramo di parabola, quello discendente, per il "capitano" dei miei stivali. Il quale, all'avvicinarsi delle elezioni europee, si sta avvitando nella medesima spirale ossessiva-compulsiva in cui si avvitò il tappetaro nei mesi precedenti il referendum costituzionale. Propaganda e presenzialismo h24, senza tregua, dappertutto, dagli studi TV alla montagna che vorrebbe bucare a suon di miliardi buttati nel cesso, dai comizi virtuali sui social a quelli di piazza. Con tutti i mezzi e in tutti i modi anche quelli più ridicoli. Non gli bastava avere indossato, come un fotomodello sovrappeso, decine di divise della polizia, dei pompieri, etc. Non gli bastavano le strette di mano con pericolosi capi ultras, ora indossa pure la maglietta del Giulianova. Ma ve li immaginate ministri dell'Interno della Prima Repubblica, come Ciampi o Cossiga, con la maglietta del Frosinone? Se il delinquente non avrebbe dovuto mai lasciare il cabaret, il "capitano" dei miei stivali avrebbe senza dubbio dato il meglio di sé nell'attività circense, sarebbe stato un grande pagliaccio. Naturalmente le pagliacciate alla lunga stancano perfino quel popolo con la "capa fresca", come diciamo a Napoli, che è riuscito a mandare a palazzo Chigi personaggi, come Berlusconi e Renzi, che nei paesi seri non amministrerebbero neppure un condominio. Ma allora perché Salvini, che non è stupido, insiste nel fare il pagliaccio, cioè nella politica dell'apparire. Semplice: perché esattamente come gli altri due è negato per la politica del fare. In effetti, come ripete Travaglio, in questi primi 8 mesi di governo la Lega ha prodotto molto meno dei 5stelle: il ridicolo decreto sicurezza e poco altro. Salvini deve compensare la sua incapacità e la sua incompetenza  con la campagna elettorale permanente, che include anzi poggia sul pugno duro contro i poveracci provenienti dall'Africa.  Ma non può durare. Quando gli italiani capiranno che dietro il pugno duro e le sceneggiate tipo Chiomonte c'è il vuoto, o meglio l'aria fritta, il "capitano" dei miei stivali farà la fine di Renzi: si sgonfierà come un palloncino volato troppo in alto.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora