BEH DIRE MA POI....

La Corte dei Conti, riguardo alla mastodontica pappata della superstrada pedemontana veneta, dice molte cose, tra cui questa:
"Suscita preoccupazione che, ad oltre sei anni dalla stipula della convenzione, non sia ancora disponibile gran parte del capitale privato per la realizzazione dell’opera, al punto che il suo costo, finora, è gravato soprattutto sul contributo pubblico, in contrasto con le finalità del ricorso al partenariato pubblico-privato”.
E dice anche un'altra cosa:
“La convenzione presenta condizioni favorevoli per il concessionario, accollando molti rischi al concedente. A causa delle clausole accettate dalla parte pubblica, la regione è esposta all’alea di un potenziale debito, dal momento che il rischio di mercato risulta sbilanciato a sfavore del concedente”

Ora, Zaia prende un sacco di voti, quindi convince un sacco di gente. Quello che mi chiedo è sulla base di che questa gente si convinca, visto che finora, le disposizioni preannunciate come liberalizzatrici e privatistiche, vengono comunque finanziate dalle tasse di tutti. Son buono anch'io di progettare una grande (e invasiva) opera strombazzando che a Roma rubano i soldi, buttandola sempre e comunque in *** ai miei cittadini. Ora assisteremo al previsto ultimo atto del teatro populista: ci sarà una valanga di balzelli pubblici per finanziare una credibilità politica.
Quello che si è capito finora del coinvolgimento dei famosi capitali privati nelle opere pubbliche è questo: pantalone (il cittadino) paga e il privato di turno pappa.

e la cosa più grave è la filosofia inquinatrice, arraffona e devastatrice che sta alla base di questo progetto.

Non sono le leggi a rendere onesto un paese, ma i suoi cittadini.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963