Da Repubblica in prima pagina ?

9 messaggi in questa discussione

ecco le vere ragioni per cui ha vinto il no

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, tonyman4 ha scritto:

ecco le vere ragioni per cui ha vinto il no

Sì, infatti. Adesso cambierà tutto... ma dai

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ah piccolina non ti facevo renziana, comunque non ho detto che cambierà tutto ho detto che se renzi vuole capire perché ha perso deve partire da quei dati istat

In questo momento, piccolina907 ha scritto:

Sì, infatti. Adesso cambierà tutto... ma dai

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, tonyman4 ha scritto:

ah piccolina non ti facevo renziana, comunque non ho detto che cambierà tutto ho detto che se renzi vuole capire perché ha perso deve partire da quei dati istat

 

Macchè renziana. Cerco di usare il cervello. partiamo dai dati, perché no. Però sono statistiche che si ripetono, speculari, da anni. Almeno un ventennio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma sti indici a chi interessano? alla gente interessa il proprio conto in banca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, piccolina907 ha scritto:

Macchè renziana. Cerco di usare il cervello. partiamo dai dati, perché no. Però sono statistiche che si ripetono, speculari, da anni. Almeno un ventennio

concordo con piccolina, ogni giorno escono dati nuovi che sembrano sempre uguali a se stessi e si contraddigono pure

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per fortuna i miei figli lavorano tutti ma fanno davvero fatica ad arrivare a fine mese, i giovani sono i più penalizzati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il disastro economico di Renzi sta nell'avere dimenticato il Sud, almeno prima di distribuire a De Luca & C. un po' di miliardi sotto referendum per le "fritture di pesce" (leggasi clientele). Sotto casa mia, che non è in una delle zone più povere di Napoli, ormai è un semideserto di saracinesche abbassate: ieri un altro negozio non ha riaperto. Nel lungo discorso di insediamento del tappetaro, nel febbraio 2014, c'era di tutto e di più, ma non c'era la parola Sud. Il Sud si è vendicato a dicembre 2016, rottamandolo. Alla prima occasione saranno rottamati anche De Luca & C. Il disastro economico sta, come ricordava ieri il prof. De Masi, nell'avere incrementato le disuguaglianze. Il disastro economico sta nell'avere sprecato l'occasione quasi irripetibile di un quadro macroeconomico internazionale favorevolissimo, che i predecessori del tappetaro nemmeno si sognavano (basso costo dell'energia, basso costo del denaro, svalutazione dell'euro, ripresa della domanda internazionale). E' stato capace di fermare la crescita perfino delle fonti rinnovabili.  

Il disastro politico di Renzi sta nell'avere fatto sprecare al paese tre anni (più 600 milioni di euro per due referendum) per cambiare (in modo pedestre) l'unica cosa che non era necessario cambiare, la Costituzione. La quale, al contrario e come da programma elettorale sottoscritto nel 2013 da tutti i parlamentari del Pd, era da "attuare in modo corretto e integrale".  Il disastro politico sta nell'avere spaccato, facendolo deragliare a destra, il più grande partito della sinistra. Il disastro politico sta nell'avere sprecato tre anni senza riuscire nemmeno a darci una legge elettorale decente, cosa che, dalla sentenza della Consulta del gennaio 2014, doveva essere la priorità delle priorità. Hanno confezionato e imposto a colpi di fiducia (come sotto il regime fascista) una leggiaccia fascistoide, per giunta valida solo per la Camera (i poveracci davano per scontato che il popolo sovrano avrebbe rinunciato al Senato elettivo), che la Consulta sarà costretta a emendare come e forse più del Porcellum, e che oggi nessuno nel Pd (e in tutti gli altri partiti esclusi i 5S) si augura di vedere applicata.

Al momento in cui scrivo leggo sul sito di Repubblica un altro titolo:

L'IDEA DI RENZI, GOVERNO ISTITUZIONALE POI AL VOTO

Ma che roba è mai questa? Il disastroso Renzi in questo momento non deve parlare, non deve avere idee: ha già fatto troppi danni con le sue "idee". In questo momento deve solo pensare a quello che farà da privato cittadino dopo le dimissioni di domani dalla segreteria del Pd. Lui stesso, nel commovente discorso di commiato nella notte del voto, aveva detto che ora sono le opposizioni ad avere l'onore e l'onere delle proposte e delle scelte. In 24 ore il tappetaro già si contraddice? Ma cosa aspetta il suo amico di Arcore a concretizzare la sua offerta e ad assumerlo a Mediaset? Così almeno ci basterà un telecomando per toglierci dalle scatole questo disastro vivente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma basta Saviano con questi luoghi comuni, con lo slogan trito e ritrito della politica che deve far sognare, con la politica che non sta facendo niente per il sud!

Ma cosa avrebbe dovuto fare Renzi, aprire delle fabbriche al sud? Costruire nuove scuole per dare un incarico a tutti i precari e realizzare classi con 4 ragazzi e dieci professori? 

Cosa fa sognare la gente del Sud? Il reddito di cittadinanza?Il posto fisso di Checco Zalone?

Buona sera Fosforo. Ma ancora con questi luoghi comuni triti e ritriti che Renzi non ha fatto per il Sud ? Doveva costruire fabbriche , costruire nuove scuole per dare un incarico a tutti i precari per poi fare classi di 4 ragazzi con 10 Prifessori ? Purtroppo è lo dico con dispiacere al Sud esiste una grande fetta di italiani con una discreta arretratezza culturale e dove i capipopolo la fanno da padrone . Renzi ha stanziato miliardi per i patti per il Sud. Altro che bruscolini !! Ha detassato le aziende del sud che assumono . Solo che al Sud continuano a vedere nel potente di turno e del luogo il padrino a cui affidarsi per ogni evenienza salvo ribellarsi ( vedi il voto di domenica ), quando si dimostra che la pratica clientelare non si dimostra più sufficiente a soddisfare le proprie esigenze . Sai perché Renzi ha perso al Sud ? Perché ha commesso l'errore di non praticare la retorica vittimistica che tanto piace al Sud.  Li ha invitati , invece a rialzarsi togliendoli l'alibi e fatto mancare il sostegno e la solidarietà del piagnisteo .  Quanto a quel che farà da ora in avanti Renzi credo che sia affare suo . Si è dimesso dopo un'ora dal risultato e , se permetti , la scelta di dimettersi da segretario del PD tocca a lui ed al gruppo dirigente del partito che ha tutte le strutture democratiche per discuterne . Non sta a te fare discorsi in merito e se tu non te fossi accorto su sta parlando del più grande partito europeo della sinistra e non di qualche gruppetto/mivimentuccio formato da rancorosi e nostalgici del Sol dell'avvenire comandato da qualche masaniello tipo De Magistris . Saluti .  il    SDiciamo invece che è l’arretratezza culturale di una grande fetta di italiani che ha fatto vincere un capopopolo spregevole come Grillo che non ha un programma, che non saprebbe da che parte cominciare per governare una nazione e a cui basta dire mandiamoli a casa tutti e con i soldi che risparmiam

Ma basta Saviano con questi luoghi comuni, con lo slogan trito e ritrito della politica che deve far sognare, con la politica che non sta facendo niente per il sud!

Ma cosa avrebbe dovuto fare Renzi, aprire delle fabbriche al sud? Costruire nuove scuole per dare un incarico a tutti i precari e realizzare classi con 4 ragazzi e dieci professori? 

Cosa fa sognare la gente del Sud? Il reddito di cittadinanza?Il posto fisso di Checco Zalone?

Diciamo invece che è l’arretratezza culturale di una grande fetta di italiani che ha fatto vincere un capopopolo spregevole come Grillo che non ha un programma, che non saprebbe da che parte cominciare per governare una nazione e a cui basta dire mandiamoli a casa tutti e con i soldi che risparmiamo andiamo a creare il famoso reddito di cittadinanza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963