Barefooting la nuova tendenza dagli States. Avete mai provato?

Camminare a piedi nudi fa bene. Liberandoli da scarpe e calze si facilitano circolazione del sangue e termoregolazione, si migliora la  postura, si rafforzano e massaggiano naturalmente i piedi e si regala un po' di pace alla mente. Una pratica salutista ed economica che, prima in Nuova Zelanda e poi negli Stati Uniti, è stata elevata a filosofia e ribattezzata BareFooting. Senza prendersi troppo sul serio camminare a piedi nudi in determinati ambienti è sicuramente piacevole e salutare ed è oggi possibile anche in diverse località italiane dove alberghi o altre strutture turistiche hanno progettato alcuni percorsi per favorire il contatto diretto con la natura delle estremità inferiori degli ospiti.

Avete mai provato?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

a parte che la cosa è un po' vecchia, già si vedevano 7 anni fa i turisti a piedi nudi, io fin da bambina adoravo stare scalza. i calzini ogni tanto li tengo per non macchiare i pavimenti in marmo, ma, se posso, tolgo anche quelli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e col tetano come la mettiamo?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io tutti gli anni quando vado in vacanza in sicilia faccio ogni sera una passeggiata a piedi nudi sul bagnasciuga... una cosa che adoro fare, anche camminare a piedi nudi sull'erba è bellissimo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io sono troppo avanti, sempre camminato a piedi nudi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io cammino sempre a casa a piedi nudi, naturlamente anche in spiaggia ma onestamente non ho mai provato su altri tipi di suolo... magari adesso butto un occhio alle strutture che prevedonopercorsi del genere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma perché bisogna per forza dare dei nomi inglesi alle cose???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, pallantani ha scritto:

Ma perché bisogna per forza dare dei nomi inglesi alle cose???

anche questo è vero!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Lucilla da Anna, sin da bambina sono stata abituata a vivere l’estate scalza in casa e fuori casa. Ancora ora prendo regolarmente l’autobus a piedi liberi per recarmi in città per gli acquisti o una passeggiata a vedere le vetrine. In ferie al mare mi muovo libera sia in albergo sia per strada senza nessun problema. Anzi, vedendo la mia libertà e la mia spontaneità mi imitano in molte. Hai mai provato una piacevole pedalata in bicicletta? I piedi si muovono agevolmente e nella guida mi sento più sciolta. In chiusura per quale motivo ricorrere a parole inglesi per definire il piacere della libertà e della spontaneità? A presto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963