LEGGI AD PARTITO.. SIC HONESTA NON STA QUA

6 messaggi in questa discussione

Fosforo  ci  dirà  qualcosa  ... a  giustificazione  ?  Ops  la  solita  manina..  ma  è molto  nota 

C’è una notizia incredibile che è finita in qualche retroscena oggi ma racconta meglio di mille discorsi come funziona la maggioranza che ci governa. Ricordate tutto il cinema fatto da Bonafede e i grillini sulla legge anti-corruzione? Bene, ora si scopre che attraverso un comma ad personam i leghisti hanno inserito una norma che salva dai processi i propri deputati condannati per peculato. Avete capito bene! Con la scusa del combattere la corruzione hanno fatto passare un codicillo che permetterà agli ex consiglieri regionali già condannati non in via definitiva per i rimborsi di salvarsi. Quindi il decreto Bonafede tanto sbandierato da Di Maio, Di Battista e tutta la redazione de Il Fatto Quotidiano ottiene l’obiettivo opposto di salvare la pelle ai politici condannati per peculato. Nel giro di un anno i grillini sono passati da “onestà!” alle leggi ad personam, ad un vero e proprio #SalvaLega.
Come si cambia per non andare a casa...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Al terzo tentativo, la manina ha fatto canestro. Per azzerare o stemperare gli effetti giudiziari del periodo delle cosiddette "spese pazze" dei consiglieri regionali di tutta Italia, c'erano già stati due abbordaggi. Adesso nel testo del ddl approvato in via definitiva, compare una modifica" (da la Repubblica)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

falso impenitente   la  faccia  dice  tutto..

L'immagine può contenere: 1 persona, testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ma che soddisfazione proviamo quando possiamo dare certe notizie????😀😀😀🖕🖕🖕🖕. Speriamo solo che non glieli facciano pagare A RATE!

safe_image.php?d=AQDP-w0Q12F6JPjV&w=540&
CORRIERE.IT
 
Il primo cittadino di Pontinvrea dovrà pagare 200.000 euro di ammenda. L’ex presidente della Camera: «Le donne non abbassino la testa»
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: una o più persone e testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora