FANFARONI , BUGIARDI, INCOERENTI, CAXXARI CIALTRONI ETC ETC ETC

Riescono, ma  non  c'è da  meravigliarsi se  hanno   chi li  vota, a   stravolgere   pure  i dati  che  hanno  dato loro...  Forte  Marattin  peccato   nessuno lo  ascolta e  certo  se  si dice  la  verità....

Luigi Marattin stava quasi per spaccare tutto . Di fronte ai dati ufficiali inconfutabili con fonte il Governo stesso che certificano l'aumento della pressione fiscale , gli altri ospiti in studio che fanno ? Tirano in ballo che in fondo ciò che conta è il "PERCEPITO" dalla gente , e non le cifre ufficiali . A questo punto Marattin non si trattiene più .
GUARDA IL VIDEO ▼

safe_image.php?d=AQCm96wES1BCfLpN&w=147&
YOUTUBE.COM
 
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

25 messaggi in questa discussione

Boom  come  gli  anni sessanta   ahahahahahah se  non  ci sarà  che  fine    farà ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Il Marattino stava per spaccare tutto? Ahahahah! Ha parlato un altro "guru" dell'economia, ben noto alle casalinghe e alle badanti che guardano distrattamente la TV mentre pelano le patate (e dunque si rendono molto più utili alla società degli urlatori da talk show). Noi invece, quando ci imbattiamo in certi personaggetti, cambiamo canale con la velocità di Terence Hill quando estraeva il revolver, e preferiamo goderci le sapienti, esilaranti pennellate dell'ottimo Andrea Scanzi:

L'inutilmente attivissimo Marattin, che ad ogni intervento in Parlamento o tivù spera che qualcuno lo noti e lo renda virale, con quella sua buffa convinzione recondita d'esser davvero un economista (e perfino un po' arguto)...

L'esimio sconosciuto economista dem. Non riesci a dormire? Niente paura: accendi La7 quando è ancora mattina e bevi l'amaro calice Marattin. Chi è? Un renziano di quarta fila, che è quasi come dire meno di niente. Cravatta livida e toni da bullo freddato nella prima sequenza di un film minore con Vin Diesel...

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Il Marattino stava per spaccare tutto? Ahahahah! Ha parlato un altro "guru" dell'economia, ben noto alle casalinghe e alle badanti che guardano distrattamente la TV mentre pelano le patate (e dunque si rendono molto più utili alla società degli urlatori da talk show). Noi invece, quando ci imbattiamo in certi personaggetti, cambiamo canale con la velocità di Terence Hill quando estraeva il revolver, e preferiamo goderci le sapienti, esilaranti pennellate dell'ottimo Andrea Scanzi:

L'inutilmente attivissimo Marattin, che ad ogni intervento in Parlamento o tivù spera che qualcuno lo noti e lo renda virale, con quella sua buffa convinzione recondita d'esser davvero un economista (e perfino un po' arguto)...

L'esimio sconosciuto economista dem. Non riesci a dormire? Niente paura: accendi La7 quando è ancora mattina e bevi l'amaro calice Marattin. Chi è? Un renziano di quarta fila, che è quasi come dire meno di niente. Cravatta livida e toni da bullo freddato nella prima sequenza di un film minore con Vin Diesel...

Ahahahaha, Cazzaro di Napoli !! Sei il più comico di tutti !! E dimmi dimmi ebe te , chi e’ che traccia una analisi così approfondita verso Marattin ?? Non dirmi che e’ il premio Pulitzer Andrea Scanzi e lo fa attraverso il giornaletto scandalistico il Falso Quotidiano . Non dirmi che e’ lo stesso Andrea noto per le sue apparizioni nelle trasmissioni calcistiche e giurato nel programma Miss Italia ...!! Ahahahahaha . Butta male , eh ??  M5S 23,8% . Il PD che doveva scomparire ed estinguersi al 18,7% e senza segretario . Ancora pochi mesi e puffete !! E sai cosa c’è di bello ?? Che lo sai anche te ...!! Ahahahahaha 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Il Marattino stava per spaccare tutto? Ahahahah! Ha parlato un altro "guru" dell'economia, ben noto alle casalinghe e alle badanti che guardano distrattamente la TV mentre pelano le patate (e dunque si rendono molto più utili alla società degli urlatori da talk show). Noi invece, quando ci imbattiamo in certi personaggetti, cambiamo canale con la velocità di Terence Hill quando estraeva il revolver, e preferiamo goderci le sapienti, esilaranti pennellate dell'ottimo Andrea Scanzi:

L'inutilmente attivissimo Marattin, che ad ogni intervento in Parlamento o tivù spera che qualcuno lo noti e lo renda virale, con quella sua buffa convinzione recondita d'esser davvero un economista (e perfino un po' arguto)...

L'esimio sconosciuto economista dem. Non riesci a dormire? Niente paura: accendi La7 quando è ancora mattina e bevi l'amaro calice Marattin. Chi è? Un renziano di quarta fila, che è quasi come dire meno di niente. Cravatta livida e toni da bullo freddato nella prima sequenza di un film minore con Vin Diesel...

Certo  certo   vuoi  mettere   la  Castelli  o  quell'altra   del  sud   la  Lezzi  mi pare  a  confronto  sono  delle  giganti in  incompetenza a  suo confronto  a  proèposito   che  ne  dici  di  questo  ?   Basta    soldi dei  cittadini  a  giornali e   radio,   già  già  purché  non  siano quelle  dell' alleato e/o  amico...

L'immagine può contenere: testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Il Marattino stava per spaccare tutto? Ahahahah! Ha parlato un altro "guru" dell'economia, ben noto alle casalinghe e alle badanti che guardano distrattamente la TV mentre pelano le patate (e dunque si rendono molto più utili alla società degli urlatori da talk show). Noi invece, quando ci imbattiamo in certi personaggetti, cambiamo canale con la velocità di Terence Hill quando estraeva il revolver, e preferiamo goderci le sapienti, esilaranti pennellate dell'ottimo Andrea Scanzi:

L'inutilmente attivissimo Marattin, che ad ogni intervento in Parlamento o tivù spera che qualcuno lo noti e lo renda virale, con quella sua buffa convinzione recondita d'esser davvero un economista (e perfino un po' arguto)...

L'esimio sconosciuto economista dem. Non riesci a dormire? Niente paura: accendi La7 quando è ancora mattina e bevi l'amaro calice Marattin. Chi è? Un renziano di quarta fila, che è quasi come dire meno di niente. Cravatta livida e toni da bullo freddato nella prima sequenza di un film minore con Vin Diesel...

Vista la becera ironia del Cazzaro di Napoli verso lo “sconosciuto “ economista del PD , in attesa che il Cazzaro Napoletano vi contrapponga quella di Giggino O’Fischer , invio un piccolo curriculum del Parlamentare del

PD 

 

 

 

 

Curriculum vitae

CONTATTI

 

Data di nascita:  20 Febbraio 1979                                               Nazionalità : Italiana         

 

Email:  luigi.marattin@unibo.it                                                    Tel:  00-39-051-2092606  

 

Sito web:  www.luigimarattin.com                                                                                     

                                                        

                                                                                          

POSIZIONE ATTUALE

 

30 Dicembre 2008- oggi :

Ricercatore universitario confermato  (SECS P01  Economia Politica)

Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna 

 

Abilitato per Professore Associato e Professore Ordinario (Settore 13/A2: Politica Economica)

 

15 settembre 2014- oggi: Consigliere Economico del Presidente del Consiglio dei Ministri

 

TITOLI DI STUDIO

 

 2002- 2006:     Dottorato di Ricerca in Economia Politica- Università di Siena (Italia)  - 08/05/07

                       

  2001- 2002:     Master of Science in  Economics  University of Warwick (UK) – 14   /09/02

                         

1997 -  2001:    Laurea in Economia delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali

                         Università di Ferrara (Italia) – 19    Luglio 2001

                         Voto finale: 110/110 con lode

 

BORSE DI STUDIO E RICONOSCIMENTI

 

2005:               Borsa di studio Fulbright  ( Junior Visiting Researcher ) 

                        New York University, Columbia University e New School (New York, USA)

 

2001:               Primo studente laureato alla Facoltà di Economia di Ferrara 

                        Premio di laurea “Dott. Giovanni Occari” – Università di Ferrara

 

1999:               Borsa di studio Erasmus – University of Birmingham (UK)

 

 

 

 

 

 

 

DIDATTICA    (Questionari di valutazione degli studenti disponibili sul sito):

 

·  2014 – oggi: Corso di Macroeconomics – Corso di Laurea in Economics and Finance – Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna  (in lingua inglese )

 

·  2012 -2014: Corso di Macroeconomia – Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali - Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, mark222220 ha scritto:

Vista la becera ironia del Cazzaro di Napoli verso lo “sconosciuto “ economista del PD , in attesa che il Cazzaro Napoletano vi contrapponga quella di Giggino O’Fischer , invio un piccolo curriculum del Parlamentare del

PD 

 

 

 

 

Curriculum vitae

CONTATTI

 

Data di nascita:  20 Febbraio 1979                                               Nazionalità : Italiana         

 

Email:  luigi.marattin@unibo.it                                                    Tel:  00-39-051-2092606  

 

Sito web:  www.luigimarattin.com                                                                                     

                                                        

                                                                                          

POSIZIONE ATTUALE

 

30 Dicembre 2008- oggi :

Ricercatore universitario confermato  (SECS P01  Economia Politica)

Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna 

 

Abilitato per Professore Associato e Professore Ordinario (Settore 13/A2: Politica Economica)

 

15 settembre 2014- oggi: Consigliere Economico del Presidente del Consiglio dei Ministri

 

TITOLI DI STUDIO

 

 2002- 2006:     Dottorato di Ricerca in Economia Politica- Università di Siena (Italia)  - 08/05/07

                       

  2001- 2002:     Master of Science in  Economics  University of Warwick (UK) – 14   /09/02

                         

1997 -  2001:    Laurea in Economia delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali

                         Università di Ferrara (Italia) – 19    Luglio 2001

                         Voto finale: 110/110 con lode

 

BORSE DI STUDIO E RICONOSCIMENTI

 

2005:               Borsa di studio Fulbright  ( Junior Visiting Researcher ) 

                        New York University, Columbia University e New School (New York, USA)

 

2001:               Primo studente laureato alla Facoltà di Economia di Ferrara 

                        Premio di laurea “Dott. Giovanni Occari” – Università di Ferrara

 

1999:               Borsa di studio Erasmus – University of Birmingham (UK)

 

 

 

 

 

 

 

DIDATTICA    (Questionari di valutazione degli studenti disponibili sul sito):

 

·  2014 – oggi: Corso di Macroeconomics – Corso di Laurea in Economics and Finance – Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna  (in lingua inglese )

 

·  2012 -2014: Corso di Macroeconomia – Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali - Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna

 

Continua:  

 

·  2007 – oggi:     Corso di International Economics - MIEX International Executive Master in International Management – Università di Bologna  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Libia”  per 15 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Libico – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2012:  Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Egypt”  per 34 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Egiziano – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2011-2012: Corso di Microeconomia- Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Continua:  

 

·  2007 – oggi:     Corso di International Economics - MIEX International Executive Master in International Management – Università di Bologna  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Libia”  per 15 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Libico – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2012:  Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Egypt”  per 34 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Egiziano – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2011-2012: Corso di Microeconomia- Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

Continua : 

 

·  2007 – oggi:     Corso di International Economics - MIEX International Executive Master in International Management – Università di Bologna  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Libia”  per 15 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Libico – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2012:  Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Egypt”  per 34 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Egiziano – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2011-2012: Corso di Microeconomia- Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

 

·  2010- 2011: Corso di Microeconomia – Corso di Laurea in Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna.

 

·  2009 – 2010:     Corso di Microeconomia – Corso di Laurea in Economia, Mercati e Istituzioni -  Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

 

·  2007-2009:       Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2008-2009:      Corso di Politica Monetaria Avanzata - Laurea Magistrale in Finanza, Intermediari e Mercati - Facoltà di Economia – Università di Bologna

 

·  2008-2009:      Modulo di 10 ore nel Corso di Crescita e Politica Economica (prof.Paolo Onofri) - Laurea Magistrale in Economia, Industria e Istituzioni Finanziarie – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Continua : 

 

·  2007 – oggi:     Corso di International Economics - MIEX International Executive Master in International Management – Università di Bologna  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Libia”  per 15 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Libico – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2012:  Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2012: Corso di  International Economics – Corso di Alta Formazione “Governance and Development of Small and Medium Enterprises in Egypt”  per 34 funzionari della Pubblica Amministrazione del Governo Egiziano – Centro Universitario di Bertinoro, Università di Bologna, Ministero degli Affari Esteri. 

 

·  2011-2012: Corso di Microeconomia- Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

 

·  2010- 2011: Corso di Microeconomia – Corso di Laurea in Studi Internazionali – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna.

 

·  2009 – 2010:     Corso di Microeconomia – Corso di Laurea in Economia, Mercati e Istituzioni -  Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna

 

·  2007-2009:       Corso di “Topics in Economic Policy” – Master in Political Science EU Policy Studies – Università americana James Madison – Firenze  (in lingua inglese)

 

·  2008-2009:      Corso di Politica Monetaria Avanzata - Laurea Magistrale in Finanza, Intermediari e Mercati - Facoltà di Economia – Università di Bologna

 

·  2008-2009:      Modulo di 10 ore nel Corso di Crescita e Politica Economica (prof.Paolo Onofri) - Laurea Magistrale in Economia, Industria e Istituzioni Finanziarie – Facoltà di Scienze Politiche – Università di Bologna.

 

Continua : 

 

 

Precedenti esperienze di *** alla didattica

 

·  2004- 2008 : Macroeconomia – Facoltà di Scienze Politiche- Università di Bologna – Titolare del corso: prof.ssa Anna  Soci

 

·  2003-2004:  Macroeconomia – Facoltà di Economia – Università di Siena –  

           Titolare del corso: prof.ssa Serena Sordi

 

ESPERIENZE OCCUPAZIONALI PRECEDENTI

 

 

·  2006-2008: Consulente presso CNA Piccola Impresa – Rimini

 

·  2007-2008:  Borsista Post-Dottorato – Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna

 

·  2005-2007:  Ricercatore  in TERA (Territorial Aspects of Enterprise Development in Remote Rural  Areas) -  Unione Europea, VI Programma Quadro,  Scientific *** to Policy 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

4 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Curriculum vitae

CONTATTI

 

Data di nascita:  20 Febbraio 1979                                               Nazionalità : Italiana         

 

Email:  luigi.marattin@unibo.it                                                    Tel:  00-39-051-2092606  

 

Sito web:  www.luigimarattin.com                                                                                     

                                                        

                                                                                          

POSIZIONE ATTUALE

 

30 Dicembre 2008- oggi :

Ricercatore universitario confermato  (SECS P01  Economia Politica)

Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna 

 

Abilitato per Professore Associato e Professore Ordinario (Settore 13/A2: Politica Economica)

 

15 settembre 2014- oggi: Consigliere Economico del Presidente del Consiglio dei Ministri

 

TITOLI DI STUDIO

 

 2002- 2006:     Dottorato di Ricerca in Economia Politica- Università di Siena (Italia)  - 08/05/07

                       

  2001- 2002:     Master of Science in  Economics  University of Warwick (UK) – 14   /09/02

                         

1997 -  2001:    Laurea in Economia delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali

                         Università di Ferrara (Italia) – 19    Luglio 2001

                         Voto finale: 110/110 con lode

 

BORSE DI STUDIO E RICONOSCIMENTI

 

2005:               Borsa di studio Fulbright  ( Junior Visiting Researcher ) 

                        New York University, Columbia University e New School (New York, USA)

 

2001:               Primo studente laureato alla Facoltà di Economia di Ferrara 

                        Premio di laurea “Dott. Giovanni Occari” – Università di Ferrara

 

1999:               Borsa di studio Erasmus – University of Birmingham (UK)

 

 

 

 

DIDATTICA    (Questionari di valutazione degli studenti disponibili sul sito):

 

·  2014 – oggi: Corso di Macroeconomics – Corso di Laurea in Economics and Finance – Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna  (in lingua inglese )

 

·  2012 -2014: Corso di Macroeconomia – Corso di Laurea in Scienze Politiche e Studi Internazionali - Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna

 

Ahahahaha! Davvero un bel curriculum! Gli manca solo una bella tesi di dottorato scopiazzata alla Scuola di Alti (?!) Studi di Lucca e poi sarà pronto per fare il ministro. Ahahahahahahaha!!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Continua : 

 

 

Precedenti esperienze di *** alla didattica

 

·  2004- 2008 : Macroeconomia – Facoltà di Scienze Politiche- Università di Bologna – Titolare del corso: prof.ssa Anna  Soci

 

·  2003-2004:  Macroeconomia – Facoltà di Economia – Università di Siena –  

           Titolare del corso: prof.ssa Serena Sordi

 

ESPERIENZE OCCUPAZIONALI PRECEDENTI

 

 

·  2006-2008: Consulente presso CNA Piccola Impresa – Rimini

 

·  2007-2008:  Borsista Post-Dottorato – Dipartimento di Scienze Economiche – Università di Bologna

 

·  2005-2007:  Ricercatore  in TERA (Territorial Aspects of Enterprise Development in Remote Rural  Areas) -  Unione Europea, VI Programma Quadro,  Scientific *** to Policy 

Continua : 

 

PUBBLICAZIONI

 

Libri  

 

·  Marattin, L. (2008), “ Economia dell'Integrazione Europea”  -   Il Mulino - Bologna      (con A.Mantovani)

 

Capitoli in libri

 

 

·  (2014) “ Some Considerations on Debt and Interest rates”  in J.Chadha, A. Durre, M.Joyce, L.Sarno (eds) “New Developments in Macro-Finance Yield Curves”. Cambridge University Press   (with P.Paesani e S.Salotti)

 

 

 

Articoli scientifici

 

 

·  (2015), “ To Adjust or Not-To-Adjust After a Cost-Push Shock? A Simple Duopoly Model with (and without) Resilience",  Economics of Innovation and New Technology -  forthcoming  (with L.Lambertini)

 

·  (2014 ), “ Government Spending Under Non-Separability: a Theoretical Analysis” , International Review of Economics , 61, 39-60  (with A.Palestini)

 

·  (2014 ),  “ Consumption Multipliers of Different Types of Public Spending: a Structural Vector Error Correction Analysis for the UK",  Empirical Economics, 46, 1197-1220 (with S.Salotti) 

 

·  (2013), “ Distortionary Tax Instruments and Implementable Monetary Policy ” International Review of Economics and Finance 25, 219-243   (con M.Marzo, P.Zagaglia).

 

·  (2012), “ Assessing the Pre-Crisis Advantages of the EMU for Sovereign Debt Issuers: a Panel VAR Analysis” , Rivista di Politica Economica  Gennaio-Marzo 2012, 7-22  -  (con P.Paesani and S.Salotti)

 

·  (2011), “ On the Usefulness of Government Expenditure in the EU Area”  – Journal of Socio Economics 40, 780-795.   (con S.Salotti)

 

·  (2011), “ A Welfare Perspective on the Fiscal-Monetary Mix: the Role of Alternative Fiscal Instruments” –  Journal of Policy Modeling 33, 920-952 (con M.Marzo and P.Zagaglia)

 

·  (2011), “ Productivity   and Per-Capita GDP Growth: the Role of the Forgotten Factors”   – Economic Modelling ,  28, 1219 - 1225   (con S.Salotti)

 

·  (2010), “ Taxation, Infrastructure and Endogenous Trade Costs in New Economic Geography”  Papers in Regional Science ,  89 , 203-222   (con S.Gruber)

 

·  (2010), “ A Note on the (Un)Pleasant Arithmetic of Fiscal Policy: the Case of Italian Public Debt”  Economic Notes ,  38 , 169-183  (con M.Marzo)

 

·  (2008), “ Private and Public Consumption and Counter-Cyclical Fiscal Policy”   International Journal o f Economics , 2, 55-81.

 

·  (2008), “ The Impact of Advertising on Aggregate Consumption: the Case of Italy”  Journal of Applied Economic Sciences , 3, 223-231. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

 

Ahahahaha! Davvero un bel curriculum! Gli manca solo una bella tesi di dottorato scopiazzata alla Scuola di Alti (?!) Studi di Lucca e poi sarà pronto per fare il ministro. Ahahahahahahaha!!! 

Già   magari   quello  messo  dal  premier  non  votato da  nessuno  o  quello  del gigggino  obibbbitaro  ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Continua : 

 

PUBBLICAZIONI

 

Libri  

 

·  Marattin, L. (2008), “ Economia dell'Integrazione Europea”  -   Il Mulino - Bologna      (con A.Mantovani)

 

Capitoli in libri

 

 

·  (2014) “ Some Considerations on Debt and Interest rates”  in J.Chadha, A. Durre, M.Joyce, L.Sarno (eds) “New Developments in Macro-Finance Yield Curves”. Cambridge University Press   (with P.Paesani e S.Salotti)

 

 

 

Articoli scientifici

 

 

·  (2015), “ To Adjust or Not-To-Adjust After a Cost-Push Shock? A Simple Duopoly Model with (and without) Resilience",  Economics of Innovation and New Technology -  forthcoming  (with L.Lambertini)

 

·  (2014 ), “ Government Spending Under Non-Separability: a Theoretical Analysis” , International Review of Economics , 61, 39-60  (with A.Palestini)

 

·  (2014 ),  “ Consumption Multipliers of Different Types of Public Spending: a Structural Vector Error Correction Analysis for the UK",  Empirical Economics, 46, 1197-1220 (with S.Salotti) 

 

·  (2013), “ Distortionary Tax Instruments and Implementable Monetary Policy ” International Review of Economics and Finance 25, 219-243   (con M.Marzo, P.Zagaglia).

 

·  (2012), “ Assessing the Pre-Crisis Advantages of the EMU for Sovereign Debt Issuers: a Panel VAR Analysis” , Rivista di Politica Economica  Gennaio-Marzo 2012, 7-22  -  (con P.Paesani and S.Salotti)

 

·  (2011), “ On the Usefulness of Government Expenditure in the EU Area”  – Journal of Socio Economics 40, 780-795.   (con S.Salotti)

 

·  (2011), “ A Welfare Perspective on the Fiscal-Monetary Mix: the Role of Alternative Fiscal Instruments” –  Journal of Policy Modeling 33, 920-952 (con M.Marzo and P.Zagaglia)

 

·  (2011), “ Productivity   and Per-Capita GDP Growth: the Role of the Forgotten Factors”   – Economic Modelling ,  28, 1219 - 1225   (con S.Salotti)

 

·  (2010), “ Taxation, Infrastructure and Endogenous Trade Costs in New Economic Geography”  Papers in Regional Science ,  89 , 203-222   (con S.Gruber)

 

·  (2010), “ A Note on the (Un)Pleasant Arithmetic of Fiscal Policy: the Case of Italian Public Debt”  Economic Notes ,  38 , 169-183  (con M.Marzo)

 

·  (2008), “ Private and Public Consumption and Counter-Cyclical Fiscal Policy”   International Journal o f Economics , 2, 55-81.

 

·  (2008), “ The Impact of Advertising on Aggregate Consumption: the Case of Italy”  Journal of Applied Economic Sciences , 3, 223-231. 

Continui a leggere idio ta . Bene , andiamo avanti 

 

Articoli in italiano

 

 

(2014). “ Dal Patto di Stabilità al Saldo Euro-Compatibile: Un'Applicazione ai Comuni dell'Emilia Romagna”  - Rivista di Politica Economica -  forthcoming  (con M.Ferraresi e L.Rizzo)

 

 

 

Recenti articoli di policy più rilevanti

 

 

·  (2015), “ Finanza locale, svolta in quattro mosse” -  Il Sole 24 Ore - 4 maggio 2015

 

·  (2014), “ Ora Maastricht porrebbe il vincolo al 3,9%”  - Il Sole 24 ore - 24 dicembre 2014

 

·  (2014), “ Le mille leggende sul rigorismo europeo”  - Linkiesta - 23 Maggio 2014

 

·  (2014), “ Le mille leggende sul Fiscal Compact” -  Linkiesta - 28 aprile 2014

 

·  (2014), “ Chi specula sullo spread”   - Linkiesta – 7 gennaio 2014

 

·  (2013), “ Tutto quello che avete sempre voluto sapere sul limite del 3% del rapporto deficit/PIL e che non avete mai osato chiedere”  – Noise from Amerika – 25 settembre 2013

 

·  (2013),  “Al Patto di Stabilità servono più Europa e meno dettagli” –  Il Sole 24 Ore – 29 luglio 2013 (con Silvia Giannini, Alessandro Petretto, Leonzio Rizzo, Alberto Zanardi).

 

 

·  (2013), “ Verità e leggende sull'aggiustamento fiscale italiano”  – Linkiesta – 21 Giugno 2013

 

·  (2012),  “ Su quali spalle pubbliche grava davvero il pareggio di bilancio” –  Noise from Amerika – 14 Aprile 2012

 

·  (2011), “ Lo stato reale delle nostre finanze pubbliche”  Noise from Amerika – 11 Novembre 2011

 

·  (2011),  “Acqua: pubblico e privato tra regolazione e concorrenza”  AGI Energia 

 

·  (2010), “ Disavanzi pubblici ed effetti sull'economia ”  Prometeia – Rapporto di Previsione 2010 – Approfondimenti 

 

Articoli in italiano

 

·  (2013), “ Dal Saldo del Patto di Stabilità Interno al Saldo Euro-Compatibile: Un'Applicazione ai Comuni dell'Emilia-Romagna”  Società Italiana di Economia Pubblica – Working Paper no.665 (con M. Ferraresi e L.Rizzo)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Continui a leggere idio ta . Bene , andiamo avanti 

 

Articoli in italiano

 

 

(2014). “ Dal Patto di Stabilità al Saldo Euro-Compatibile: Un'Applicazione ai Comuni dell'Emilia Romagna”  - Rivista di Politica Economica -  forthcoming  (con M.Ferraresi e L.Rizzo)

 

 

 

Recenti articoli di policy più rilevanti

 

 

·  (2015), “ Finanza locale, svolta in quattro mosse” -  Il Sole 24 Ore - 4 maggio 2015

 

·  (2014), “ Ora Maastricht porrebbe il vincolo al 3,9%”  - Il Sole 24 ore - 24 dicembre 2014

 

·  (2014), “ Le mille leggende sul rigorismo europeo”  - Linkiesta - 23 Maggio 2014

 

·  (2014), “ Le mille leggende sul Fiscal Compact” -  Linkiesta - 28 aprile 2014

 

·  (2014), “ Chi specula sullo spread”   - Linkiesta – 7 gennaio 2014

 

·  (2013), “ Tutto quello che avete sempre voluto sapere sul limite del 3% del rapporto deficit/PIL e che non avete mai osato chiedere”  – Noise from Amerika – 25 settembre 2013

 

·  (2013),  “Al Patto di Stabilità servono più Europa e meno dettagli” –  Il Sole 24 Ore – 29 luglio 2013 (con Silvia Giannini, Alessandro Petretto, Leonzio Rizzo, Alberto Zanardi).

 

 

·  (2013), “ Verità e leggende sull'aggiustamento fiscale italiano”  – Linkiesta – 21 Giugno 2013

 

·  (2012),  “ Su quali spalle pubbliche grava davvero il pareggio di bilancio” –  Noise from Amerika – 14 Aprile 2012

 

·  (2011), “ Lo stato reale delle nostre finanze pubbliche”  Noise from Amerika – 11 Novembre 2011

 

·  (2011),  “Acqua: pubblico e privato tra regolazione e concorrenza”  AGI Energia 

 

·  (2010), “ Disavanzi pubblici ed effetti sull'economia ”  Prometeia – Rapporto di Previsione 2010 – Approfondimenti 

 

Articoli in italiano

 

·  (2013), “ Dal Saldo del Patto di Stabilità Interno al Saldo Euro-Compatibile: Un'Applicazione ai Comuni dell'Emilia-Romagna”  Società Italiana di Economia Pubblica – Working Paper no.665 (con M. Ferraresi e L.Rizzo)

Hai letto idio ta di Napoli ?? Bene , ora rimango in attesa del curriculum di Giggino O’Bibitaro dal Mit University di Marignanella (NA). 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Spero solo che all'occorrenza sia in grado di farsi un piatto di spaghetti olio, aglio e peperoncino.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, pm610 ha scritto:

Certo  certo   vuoi  mettere   la  Castelli  o  quell'altra   del  sud   la  Lezzi  mi pare  a  confronto  sono  delle  giganti in  incompetenza a  suo confronto  a  proèposito   che  ne  dici  di  questo  ?   Basta    soldi dei  cittadini  a  giornali e   radio,   già  già  purché  non  siano quelle  dell' alleato e/o  amico...

L'immagine può contenere: testo

Che la Lega stia da decenni nel carrozzone dello spreco e della mangiatoia del denaro dei contribuenti io l'ho sempre scritto e lo scrivo tuttora. È uno dei motivi, uno dei principali, per i quali continuo a giudicare INCOMPATIBILI le due forze di governo. Non a caso Salvini, al contrario di Di Maio, è un Sì-TAV e ora è diventato pure un Sì-TRIV (dopo avere sostenuto a suo tempo il referendum No-TRIV solo per fare finta di essere antirenziano). Proprio in questi giorni stiamo assistendo ad alcuni plastici esempi (o prove tecniche?) di quello che io chiamo RENZUSCONISMO ENHANCED (cioè Renzusconi rinforzato da Salvini) e che era il pericolo, tutt'altro che fantapolitico, da me paventato in alcuni post prima del 4 marzo. Lo abbiamo visto all'opera in Senato con il salvataggio trasversale (Pd+FI+Lega) di un quintetto di senatori indagati per vari reati (dalla diffamazione alla corruzione). Lo vediamo oggi a Torino nella penosa manifestazione in cui pidini e leghisti sfilano a braccetto con le madamine forzidiote, pardon forzitaliote, per sostenere quel colossale spreco e stupro del territorio che è il TAV e in alternativa quella colossale idiozia che sarebbe il referendum consultivo sull'opera inutile. A proposito di TAV e di fanfaroni, è di ieri il duro monito del Matteo fiorentino a quello meneghino: "Se la Lega si ferma sul TAV, è finita". E pensare che appena 6 anni fa il fanfarone toscano proponeva in un suo libro di rottamare l'opera faraonica e inutile, definendola "investimento fuori scala e fuori tempo". 

Premesso ciò, i 70mila euro cui Radio Padania ha diritto in quanto organo di informazione di partito, sono meno che spiccioli se li confrontiamo ai 12,7 milioni di euro che riceve annualmente Radio Radicale (fonte Wiki), emittente di un piccolo partito che non è neppure in Parlamento. I due terzi di questa somma in realtà vengono elargiti in cambio di un servizio pubblico, cioè le radiocronache dirette delle sedute parlamentari. Ma se ne potrebbe tranquillamente fare a meno visto che c'è anche un canale Rai che le trasmette. Inoltre Camera e Senato dispongono ambedue di una webTV per le dirette in streaming. In ogni caso parliamo di somme del tutto sproporzionate rispetto al servizio offerto. Diamo 70.000 euro anche a Radio Radicale e non ne parliamo più.  Ma nel paese di Pulcinella il carrozzone dello spreco (da Repubblica ai pidini alla frutta) è insorto compatto, come se fosse minacciata la democrazia stessa, quando i 5stelle hanno proposto di tagliare una parte dei fondi pubblici elargiti a un'emittente privata privilegiata che negli anni ha succhiato centinaia di milioni di euro dalle tasche dei contribuenti. Con tutti quei soldi si potevano creare migliaia di posti di lavoro. VERGOGNA! 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Spero solo che all'occorrenza sia in grado di farsi un piatto di spaghetti olio, aglio e peperoncino.

Ottima, egregio Ahahah. Personalmente ho seri dubbi sulle capacità culinarie del nostro economista pidino. Lui è assiduo in tivù nei talk show del mattino (in attesa che lo promuovano a quelli di prima serata). Poi è costantemente impegnato con gli esami e i corsi per allungare il suo curriculum e per far felice il lekkino pidino che lo pubblica a puntate nel nostro forum. E infine nei ritagli di tempo fa pure il parlamentare. Non credo che abbia il tempo e nemmeno  la voglia per cucinare. 

Saluti 

P.s. nella mia variante (partenopea) del più classico dei piatti nazionali io aggiungo una manciata di capperi e qualche filetto di acciuga sott'olio che faccio soffriggere molto lentamente con l'aglio (uno o due spicchi per porzione, che per me sono 125 g di spaghetti), l'olio d'oliva (abbondante) e il peperoncino (a piacere, ma preferisco non eccedere). Verso la fine elimino l'aglio (che non getto, lo mangio con un tocchetto di pane cafone bagnato nel sughetto) e aggiungo olive di Gaeta snocciolate (almeno 6 a testa). Dopo avere scolato bene gli spaghetti al dente (cioè un minuto meno del tempo di cottura al dente indicato dal produttore) spadello a fuoco vivo dopo avere sparso una manciata di prezzemolo freschissimo tritato. Buon appetito. 

P.s.bis: se a tutto quanto sopra aggiungiamo del pomodoro (preferibilmente fresco o pelati San Marzano) che facciamo cuocere una decina di minuti, e se sostituiamo il prezzemolo con abbondante origano, otteniamo i classici "spaghetti alla puttanesca". 

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Spaghetti_alla_puttanesca

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Che la Lega stia da decenni nel carrozzone dello spreco e della mangiatoia del denaro dei contribuenti io l'ho sempre scritto e lo scrivo tuttora. È uno dei motivi, uno dei principali, per i quali continuo a giudicare INCOMPATIBILI le due forze di governo. Non a caso Salvini, al contrario di Di Maio, è un Sì-TAV e ora è diventato pure un Sì-TRIV (dopo avere sostenuto a suo tempo il referendum No-TRIV solo per fare finta di essere antirenziano). Proprio in questi giorni stiamo assistendo ad alcuni plastici esempi (o prove tecniche?) di quello che io chiamo RENZUSCONISMO ENHANCED (cioè Renzusconi rinforzato da Salvini) e che era il pericolo, tutt'altro che fantapolitico, da me paventato in alcuni post prima del 4 marzo. Lo abbiamo visto all'opera in Senato con il salvataggio trasversale (Pd+FI+Lega) di un quintetto di senatori indagati per vari reati (dalla diffamazione alla corruzione). Lo vediamo oggi a Torino nella penosa manifestazione in cui pidini e leghisti sfilano a braccetto con le madamine forzidiote, pardon forzitaliote, per sostenere quel colossale spreco e stupro del territorio che è il TAV e in alternativa quella colossale idiozia che sarebbe il referendum consultivo sull'opera inutile. A proposito di TAV e di fanfaroni, è di ieri il duro monito del Matteo fiorentino a quello meneghino: "Se la Lega si ferma sul TAV, è finita". E pensare che appena 6 anni fa il fanfarone toscano proponeva in un suo libro di rottamare l'opera faraonica e inutile, definendola "investimento fuori scala e fuori tempo". 

Premesso ciò, i 70mila euro cui Radio Padania ha diritto in quanto organo di informazione di partito, sono meno che spiccioli se li confrontiamo ai 12,7 milioni di euro che riceve annualmente Radio Radicale (fonte Wiki), emittente di un piccolo partito che non è neppure in Parlamento. I due terzi di questa somma in realtà vengono elargiti in cambio di un servizio pubblico, cioè le radiocronache dirette delle sedute parlamentari. Ma se ne potrebbe tranquillamente fare a meno visto che c'è anche un canale Rai che le trasmette. Inoltre Camera e Senato dispongono ambedue di una webTV per le dirette in streaming. In ogni caso parliamo di somme del tutto sproporzionate rispetto al servizio offerto. Diamo 70.000 euro anche a Radio Radicale e non ne parliamo più.  Ma nel paese di Pulcinella il carrozzone dello spreco (da Repubblica ai pidini alla frutta) è insorto compatto, come se fosse minacciata la democrazia stessa, quando i 5stelle hanno proposto di tagliare una parte dei fondi pubblici elargiti a un'emittente privata privilegiata che negli anni ha succhiato centinaia di milioni di euro dalle tasche dei contribuenti. Con tutti quei soldi si potevano creare migliaia di posti di lavoro. VERGOGNA! 

Ecco che il Cazzaro di Napoli, dopo la figura di Mer da fatta con Marattin , torna alla carica aprendo un altro fronte . E quale fronte potrebbe essere , quello del Cazzaro di Napoli , se non quello dove deve inserire per forza , quello in cui appare la sua “maledizione psicologica “, ovvero Renzi ?? E come sua abitudine lo fa immediatamente usando la solita menzogna affermando che Renzi , un tempo , era contrario al Tav mentre ora e’ contrario . La vergogna umana napoletana merita quindi di essere smerdato ancora una volta e, all’uopo , invio le parole di Renzi sulla questione Tav e che sono completamente diverse da quel che afferma lo svergognato Napoletano . Ecco qua : Ultimi colpi prima della chiusura dellacampagna per le primarie (si vota il 25 novembre). Matteo Renzi, dopo essere stato ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo (stasera tocca a Bersani), dal salotto di Omnibus torna a parlare di Tav. "Se dovessi iniziarla oggi, direi no alla Tav, perché la centralità di quell'arteria è discutibile in questo momento. Ora però, bisogna capire a che livello siamo arrivati, se ci sono contratti firmati, se devo far pagare penali. Allo stato dell'arte mi sembra che sia un treno non più arrestabile".  Detto ciò e ungulato nuovamente il Cazzaro , fa specie che l’imbexxille di Napoli si scandalizzi per una , da lui definita “Renzusconismo Enhanced” ( Ahahahaha ) che mi sembra di interpretare come una alleanza tra Salvini , Renzi e Berlusconi . Dopo una corposa risata alle spalle dell’idio ta campano , rammento allo stesso che mentre la sua e’ una delle sue sterminate previsioni mai avveratasi, quella invece in essere , e’ quella che vede protagonista lo scappato di casa e semianalfabeta Giggino O’Bibitaro ed il razzo fascista Salvini . Quella si reale e concreta e non quella “auspicata “ dal Cazzaro di Napoli che non lo salverà dall’essere messo a testa in giù in tempi brevi e come merita . Invece di preoccuparsi dell’inesistente salvataggio di sanatori vari da parte del PD insieme a FI e la Lega , si preoccupi fortemente per quello che avverrà la prossima settimana quando il M5S di schiererà ai piedi di Salvini sulla legge legittima difesa . Vorrò vedere per l’ennesina volta ripudierà un suo beniamino (Davigo ) che l’ha giudicata pericolosa , contra lege e incostituzionale oppure con Giggino che ha già annunciato di essere completamente d’accordo con il fascio razzista Salvini . Lo aspetteremo al varco e lo balzelleremo !! Solo 2 parole sui 70.000 euro che Giggino ha regalato a Radio Padania e sul paragone fatto con Radio Radicale . Primo : non e’ l’entità della cifra regalata bensì il principio . Un principio che  va nella maniera diametralmente opposta a quella che Giggino e la banda degli scappati da casa hanno sempre rivendicato Sovvenzionare una radio che professa ed esalta il razzismo e’ vergognoso così come vergognosi sono coloro che  lo concedendo ed il Cazzaro di Napoli che giustifica ed approva il provvedimento portando , poi , a suppoirto uno stesso provvedimento verso Radio Radicale sempre distintasi per aver portato avanti istanze relative a provvedimenti di carattere inerenti ai diritti umani e civili . Solo uno sputtanato e pezzodimmerda può metterle sullo stesso piano . Intesi ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Spero solo che all'occorrenza sia in grado di farsi un piatto di spaghetti olio, aglio e peperoncino.

Sig. Ahaha.ha , questa battuta non le e’ venuta molto bene , sa ?? Non si parlava di arte culinaria bensì di titoli e meriti di un parlamentare e la sua battuta sciocchina da l’impressione di non credere affatto ai meriti di Marattin. Impressione giusta , la sua , subito suffragata dal successivo post del Cazzaro di Napoli a cui non e’ parso vero di aver rucevuto un assist gratuito . E poi mi scusi Sig. Ahaha.ha , ma lei non era quella persona che invitava a confutare idee diverse con gli argomenti e con il ragionamento ?? Le sembra di aver ottemperato a cio’ con questo caz.z.o di battuta ?? Che ragionamento ed argomento e’ “l’aglio , olio e peperoncino”. Non vorrei che parlasse bene e predicasse male . Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

25 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ecco che il Cazzaro di Napoli, dopo la figura di Mer da fatta con Marattin , torna alla carica aprendo un altro fronte . E quale fronte potrebbe essere , quello del Cazzaro di Napoli , se non quello dove deve inserire per forza , quello in cui appare la sua “maledizione psicologica “, ovvero Renzi ?? E come sua abitudine lo fa immediatamente usando la solita menzogna affermando che Renzi , un tempo , era contrario al Tav mentre ora e’ contrario . La vergogna umana napoletana merita quindi di essere smerdato ancora una volta e, all’uopo , invio le parole di Renzi sulla questione Tav e che sono completamente diverse da quel che afferma lo svergognato Napoletano . Ecco qua : Ultimi colpi prima della chiusura dellacampagna per le primarie (si vota il 25 novembre). Matteo Renzi, dopo essere stato ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo (stasera tocca a Bersani), dal salotto di Omnibus torna a parlare di Tav. "Se dovessi iniziarla oggi, direi no alla Tav, perché la centralità di quell'arteria è discutibile in questo momento. Ora però, bisogna capire a che livello siamo arrivati, se ci sono contratti firmati, se devo far pagare penali. Allo stato dell'arte mi sembra che sia un treno non più arrestabile".  Detto ciò e ungulato nuovamente il Cazzaro , fa specie che l’imbexxille di Napoli si scandalizzi per una , da lui definita “Renzusconismo Enhanced” ( Ahahahaha ) che mi sembra di interpretare come una alleanza tra Salvini , Renzi e Berlusconi . Dopo una corposa risata alle spalle dell’idio ta campano , rammento allo stesso che mentre la sua e’ una delle sue sterminate previsioni mai avveratasi, quella invece in essere , e’ quella che vede protagonista lo scappato di casa e semianalfabeta Giggino O’Bibitaro ed il razzo fascista Salvini . Quella si reale e concreta e non quella “auspicata “ dal Cazzaro di Napoli che non lo salverà dall’essere messo a testa in giù in tempi brevi e come merita . Invece di preoccuparsi dell’inesistente salvataggio di sanatori vari da parte del PD insieme a FI e la Lega , si preoccupi fortemente per quello che avverrà la prossima settimana quando il M5S di schiererà ai piedi di Salvini sulla legge legittima difesa . Vorrò vedere per l’ennesina volta ripudierà un suo beniamino (Davigo ) che l’ha giudicata pericolosa , contra lege e incostituzionale oppure con Giggino che ha già annunciato di essere completamente d’accordo con il fascio razzista Salvini . Lo aspetteremo al varco e lo balzelleremo !! Solo 2 parole sui 70.000 euro che Giggino ha regalato a Radio Padania e sul paragone fatto con Radio Radicale . Primo : non e’ l’entità della cifra regalata bensì il principio . Un principio che  va nella maniera diametralmente opposta a quella che Giggino e la banda degli scappati da casa hanno sempre rivendicato Sovvenzionare una radio che professa ed esalta il razzismo e’ vergognoso così come vergognosi sono coloro che  lo concedendo ed il Cazzaro di Napoli che giustifica ed approva il provvedimento portando , poi , a suppoirto uno stesso provvedimento verso Radio Radicale sempre distintasi per aver portato avanti istanze relative a provvedimenti di carattere inerenti ai diritti umani e civili . Solo uno sputtanato e pezzodimmerda può metterle sullo stesso piano . Intesi ?? 

Tutto come prima, anzi peggio di prima. Perché il grillino  che regala pochi soldi a Radio Padania equivale a un clericale tipo Giovanardi pescato ad andare con vecchie bal.dra.cche da quattromila lire a botta.......

Almeno Papy se le sceglieva giovani e g.no.cche......e si godeva Mediaset a botte di miliardi.

Questi gialloverdi....al confronto ladruncoli pezzenti !!!

Modificato da cortomaltese-im

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Sbugiardiamo il panzanaro Marattin.

Come si legge a pagina 19 dell'audizione del presidente dell'ufficio parlamentare di bilancio

http://www.upbilancio.it/wp-content/uploads/2018/11/Audizione-DDL-bilancio-2019.pdf

l’incremento di gettito nel 2019 è dovuto in buona misura a interventi di natura straordinaria che si concentrano prevalentemente sul settore finanziario e su quello assicurativo (circa 4,3 miliardi) e alla abrogazione del regime opzionale dell’IRI previsto per le società di persone e le imprese individuali (2 miliardi) che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2019 (dopo essere già stato rinviato di un anno con la legge di bilancio per il 2018)
 
Non sarà il popolo a scontare l'incremento di gettito. Il panzanaro Marattin fa terrorismo mediatico, nella migliore tradizione montiana. Vale appena il caso di notare che l'entrata in vigore del regime dell'IRI era stata posticipata dai Perissodattili Democratici.
 
Prescrizioni della giornata:
 
1 - inginocchiarsi sui ceci e leggere il testo dell'audizione in oggetto
2 - aggiornare il contatore delle figuredimedda
 
Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti
Modificato da sardonicoebasta
mod

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

Sbugiardiamo il panzanaro Marattin.

Come si legge a pagina 19 dell'audizione del presidente dell'ufficio parlamentare di bilancio

http://www.upbilancio.it/wp-content/uploads/2018/11/Audizione-DDL-bilancio-2019.pdf

l’incremento di gettito nel 2019 è dovuto in buona misura a interventi di natura straordinaria che si concentrano prevalentemente sul settore finanziario e su quello assicurativo (circa 4,3 miliardi) e alla abrogazione del regime opzionale dell’IRI previsto per le società di persone e le imprese individuali (2 miliardi) che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2019 (dopo essere già stato rinviato di un anno con la legge di bilancio per il 2018)
 
Non sarà il popolo a scontare l'incremento di gettito. Il panzanaro Marattin fa terrorismo mediatico, nella migliore tradizione montiana. Vale appena il caso di notare che l'entrata in vigore del regime dell'IRI era stata posticipata dai Perissodattili Democratici.
 
Prescrizioni della giornata:
 
1 - inginocchiarsi sui ceci e leggere il testo dell'audizione in oggetto
2 - aggiornare il contatore delle figuredimedda
 
Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Aspetto la sua cortese fideiussione, con la quale mi garantisce che i costi che la mia banca e la mia assicurazione mi ribalteranno me li rimborsera' di tasca sua, assieme agli eventuali aumenti delle imposte locali sbloccati dalla "manovra del popolo".

49759153_2067323430048585_4853518970981974016_n.jpg

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ovviamente cortodicervellomaltese non ha letto una virgola di pagina 19 dell'audizione dell'audizione del presidente dell'ufficio parlamentare di bilancio.

Ovviamente, dal momento che cortodicervellomaltese non sa leggere. Ovviamente cortodicervellomaltese deve imparare a leggere prima di postare nuove idiozie. 

Un buon punto di partenza può essere

https://www.amazon.it/Piccolo-quaderno-competenze-Italiano-elementare/dp/8876273077/ref=pd_sim_14_3/260-4901758-5216650?_encoding=UTF8&pd_rd_i=8876273077&pd_rd_r=6bc6ec32-1689-11e9-8c04-7944e040c44b&pd_rd_w=PuBLL&pd_rd_wg=YIDKk&pf_rd_p=5021a812-66c6-4f5c-819a-ea87a546d3ef&pf_rd_r=WZA4CXES4ZCHMY56FYH8&psc=1&refRID=WZA4CXES4ZCHMY56FYH8

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Senza nome 2.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora