Il dialetto ha ancora importanza?

Ieri sera una lunga discussione in famiglia sul concetto di dialetto

Per alcuni non ha più senso, per altri sì

eppure io credo fortemente che la lingua sia fortemente identitaria, ma che questo concetto valga per piccole comunità

e che l'Italiano (ma meglio ancora francese e inglese) esista solo come imposizione di una classe umanistica e politica/economica

Queste le lingue minoritarie parlate in Italia

Napoletano (non si intende il solo dialetto napoletano ma quello che Ethnologue classifica come napoletano-calabrese, corrispondente a gran parte dei dialetti italiani meridionali)5 700 000[4]Campania, Calabria settentrionale e Isole Tremiti in Puglia

Siciliano4 700 000[5]Sicilia e Calabria centro-meridionale

Veneto3 800 000[6]Veneto, Trentino, Friuli-Venezia Giulia

Lombardo3 600 000[7]Lombardia, Piemonte, Trentino occidentale

Piemontese1 200 000[8]Piemonte, bassa Valle d'Aosta, alta Liguria

Sardo1 000 000[9][10]Sardegna

Emiliano-romagnolo1 000 000[11]Emilia-Romagna, Mantovano, Oltrepò Pavese, circondario di Pavia, Tortonese, Transpadana Ferrarese, Lunigiana, Carrara

Ligure500 000[12]Liguria, basso Piemonte, aree appenninichedell'Oltrepò Pavese, del Piacentino e del ParmenseProvincia di Pavia, isole del Sulcis in Sardegna

Friulano550 000 - 600 000[13][14]Friuli-Venezia Giulia (60%) e Veneto nell'ex Mandamento di Portogruaro

Bavarese, dialetti sudtirolese, cimbro e mocheno345 000[15][16][17]Alto Adige (69,15%), Friuli Venezia Giulia, Trentino, Veneto, Valle d'Aosta e Piemonte

Albanese d'Italia100 000[18]Calabria, Sicilia, Molise, Campania, Basilicata, Pugliae in piccola parte in Abruzzo

Francese100 000[19]Valle d'Aosta

Gallurese100 000[20]Sardegna in Gallura

Occitano100 000[21]Piemonte nelle valli di Cuneo e Torino; Calabria a Guardia Piemontese

Sassarese100 000[22]Sardegna nel nord della Provincia di Sassari

Sloveno100 000[23]Friuli Venezia Giulia a Trieste (9,6%), a Gorizia (8%), a Udine (3%)

Francoprovenzale70 000[24]Piemonte a Coazze, in Val Cenischia, nelle Valli di Lanzo, in alta Valle Orco e Val Soana; Valle d'Aosta; Puglia a Faeto e Celle di San Vito

Gallo-italico di Sicilia60 000[25]Sicilia

Catalano algherese44 000[26]Sardegna ad Alghero

Greco d'Italia20 000[27]Calabria a Reggio Calabria, Puglia nella Grecia salentina e in Sicilia a Messina

Ladino31 000[28]Trentino-Alto Adige a Bolzano (4,19%), a Trento(1,69%), Veneto a Belluno (10%)

Walser3 400[29]Valle d'Aosta, Piemonte

Bavarese10 000[16][17]Trentino (Provincia autonoma di Trento) e Veneto(Provincia di Vicenza e Provincia di Verona), Valle d'Aosta e Piemonte

Croato1 000[30]Molise

 

per voi ha ancora importanza?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

mai parlato il dialetto

e non ho mai avuto voglia di imparlarlo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

nella mia famiglia si parla ancora strenuamente il dialetto

c'è stata poca ibridazione nel corso del tempo

e così si riescono a mantenere le differenze...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo non l'ho mai imparato ma mi piacerebbe conoscerlo. Parlarlo come fosse la prima lingua decisamente no!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io mi definisco bilingue, parlo italiano e calabrese perché nda a capa cumu na morgia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me il dialetto è importantissimo, è la lingua che racchiude i saperi e le tradizioni delle persone e l'identità di un popolo. Per questo non dico che andrebbe studiato a scuola ma una maggiore tutela sì

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, aljadida5 ha scritto:

secondo me il dialetto è importantissimo, è la lingua che racchiude i saperi e le tradizioni delle persone e l'identità di un popolo. Per questo non dico che andrebbe studiato a scuola ma una maggiore tutela sì

verissimo... da noi a napoli si parla ancora tantissimo in dialetto, tutti i giorni per strada e in famiglia e lo trovo bellissimo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche io non hi imparato il dialetto, ma utilizzo qualche frase, qualche vecchio detto, modo di dire o parole.. e mi piace molto,... secondo me ha senso che il dialetto resti come tradizione... ma al contempo se uno in effetti non lo ha mai imparato non vedo perché debba farlo 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' importante l'italiano altro che il dialetto... Ormai congiuntivo e condizionale sono praticamente scomparsi!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

certo che sì, è l'ultimo legame che ci resta con la nostra terra

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963