picchia ladro rom in casa sua.condannato

Sorprende il ladro in casa e lo picchia. Si fa sette mesi ai domiciliari e paga il risarcimento. Il bandito è libero

Accade a Firenze. L’uomo che ha difeso la sua famiglia è stato costretto a passare sette mesi ai domiciliari e a risarcire lo zingaro con 1500 euro.

Simone P. racconta: “Era il 17 agosto del 2015, due anni fa. Tornavo dal mare con la mia bambina, che allora aveva dieci anni, e dopo aver preso un gelato in piazzale Michelangelo intorno a mezzanotte arriviamo a casa. Entriamo, lei va verso il bagno e improvvisamente comincia a urlare. C’era una persona, un ladro, avrà avuto tra i venti e i venticinque anni. Un rom. Lui mi spinge per scappare, e io non ci ho più visto. Ho pensato solo alla ragazzina, ai pericoli che poteva correre”, spiega il cinquantenne a Libero.
Poi l’uomo racconta il contatto fisico con quel rom. Dopo anni di calcio storico fiorentino e pugilato, ha picchiato con furia il nomade: “E d’ altronde che cosa ne so di quello che poteva avere in mano? Intanto i vicini stavano chiamando la polizia”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

ovviamente con le leggi buoniste fatte ad hoc,chi subisce deve pagare....ma la pacchia a breve è finita!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente questa è una legge da cambiare.

I ladri vanno fucilati a sale grosso sul posto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

I ladri vanno fucilati a sale grosso sul posto.

Guarda che quella del sale grosso non è una battuta, tanti anni fa quando ancora non esistevano i proiettili di plastica e i cacciatori si facevano da soli in casa le cartucce  ( la caccia non era osteggiata dagli ambientalisti come succede oggi) certi contadini caricavano alcune cartucce non con i pallini di piombo ma con del sale grosso, se qualche birbante saliva sul loro ciliegio per mangiarsi le ciliegie prendevano il fucile, mettevano una cartuccia al sale e sparavano, il birbante si prendeva una bella bruciatura che bruciava per qualche giorno e  la voglia di andare a rubare le ciliegie gli passava

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io sono uno di quei contadini Sig etrusco.

Però sparo con l'archibugio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963