Le " vere " 4 giornate di Napoli ...

Premessa : Ho troppo rispetto per la Resistenza . Per quella vera !! Quella dove migliaia e migliaia di cittadini inermi e di partigiani dettero la vita per una idea , per la demicrazia . Quella dove si metteva a rischio la vita affinché anche chi non la pensavao stesso modo potesse esercitare un suo diritto . Sono invece contrario e mi incaxxo di brutto verso chi tramite una "finta " Resistenza , fa il bufalaro , appropriandosi di valori inesistenti , raccontando bufale ad uso e consumo Partenopeo , a chi tende a instillare nella mente dei meno fortunati false notizie accreditando Napoli ed i Napoletani di atti eroici che non si sono mai verificati se non in minimissimissimi e saltuarissimi episodi . A chi dice che e' stato fatto anche un grande film documentario su quelle giornate , e' bene che si sappia che chi fu chi lo volle ( Luigi Longo all'epoca n.2 del PCI) che era amico intimo di un regista ( Nanni Loy), al quale " commissiono' un film in cui bisognava esaltare ed enfatizzate la Resistenza pure al Sud , visto che questa parte d'Italia non aveva contribuito affatto se non in piccolissima parte alla Luberazione dell'Italia. Fu quindi una specie di propaganda post liberazione che bisognava in tutti i modi presentare . Il Sud non doveva e poteva rimanere fuori al contesto liberatorio dell'Italia. Il film e' un capolavoro che valse la nomination all'Oscar ma e' bene che si sappia che il 90% di quel che venne rappresentato erano episodi di fantasia , di molti si dice , di racconti non verificati ed inveruficabili , di testimonianze mai provate . Le stesse sceneggiature furono effettuate al 70% a Roma e pochissimo fu girato a Napoli . Mi scuso quindi di nuovo con chi la Resistenza l'ha fatta davvero e con i familiari di dette persone ,  soprattutto perché la mia "ricostruzione" sarà in chiave ironica , atta a smascherare bufalari e menzogneri che fanno propaganda spicciola verso i contro qualcosa che non gli appartiene : 

   

Continua ....


 
 
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 
  •  
  •  
 
  •  
  •  

 
 
"Uagliù! Scennit', amma ì a vatter' e sciem'!" - "Ragazzi, scendete, si va a pestare qualche tedesco!"cCo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

 

Luogo: Napoli, ma pure Casoria e giù di lì. 

Inizio: 

Mentre sorgeva o' sole mio.

Fine: 

E al quinto giorno si riposarono. 

Esito:

"Jamm'! Jamm'! N'gopp' jamm'ja!" 

Casus belli:

Volevano costringere i napoletani a lavorare. 

Fazioni in guerra

 Krande Germania

 ***

Popolo napoletano 

Scugnizzi

Camorristi

Comandanti

Colonnello WaterScholl[1]

Fascisti napoletani, che per punizione non hanno avuto la pizza dopo 

Pulcinella

San Gennaro

Ciruzzo o' pittbùll 

Ciro o' dottòr' 

Peppin' o' scartellàt' 

Altra gent' d'e' quartier' 

 Ué! E questa è l'ora di arrivare? 

 

~ Napoletano sfotte gli Alleati appena arrivati in città.

 Noi ziamo i teteschi! Il più krande e più kattivo esercito di mondo! Non ci faremo mettere zotto da quattro cafoni fetenten! 

 

~ Tedesco di prima di prenderle sonoramente da quei quattro cafoni fetenti.

 Hittlér! PRRRRRRRRRRRRRRRRRRR! 

 

~ Napoletano su Adolf Hitler.

Le Quattro giornate di Napoli (27-30 settembre 1943) sono state un evento storico di quelli di cui ci si può liberamente vantare, cosa rara per il nostro paese... Ecco perché in Italia e nella stessa Napoli quasi nessuno se ne ricorda. 

Grazie ad esso, i krukki nazisti, che stavano amichevolmente invadendo tutto l'adorato alleato italico, dovettero accontentarsi di fermarsi a Frosinone, perché da lì in poi c'erano i pulcinellaincazzati neri e più giù ancora quei bellimbusti degli angloamericani. 

Questi per scalare la penisola ci metteranno un botto di tempo perché impegnati a giocare a poker o a trombarsi le contadine locali; mentre invece una massa di scansafatiche *** da sola ci aveva messo 4 giorni per fare piazza pulita. 

La città di Napoli verrà in seguito premiata con una medaglia d'oro al valore militare, che verrà però data per sbaglio dal sindaco ad un parcheggiatore abusivo perché aveva finito gli spicci nel portafoglio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le quattro giornate si svolsero durante la seconda edizione della 1° guerra mondiale, a cui l'Italia partecipava, ma solo dopo aver capito con quale schieramento doversi alleare per vincere. 

Visto che l'esercito italiano di buono, a parte i bersaglieri e le spalle coperte dai supercazzuti tedeschi, non aveva nulla, anzi faceva ***, i nostri poveri nonni presero schiaffi ovunque il Duce li spedisse: Grecia, Albania, Macedonia, Libia, Egitto, Malesia, Norvegia, Madascar, Mavaccagar ecc... 

Resisi conto che da qualche parte dovevano pur cominciare, gli angloamericani invasero proprio l'Italia, con conseguente calciata via a pedate di Mussolini[2] e cagarsi addosso di ree governo tutto, i quali, salutati i bravi sudditi con un bacetto in fronte, salparono via col primo traghetto per Cipro, perché lì i prezzi erano convenienti. 

Fu così che l'8 settembre, anche a Napoli giunse il memorabile proclama del generale Pilato Badoglio. 

Vedetevela voi: noi andiamo a pesca. Quando vi sarete liberati ditecelo che torniamo a governarvi

I napoletani ovviamente la presero benissimo: esplose tra i soldati di tutta la Campania un'esultanza come se il Napoli avesse vinto il primo scudetto e subito gettati nella spazzatura fucili e divise corsero a farsi un bagno a mare[3], suonare un po' il mandolino, mangiare il casatiello coi parenti, e altre amenità che ai *** piace fare quando hanno il giorno libero. 

I poveretti si illudevano che le ferie fossero appena cominciate, ma lo spaparanzo durò poco. 

Visto che la Germania si dispiaceva se il suo migliore amichetto smetteva di giocare insieme a lei, questa pensò bene di far riflette gli alleati sull'eventualità di proseguire col conflitto, magari con un bel fucile puntato dietro la schiena...

L'Italia viene così occupata tutta[4], dalle Alpi alla Terronia, dalla cucina al cesso (che in quel momento serviva a molta gente); si prospettavano tempi bui, da cui uscirono, al nord, la resistenza, e, a sud, le quattro giornate di Napoli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I tedeschi stettero da subito sulle palle ai napoletani. Innanzitutto i krukki, si sa, per natura sono: 

Tosten 

Kattiven 

Disciplinaten 

Guerrieren 

Kran lavoratoren 

Rompicazzen 

Tutto il contrario dei napoletani, che dalla vita vogliono solo la tranquillità, il sugo sulla pasta, il Napoli in Champions League, un ambo al *** ogni tanto, e che si prendono una pausa caffè ogni dieci minuti. 

In quanto al punto "guerrieren", basta dire che il tipico soldato napoletano si alza dalla branda minimo a mezzogiorno, giusto in tempo per il pranzo, se gli ufficiali gli chiedono di marciare esibisce un falso certificato di invalidità, e se gli chiedono se è pronto a morire per la patria risponde "Ma comm'?! A me nisciun' m'era informat'!"[5], per dire quanto la realtà della guerra c'azzecchi con questo popolo. 

Da dire poi che la guerra in sé ormai li aveva stufati, perché buttava in giro bombe dappertutto e neanche si fermava a pulire il *** combinato dopo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I krukki sono in città solo da pochi giorni e ci sono già i primi attriti: 

Un vigile urbano prova a fare una multa ad un camion di soldati tedeschi perché in divieto di sosta. Rifiutandosi questi di conciliare, si incazza e li sbatte dentro, perché se è vero che i napoletani non rispettano il codice della strada[6], almeno i turisti in visita lo devono fare! Il suddetto vigile verrà poi frustato e legato a una colonna dai fascisti collaborazionisti che stavano dalla parte degli occupanti. 

Un paio di krukki, con la scusa che sono brutten und kattiven, fanno la spesa dal verduraio senza pagare; un carabiniere li mette in fuga con un battipanni. 

I nazisti, adducendo come motivazione il fatto che l'ospitalità è scadente[7] danno fuoco alla biblioteca di Napoli e, già che ci sono, pure a un paio di pizzerie perché si erano rifiutate di fare la pizza coi crauti[8]. 

Il "capocchien" Scholl 

Il super-krukko al comando degli occupanti è un tale Water Scholl[9], che è enormemente deluso della sua sistemazione. 

Hitler infatti gli aveva promesso, mettendolo ad occupare Napoli, tanto sole, tanto mare, gente simpatica e cordiale, buona cucina e buona musica. 

Proprio non riusciva a capire perché quella gente a cui stavano togliendo la libertà, arrestando gli ex-soldati, sequestrando beni, violentando donne, uccidendo parenti, e che stavano seviziando in mille modi insieme ai compagni di bevute fascisti li stessero trattando tanto male! Infuriato, decise di bandire un duro proclama, e quella fu la sua condanna... 

Il proclama di Scholl 

Statemi a sentiren, maledetten terronen!
Visto che state facendo, come dite voi, i "cazzimmosen", ora vi detto un paio di regoletten!" 

Il capo di Napolen ora zono io, perché kosì dice Hitler e ci dovete staren zennò viene qui e vi stermina 

Da oggi dovete fare i braven: non si gioca più a pallonen per strada o nei condominien, altrimenti ve lo skiattiamo 

Non dovete più suonare il mandolinen mentre facciamo il nostro pisolinen pomeridianen 

Se uno fa il cattiven, distruggiamo tutto il suo quartiere 

Perché? Perché ci va! 

Coprifuochen: dovete tornaren a casa alle 20,30, e se il Napoli gioca allo stadio alle 20,45 non me ne frega ein cazzen! 

Dovete consegnaren tutte le vostre armi, kozì non potrete ribellarvi, per favoren... 

Le fionde und i cornetti rossen portafortunen valgono come armi 

Spero non siate incacchiaten: noi soldati stiamo facendo solo il nostro doveren 
 

Kon autorità und cattiveria
Colonnellen Scholl, vostro signoren und padronen

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


E per dimostrare con quanto impegno stessero adempiendo ai loro doveri, fucilarono un giovane marinaio sulla pubblica piazza, costringendo il popolo a guardare e pure a comprarsi il pop-corn venduto dai tedeschi stessi. 

A questo punto gli "All'anem'e chella *** e bucchinara e mamm't!" avevano già preso a risuonare di vicolo in vicolo per il capoluogo campano... 

La goccia che fa traboccare il vaso... 

Il giorno dopo, vennero affissi altri manifesti... 

Scusatemi, brava genten, ieri ero un po' incacchiaten e mi sono scordato di dirvi un'altra cosetten 

Tutti i napoletanen maschi abili a lavorare (ammesso ce ne siano...) devono lasciare case und famiglien und Napoli per venire a LAVORAREN in Germania 

Kon autorità
Colonnellen Scholl, vostro signoren und padronen

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Così, mentre ancora gli americani stavano facendosi la manicure per non sfigurare quando sarebbero giunti come "liberatori", i cittadini si preparavano a dare una lezione agli invasori, alla maniera napoletana. 

Perché nessuno, figuriamoci un krukko scarparo può venire a Napoli e dire alla gente di lavorare![11] Il 27 settembreiniziano gli scontri. I tedeschi si portano subito avanti sul lavoro arrestando 8000 napoletani, che però poi rilasciano perché non sanno dove metterli e mangiano tanto. 

Al Vomero viene catturato un *** tedesco che prega Sant'Antonio per la sua salvezza; sfortunatamente per lui era quel polentone Sant'Antonio da Padova, non Sant'Antonio Abate (di quelle parti) e viene perciò finito a testate. 

La lotta è subito dura per i cittadini, ma per i tedeschi lo è ancora di più: se provano ad arrestare qualcuno, scendono la madre, le zie, le nonne di lui, con tutte le relative comari di quartiere, armate di pentole, scope e mattarelli, perché i figli "Sò piezz' e core'" e comunque alla fine sono tutti "Buoni uaglioni", a detta loro...[12]. 

I napoletani, abili nella truffa, si fingono collaborazionisti per dare indicazioni sbagliate ai guidatori di tank, facendone finire un paio giù dal molo; i più abili riescono a sostituire di nascosto i mitra nemici con dei salami locali, sicché le esecuzioni sommarie finiscono spesso a tarallucci e vino... letteralmente... 

Inoltre, i napoletani hanno dalla loro il proprio dialetto, incommensurabile miniera di sfottò e spernacchi, coi quali riescono a fiaccare il morale dei nemici.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Al mattino presto i tedeschi scoprono che i depositi d'armi di Capodimonte che avevano requisito sono stati depredati dai napoletani, che hanno sostituito le casse di fucili con quelle dell'acqua Lete. 

Se ne accorgono solo quando si rendono conto che uccidere inermi civili a colpi di bollicine è difficoltoso[14]. 

Da segnalare il coraggio dei ragazzini della città, gli "scugnizzi", che sgusciano non visti fino ai carri armati per lanciare loro contro delle molotovotturargli il tubo di scappamento con una patata per farli saltare in aria. 

I tedeschi continuano i rastrellamenti e rinchiudono i prigionieri nel campo sportivo, senza però dar loro manco un Super Santos per passare il tempo. Dinanzi a tale barbarie, Pulcinella in persona guida un commando di valorosi che libera i prigionieri dopo una dura battaglia. 

Giorno 3 

Al terzo giorno i tedeschi sono già stremati: non bastasse la popolazione nemica, che lancia contro i soldati mozzarella di bufala falsa (e quella è veramente uno schifo...), bisogna fronteggiare gli agguerritissimi parcheggiatori abusivi; lo stesso Scholl per trovare un parcheggio alla sua Mercedes modello Goering Turbo sotto il quartier generale deve dannarsi l'anima[15]! 

Si battaglia quartiere per quartiere, e l'organizzazione della rivolta è appunto lasciata a singoli capipopolo di zona, senza alcun collegamento con gli Alleati o con il resto degli antifascisti italiani, che cominciavano a spuntare un po' qui un po' là visto che il fascismo ormai non andava più di moda; tra questi capipopolo spiccano alcune figure come Ciruzzo O' pittbull.[16], Pasquale O' Panzarotto[17], Gigino O' Purdummar'[18], e vari altri... 

Il quartiere operaio di Ponticelli viene distrutto, ma gli operai dal canto loro esultano: domani festa! 

Resosi conto di non poter competere contro un popolo simile, Scholl tratta la resa: i napoletani acconsentono a farlo uscire sano e salvo dalla città su di un apecar di meloni(raccomandandogli di non passare per Casoria perché lì la strada fa schifo), in cambio di vedergli fare "TIÉ!" a una foto di Hitler. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La ritirata non è indolore: mentre se ne vanno, quei cafoni dei tedeschi imbrattano i monumenti della città con le bombolette spray, e incendiano l'Archivio di Stato di Napoli, causando incalcolabili danni al patrimonio artistico-culturale della città... 

E poi sono i *** quelli INCIVILI! 

A fine giornata, un drappello di soldati alleati fa il suo ingresso in città... 

Napoli! I tuoi salvatori sono giunti! Onorateci!Soldati americani che fanno gli spacconi

E la risposta pronta dei napoletani non si fece attendere... 

Ma jat' a faticà![19]Napoletano

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I "liberatori" della città arrivarono che non c'è più niente da liberare. Anzi, i napoletani, vedendo i soldati di colore angloamericani li scambiano per dei vendifazzoletti e li trattano pure in malo modo! 

Il colonnello Scholl, torna in Germania con la coda fra le gambe, chiede il congedo e prende ad occuparsi solo di calzature, che quelle gli riuscivano bene. 

Hitler, incazzato, anche perché Scholl non gli aveva portato la promessa VeraMozzarella di Bufala, e nemmeno una delle statuette del presepe di Spaccanapoli come ricordino, ordina che Napoli venga ridotta in cenere e fango. 

I partenopei, ormai al sicuro con gli Alleati in casa, gli rispondono: "PRRRRRRRRRRRRR!"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cos'è: uno scherzo di pessimo gusto, il delirio di un ubriaco o la tesi di laurea del Trota? Dottore in Storia presso il prestigioso ateneo di Tirana?

Se la Storia si scrivesse così, direttoretto sarebbe Nobel per la Letteratura e il garzone del mio barbiere sarebbe Benedetto Croce.

110 pernacchie e lode all'autore di questi post, più demenziali che offensivi, dalla città da cui partirono il Risorgimento e la Resistenza. 

P.S. L'estate si avvicina, va a pulire le spiagge, così almeno ti rendi utile

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Ma cos'è: uno scherzo di pessimo gusto, il delirio di un ubriaco o la tesi di laurea del Trota? Dottore in Storia presso il prestigioso ateneo di Tirana?

Se la Storia si scrivesse così, direttoretto sarebbe Nobel per la Letteratura e il garzone del mio barbiere sarebbe Benedetto Croce.

110 pernacchie e lode all'autore di questi post, più demenziali che offensivi, dalla città da cui partirono il Risorgimento e la Resistenza. 

P.S. L'estate si avvicina, va a pulire le spiagge, così almeno ti rendi utile

E' la verità, bufalaro !! E la verità fa male anche se viene narrata in senso ironico che , vedo, non apprezzi nonostante il mio tentativo di edulcorate per cercare,  almeno, di renderti più dolce e meno fastidiosa l'evacuazione dell'onore  , sulla dignità , sulla fierezza di Napoli e dei Napoletani che non vi fu affatto checche' tu ne dica. Napoli con la Resistenza ed i partigiani non c'entra un cazxo , quindi e' inutile che tu cerchi di spacciare virtù che non fanno proprio parte dei tuoi conterranei in quel periodo storico . La Resistenza fu fatta solo al Centro- Nord . Solo in quelle zone di contrastarono ferocemente i nazifascisti. Solo in quelle zone di scrissero le pagine più belle della Lotta partigiana ed antifascista . Non a Napoli e nemmeno nei paraggi di Napoli . 

 
Qualche imboscata, attentati nell’ombra, occupazioni di località sgombrate dal nemico, (un caso molto frequente) ripiegamenti in montagna, ecc., non possono costituire un serio elemento per dare a questi episodi il carattere di una resistenza armata ai “nazifascisti”. Gli idealisti antifascisti, comunisti e non, erano una presenza veramente minimale, qualcosa ci fu e spesso furono proprio quei pochi a pagare con la vita. Ma evocare il termine di 
“liberazione”, di sollevazione popolare è un falso storico provato per limiti oggettivi comprensibili. Questa minoranza di antifascisti “attivi”, idealisti, renitenti alla macchia o clandestini nelle città, frange dell’Esercito monarchico, ecc., non compirono mai alcun atto bellico di rilievo. Quindi io potrò anche andare a pulire le spiagge , del resto lavoro dignitoso e di cui non ci sarebbe da vergognarsi , ma te rimarrai sempre un cittadino di una città che si è sempre venduta , storicamente , a chi ha " offerto di più , che si chiamassero Arabi, Borboni , CecchiBeppe, Re e Monarchici, Lauro, Gava ....ecc ecc. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Stavo per chiederti di citarmi almeno uno straccio di fonte o di documento a supporto delle farneticazioni che hai postato, ma poi mi sono detto: che senso ha discutere di storia con uno che pensa che Napoli si sia venduta agli Arabi? Roba da matti!  I quali Arabi, peraltro, quando si espansero in Europa (Penisola iberica, Sicilia) portarono arte, scienza, cultura, isole di civiltà e di prosperità negli anni oscuri dell'Alto Medioevo, e perfino un livello di tolleranza religiosa nettamente superiore a quello dei paesi cristiani coevi. Però, se devo abbassarmi solo per un attimo al tuo livello di storicofaidaté, in chiave ironica, allora ti dico che fu semmai la tua Toscana a "vendersi" a Ostrogoti e Longobardi, e poi ai franco-austriaci degli Asburgo-Lorena ahahahahaha!

P.S.  Rinnovo il suggerimento:  vai pulire le spiagge. E' un lavoro la cui utilità e dignità io non ho mai messo in dubbio. Ignobile invece è alterare la verità storica per denigrare un popolo e per offendere un forumista di sinistra che non si è fatto accalappiare dal tuo leader fiorentino che si allea con Alfano e Verdini, che fa i patti con Berlusconi e che salva Minzolini e Giggino 'a purpetta. 

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963