AUMENTANO I MORTI IN MARE SULLE COSCIENZE DEI GIALLOVERDI E LORO SOSTENITORI

Per   qualche  demente  maldestro  sarà  un fake, o come   al  solito  darà la  colpa  al Piddi  allora  lo  anticipo  e  lo mando  anticipatamente  a vaffff  grullescamente  parlando.  Purtroppo  resta  il fatto  che  le  morti  in  mare  sono e  di molto  aumentate.

Dopo 14 giorni in balia delle onde, un migrantwe decide di gettarsi in mare: http://fanpa.ge/SJIYX

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

15 messaggi in questa discussione

Francamente anch'io al posto di quel migrante mi sarei buttato in mare per tentare di raggiungere la costa a nuoto. E altrettanto francamente ti dico che queste ONG sono indifendibili. Due navi ferme in mezzo al mare da due settimane con una cinquantina di migranti infreddoliti, in attesa che se li prendano i soliti benefattori italiani, i quali poi saranno costretti a tenerseli in virtù degli accordi firmati da quegli eroi dell'accoglienza (o dell'imbecillità) che rispondono ai nomi di Berlusconi e Renzi. Ma le due ONG in questione sapevano bene che con Salvini i porti italiani sono chiusi (giusto o sbagliato che sia) e quelli maltesi manco a parlarne. Quindi in due settimane potevano tranquillamente raggiungere le rispettive nazioni (Olanda e Germania), sbarcare i migranti e ritornare nel Mediterraneo per ulteriori operazioni di soccorso. Non avevano carburante? Suvvia! Sono sicuro che Salvini avrebbe mandato una nave cisterna per fargli il pieno gratis (salvo eventualmente mandare il conto alle ambasciate di Olanda e Germania). Mi spiace dover dare ragione allo xenofobo e razzista che fa il ministro dell'Interno, ma le ONG che operano nel Mediterraneo devono smetterla di fare i taxi del mare verso l'Italia. Quando l'Italia dice no (giusto o sbagliato che sia) ogni nave deve portare i migranti in un porto del paese di cui batte la bandiera. Particolarmente schifoso il comportamento dei maltesi. In base al diritto del mare spettava a Malta lo sbarco dei naufraghi,  Di Maio aveva offerto accoglienza per donne e bambini ma il governo maltese ha negato lo sbarco pure a donne e bambini. 

Auguro sinceramente a Malta, all'Italia e all'Europa intera di ridursi un giorno alla fame e a dover chiedere ospitalità ai paesi africani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
57 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Francamente anch'io al posto di quel migrante mi sarei buttato in mare per tentare di raggiungere la costa a nuoto. E altrettanto francamente ti dico che queste ONG sono indifendibili. Due navi ferme in mezzo al mare da due settimane con una cinquantina di migranti infreddoliti, in attesa che se li prendano i soliti benefattori italiani, i quali poi saranno costretti a tenerseli in virtù degli accordi firmati da quegli eroi dell'accoglienza (o dell'imbecillità) che rispondono ai nomi di Berlusconi e Renzi. Ma le due ONG in questione sapevano bene che con Salvini i porti italiani sono chiusi (giusto o sbagliato che sia) e quelli maltesi manco a parlarne. Quindi in due settimane potevano tranquillamente raggiungere le rispettive nazioni (Olanda e Germania), sbarcare i migranti e ritornare nel Mediterraneo per ulteriori operazioni di soccorso. Non avevano carburante? Suvvia! Sono sicuro che Salvini avrebbe mandato una nave cisterna per fargli il pieno gratis (salvo eventualmente mandare il conto alle ambasciate di Olanda e Germania). Mi spiace dover dare ragione allo xenofobo e razzista che fa il ministro dell'Interno, ma le ONG che operano nel Mediterraneo devono smetterla di fare i taxi del mare verso l'Italia. Quando l'Italia dice no (giusto o sbagliato che sia) ogni nave deve portare i migranti in un porto del paese di cui batte la bandiera. Particolarmente schifoso il comportamento dei maltesi. In base al diritto del mare spettava a Malta lo sbarco dei naufraghi,  Di Maio aveva offerto accoglienza per donne e bambini ma il governo maltese ha negato lo sbarco pure a donne e bambini. 

Auguro sinceramente a Malta, all'Italia e all'Europa intera di ridursi un giorno alla fame e a dover chiedere ospitalità ai paesi africani.

No no idio ta !! Non ti dispiace affatto “ dover dare ragione “ allo xenofobo e razzista Salvini . Ed il motivo e’ molto semplice : Dare torto a Salvini significherebbe pure dare torto a Giggino O’Fischer” e questo non puoi permettertelo dopo le sviolinate e gli apprezzamenti che hai fatto nei suoi confronti . In realtà ho pure riso quando hai “giurato “ di essere convinto che Salvini avrebbe mandato navi della Marina Italiana a rifornire di carburante e viveri le 2 imbarcazioni delle ONG. Rido meno quando prendo atto della deriva fascista a cui sei approdato anche se per me non e’ una sorpresa avendo scoperto la tua vera indole quando questa era sconosciuta alla massa dei forumisti . Sei un pezzodimmerda che approvi che un governo non permetta l’attracco di una nave che vaga da 20 giorni con un carico di 47 esseri umani allo stremo . Sei un pezzodimmerda che pur di dimostralo “tradisci” pure Masaniello De Magistris dimostrando che in casa tua la dignità non si sa cosa sia . Sei un vergognoso essere e finirai “appeso” come meriti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Morti in mare anno 2015: 3.771

Morti in mare anno 2016: 5.140

Morti in mare anno 2017: 3.116

Morti in mare anno 2018: 2.262

E il bimboscemo mangiapanini scrive che aumentano i morti in mare.

AMBECILLEEEEEEEEEEEE

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

Morti in mare anno 2015: 3.771

Morti in mare anno 2016: 5.140

Morti in mare anno 2017: 3.116

Morti in mare anno 2018: 2.262

E il bimboscemo mangiapanini scrive che aumentano i morti in mare.

AMBECILLEEEEEEEEEEEE

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Sembra che il bimboscemo sia depresso ultimamente. Qualcuno lo ha visto, aprire di nascosto il paninazzo, e *** avidamente il contenuto.

BsM

Buon sleccazzamento Mangiapanini

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

Morti in mare anno 2015: 3.771

Morti in mare anno 2016: 5.140

Morti in mare anno 2017: 3.116

Morti in mare anno 2018: 2.262

E il bimboscemo mangiapanini scrive che aumentano i morti in mare.

AMBECILLEEEEEEEEEEEE

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Sei i soliti idio ta che si vuole sempre farsi riconoscere . Il tuo stato di idio ta non ti evita di mantenere anche le onorificienze di formidabile testadiminkia e di incommensurabile Testadikazzo...!’

Gli sbarchi calano, i morti no

Il numero di migranti arrivati via mare in Italia è sceso dell'80 per cento rispetto a un anno fa, ma compiere la traversata è sempre più pericoloso: a giugno è morta una persona ogni sette che ci hanno provato

   
 
 

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di rifugiati, nei primi sei mesi dell’anno in Italia sono arrivati circa 16mila richiedenti asilo. Sono numeri in calo dell’80 per cento rispetto ai primi sei mesi del 2017, che segnalano un ritorno sui livelli degli anni precedenti al 2014, prima che iniziasse l’ultima grande crisi migratoria, quando gli sbarchi raramente superavano le poche decine di migliaia di persone l’anno.

 

Ma i dati dell’UNHCR segnalano anche un altro fenomeno. I morti in mare nei primi sei mesi dell’anno hanno già raggiunto quota mille, e questo significa che la traversata del Mediterraneo centrale raramente è stata così pericolosa. Nel mese di giugno una persona è morta per ogni sette che hanno tentato la traversata; nei primi sei mesi del 2018, i morti sono stati uno per ogni 19, esattamente il doppio di quelli registrati durante i primi sei mesi del 2017.

«L’elevata perdita di vite umane dimostra quanto sia urgente rafforzare le capacità di ricerca e soccorso nella regione», ha scritto l’UNHCR nel suo ultimo rapporto. Il problema, secondo l’organizzazione, è che nel corso dell’ultimo anno il numero di imbarcazioni disponibili a soccorrere i migranti in difficoltà è calato molto. Non solo le ONG sono state di fatto allontanate, ma anche le navi commerciali hanno meno incentivi a effettuare i salvataggi visto che rischiano di vedersi negato il permesso a raggiungere un porto italiano e rischiano così di trovarsi bloccate per giorni (è accaduto persino a navi militarianche italiane).

Nel suo ultimo comunicato, l’UNHCR dice di temere «le conseguenze di una diminuzione delle capacità di ricerca e di soccorso se le imbarcazioni vengono dissuase dal rispondere alle richieste di soccorso per paura di vedersi negato il permesso di sbarcare le persone tratte in salvo. In particolare, le ONG hanno espresso preoccupazione per le restrizioni imposte alle loro capacità di condurre operazioni di ricerca e soccorso a seguito di limitazioni ai loro movimenti e alla minaccia di potenziali azioni legali».

Mentre i soccorsi diminuiscono, le imbarcazioni con a bordo i migranti, in genere gommoni sovraccarichi e poco stabili, vengono comunque condotte al largo e abbandonate dai trafficanti (dopotutto i migranti hanno in gran parte già pagato il costo della traversata, e la loro incolumità non è più molto importante per loro). Senza la presenza in zona di numerose navi disposte ad aiutarli, come accadeva fino a un anno fa, se queste imbarcazioni incorrono in problemi significa che i soccorsi non riescono ad arrivare prima che sia troppo tardi. Una volontaria che operava sull’imbarcazione di una ONG ha raccontato lo scorso giugno che per rispettare il nuovo codice di condotta l’equipaggio ha probabilmente lasciato morire circa 120 persone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, shinycage ha scritto:

Sembra che il bimboscemo sia depresso ultimamente. Qualcuno lo ha visto, aprire di nascosto il paninazzo, e *** avidamente il contenuto.

BsM

Buon sleccazzamento Mangiapanini

Sei il solito pecoro cecato perdipiu semianalfabeta che tutti conosciamo . Mi raccomando , un saluto alla mitica “Culondoro “  Rose . La ricordo sempre con piacere e quella visita all’hotel Bellavista di Fabriano mi e’ rimasta nel cuore . 

Gli sbarchi calano, i morti no

Il numero di migranti arrivati via mare in Italia è sceso dell'80 per cento rispetto a un anno fa, ma compiere la traversata è sempre più pericoloso: a giugno è morta una persona ogni sette che ci hanno provato

   
 
 

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di rifugiati, nei primi sei mesi dell’anno in Italia sono arrivati circa 16mila richiedenti asilo. Sono numeri in calo dell’80 per cento rispetto ai primi sei mesi del 2017, che segnalano un ritorno sui livelli degli anni precedenti al 2014, prima che iniziasse l’ultima grande crisi migratoria, quando gli sbarchi raramente superavano le poche decine di migliaia di persone l’anno.

 

Ma i dati dell’UNHCR segnalano anche un altro fenomeno. I morti in mare nei primi sei mesi dell’anno hanno già raggiunto quota mille, e questo significa che la traversata del Mediterraneo centrale raramente è stata così pericolosa. Nel mese di giugno una persona è morta per ogni sette che hanno tentato la traversata; nei primi sei mesi del 2018, i morti sono stati uno per ogni 19, esattamente il doppio di quelli registrati durante i primi sei mesi del 2017.

«L’elevata perdita di vite umane dimostra quanto sia urgente rafforzare le capacità di ricerca e soccorso nella regione», ha scritto l’UNHCR nel suo ultimo rapporto. Il problema, secondo l’organizzazione, è che nel corso dell’ultimo anno il numero di imbarcazioni disponibili a soccorrere i migranti in difficoltà è calato molto. Non solo le ONG sono state di fatto allontanate, ma anche le navi commerciali hanno meno incentivi a effettuare i salvataggi visto che rischiano di vedersi negato il permesso a raggiungere un porto italiano e rischiano così di trovarsi bloccate per giorni (è accaduto persino a navi militarianche italiane).

Nel suo ultimo comunicato, l’UNHCR dice di temere «le conseguenze di una diminuzione delle capacità di ricerca e di soccorso se le imbarcazioni vengono dissuase dal rispondere alle richieste di soccorso per paura di vedersi negato il permesso di sbarcare le persone tratte in salvo. In particolare, le ONG hanno espresso preoccupazione per le restrizioni imposte alle loro capacità di condurre operazioni di ricerca e soccorso a seguito di limitazioni ai loro movimenti e alla minaccia di potenziali azioni legali».

Mentre i soccorsi diminuiscono, le imbarcazioni con a bordo i migranti, in genere gommoni sovraccarichi e poco stabili, vengono comunque condotte al largo e abbandonate dai trafficanti (dopotutto i migranti hanno in gran parte già pagato il costo della traversata, e la loro incolumità non è più molto importante per loro). Senza la presenza in zona di numerose navi disposte ad aiutarli, come accadeva fino a un anno fa, se queste imbarcazioni incorrono in problemi significa che i soccorsi non riescono ad arrivare prima che sia troppo tardi. Una volontaria che operava sull’imbarcazione di una ONG ha raccontato lo scorso giugno che per rispettare il nuovo codice di condotta l’equipaggio ha probabilmente lasciato morire circa 120 persone.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, mark222220 ha scritto:

le imbarcazioni con a bordo i migranti, in genere gommoni sovraccarichi e poco stabili, vengono comunque condotte al largo e abbandonate dai trafficanti (dopotutto i migranti hanno in gran parte già pagato il costo della traversata, e la loro incolumità non è più molto importante per loro

In maniera spudorata UNHCR ammette che le ONG creano una corsia preferenziale per gli sporchi affari di Gomorra.

L'appoggio alle ONG è diventata una questione di sanità mentale. 

Invito l'asino pisano mark525 a rivolgersi CON ESTREMA SOLLECITUDINE presso

http://www.ao-pisa.toscana.it/index.php?option=com_content&id=375%3Apsichiatria-1d&Itemid=80&showall=1

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

In maniera spudorata UNHCR ammette che le ONG creano una corsia preferenziale per gli sporchi affari di Gomorra.

L'appoggio alle ONG è diventata una questione di sanità mentale. 

Invito l'asino pisano mark525 a rivolgersi CON ESTREMA SOLLECITUDINE presso

http://www.ao-pisa.toscana.it/index.php?option=com_content&id=375%3Apsichiatria-1d&Itemid=80&showall=1

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Ahahahaha , sei un grande comico . Al tuo cospetto Berlusconi e Grillo sono dei principianti ...!! Ma vai a caga re , vai idio ta !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

In maniera spudorata UNHCR ammette che le ONG creano una corsia preferenziale per gli sporchi affari di Gomorra.

L'appoggio alle ONG è diventata una questione di sanità mentale. 

Invito l'asino pisano mark525 a rivolgersi CON ESTREMA SOLLECITUDINE presso

http://www.ao-pisa.toscana.it/index.php?option=com_content&id=375%3Apsichiatria-1d&Itemid=80&showall=1

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Mi permetto di aggiungere all’intervento del dotto Sardonico, un illuminante resoconto, non disponibile per la generalizzata massa quadrupede:

 

L’opinione pubblica generalmente è ignara che Unhcr raramente interviene direttamente per assistere i rifugiati. Si avvale di Ong internazionali stipulando subcontratti in cui il 40% del budget necessario per l’*** ai profughi viene affidato alla Ong esecutrice, mentre il 60% viene speso da Unhcr per operazioni di controllo e per le famose spese amministrative e logistiche.

Queste spese vengono duplicate all’infinito poiché Unhcr necessita di basi nei paesi di emergenza umanitaria essendosi di fatto trasformatosi in un ente donatore ma rimanendo teoricamente un'agenzia operativa sul terreno. La logica del subappalto inevitabilmente fa duplicare i costi dell’operazione e mette le Ong subcontrattanti in una precaria posizione finanziaria che incide sulla qualità dell’*** a rifugiati e profughi. Da un budget iniziale di 100 euro destinato all’*** di un profugo solo 20 euro arrivano veramente al beneficiario, nelle migliori delle ipotesi. Gli altri si perdono tra costi del personale e costi amministrativi sia di Unhcr che della Ong che ha ricevuto il subcontratto. Le campagne raccolta fondi di Unhcr e delle altre Agenzie umanitarie Onu contengono una forte dose di inganno. Prendiamo in esame la campagna nazionale di raccolta fondi di Unhcr “Routine is Fantastic” (la Routine è fantastica), lanciata lo scorso anno.

Torna nella stalla pisano scalciante. Anche stasera hai rimediato la solita MAZZOLATURA.

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ebbene sì, non sono d'accordo che sia tutto merito suo, ma diamo merito al signor Salvini di aver diminuito dell'80% gli sbarchi in Italia chiudendo i porti ai vari soccorritori, perfino una nave della marina italiana.

Se abbiamo riconosciuto questo merito al sig. Salvini, dobbiamo anche incolparlo (assieme al signor Minniti) della aumentata possibilità che i migranti possano morire in mare.

Nella relazione  dell’UNHCR  si evince che: "  I morti in mare nei primi sei mesi dell’anno hanno già raggiunto quota mille, e questo significa che la traversata del Mediterraneo centrale raramente è stata così pericolosa. Nel mese di giugno (governo Salvini/Di Maio) una persona è morta per ogni sette che hanno tentato la traversata (sarebbe interessante conoscere cosa è successo nei mesi successivi); nei primi sei mesi del 2018, i morti sono stati uno per ogni 19, esattamente il doppio di quelli registrati durante i primi sei mesi del 2017.

ecco perchè oltre al signor Salvini dobbiamo incolpare, secondo il mio modesto parere, anche il signor Minniti che era ministro dell'interno fino a maggio 2018.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Se abbiamo riconosciuto questo merito al sig. Salvini, dobbiamo anche incolparlo (assieme al signor Minniti) della aumentata possibilità che i migranti possano morire in mare.

Le consiglio vivamente di rivolgersi presso la struttura psichiatrica più vicina.

Il solo soggetto che dobbiamo incolpare è Gomorra che continua impunemente a condurre i propri sporchi affari, con la complicità delle ONG e dell'UNHCR, avvalendosi di carrette del mare che sono sempre più carrette.

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non occorre, mi fido di lei signor sardonico.

Penso che qui nessuno sia più informato di lei sugli sporchi affari delle ong e l'unchr.

 

Mi tenga informato signor sardonico, vorrei evitare di ricorrere anch'io alle strutture psichiatriche che l'hanno in cura già da qualche tempo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oltre che di uno psichiatra ha bisogno dell'insegnante di sostegno.

NON HO PARLATO degli sporchi affari delle ONG e dell'UNHCR.

Ho scritto testualmente: "... Gomorra che continua impunemente a condurre i propri sporchi affari, con la complicità delle ONG e dell'UNHCR".

Impari a leggere e poi ne riparliamo.

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come sempre ha ragione lei signor sardonico, i complici non compiono mai sporchi affari, infatti la magistratura non persegue mai i complici, li assolve come li assolve lei incolpando solo Gomorra. 

P.S. mi spiace che lei abbia già superato la fase della maestra di sostegno e l'abbiamo messo così presto sotto tutela psichiatrica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, mark222220 ha scritto:

Sei il solito pecoro cecato perdipiu semianalfabeta che tutti conosciamo . Mi raccomando , un saluto alla mitica “Culondoro “  Rose . La ricordo sempre con piacere e quella visita all’hotel Bellavista di Fabriano mi e’ rimasta nel cuore . 

Gli sbarchi calano, i morti no

Il numero di migranti arrivati via mare in Italia è sceso dell'80 per cento rispetto a un anno fa, ma compiere la traversata è sempre più pericoloso: a giugno è morta una persona ogni sette che ci hanno provato

   
 
 

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di rifugiati, nei primi sei mesi dell’anno in Italia sono arrivati circa 16mila richiedenti asilo. Sono numeri in calo dell’80 per cento rispetto ai primi sei mesi del 2017, che segnalano un ritorno sui livelli degli anni precedenti al 2014, prima che iniziasse l’ultima grande crisi migratoria, quando gli sbarchi raramente superavano le poche decine di migliaia di persone l’anno.

 

Ma i dati dell’UNHCR segnalano anche un altro fenomeno. I morti in mare nei primi sei mesi dell’anno hanno già raggiunto quota mille, e questo significa che la traversata del Mediterraneo centrale raramente è stata così pericolosa. Nel mese di giugno una persona è morta per ogni sette che hanno tentato la traversata; nei primi sei mesi del 2018, i morti sono stati uno per ogni 19, esattamente il doppio di quelli registrati durante i primi sei mesi del 2017.

«L’elevata perdita di vite umane dimostra quanto sia urgente rafforzare le capacità di ricerca e soccorso nella regione», ha scritto l’UNHCR nel suo ultimo rapporto. Il problema, secondo l’organizzazione, è che nel corso dell’ultimo anno il numero di imbarcazioni disponibili a soccorrere i migranti in difficoltà è calato molto. Non solo le ONG sono state di fatto allontanate, ma anche le navi commerciali hanno meno incentivi a effettuare i salvataggi visto che rischiano di vedersi negato il permesso a raggiungere un porto italiano e rischiano così di trovarsi bloccate per giorni (è accaduto persino a navi militarianche italiane).

Nel suo ultimo comunicato, l’UNHCR dice di temere «le conseguenze di una diminuzione delle capacità di ricerca e di soccorso se le imbarcazioni vengono dissuase dal rispondere alle richieste di soccorso per paura di vedersi negato il permesso di sbarcare le persone tratte in salvo. In particolare, le ONG hanno espresso preoccupazione per le restrizioni imposte alle loro capacità di condurre operazioni di ricerca e soccorso a seguito di limitazioni ai loro movimenti e alla minaccia di potenziali azioni legali».

Mentre i soccorsi diminuiscono, le imbarcazioni con a bordo i migranti, in genere gommoni sovraccarichi e poco stabili, vengono comunque condotte al largo e abbandonate dai trafficanti (dopotutto i migranti hanno in gran parte già pagato il costo della traversata, e la loro incolumità non è più molto importante per loro). Senza la presenza in zona di numerose navi disposte ad aiutarli, come accadeva fino a un anno fa, se queste imbarcazioni incorrono in problemi significa che i soccorsi non riescono ad arrivare prima che sia troppo tardi. Una volontaria che operava sull’imbarcazione di una ONG ha raccontato lo scorso giugno che per rispettare il nuovo codice di condotta l’equipaggio ha probabilmente lasciato morire circa 120 persone.

Concordo ,  sono calati  gli  sbarchi e  non certo   grazie  alla politica  del  becero cerbero celoduro  ma  i morti  sono  aumentati   anche  se  numericamente  come  vorrebbe   dire  il caneragliante  non sono la  negazione  ma  la  conferma  . Perchè  la  matematica non  è  una  opinione  se  gli  sbarchi  sono calati del  80 % le  morti  in  mare   non lo  sono  anzi tuttaltro . Ecco  perché la  mia  affermazione   dell'aumento  delle  morti  in  mare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora