Guerriglia urbana

Guerriglia urbana tra tifosi di Inter e Napoli a San Siro.

Un morto.

http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2018/12/28/calcio-salvini-chiudere-gli-stadi-e-la-risposta-sbagliata-_dac65fed-381f-463c-9e1f-f4861669980b.html

Si, ha ragione il Capitano. La risposta giusta è fraternizzare con ultras pregiudicati e spacciatori.

1545126338_salvini.jpg

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Per non penalizzare gli amanti del bel calcio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Figuradimmerda di Salvini che ha minimizzato sui cori razzisti del Meazza. Ma è ovvio: il ministro dell'Interno è un noto razzista e i cori razzisti li cantava a suo tempo pure lui. Li ha minimizzati pure Mughini ma lì è solo un problema di età e di madre Natura che gli hanno minimizzato il cervello. Figuradimmerda anche dell'arbitro bergamasco, ma è ovvio: era uno (dei tanti) notoriamente prevenuto contro il Napoli ed è ormai prossimo al pensionamento per limite di età (meno male). Non so se sia un razzista pure lui ma c'è il forte sospetto: ha tollerato per tutta la gara i cori razzisti contro Koulibaly nonostante le ripetute proteste del giocatore e della panchina azzurra. Ha commesso anche altri errori tecnici gravissimi. Ha ammonito Koulibaly invece di ammonire il cascatore interista finito steso per le terre dopo un normale contatto di gioco. In 120 anni di storia della Premier League un fallo del genere non è mai stato fischiato, mentre sono stati ammoniti o espulsi centinaia di simulatori. Dopodiché il giocatore del Napoli ha applaudito ironicamente il pubblico del Meazza che lo aveva insultato ed esasperato (pubblico? ma che dico: ha applaudito lo zoo di Milano per l'occasione trasferito allo stadio). Ma l'arbitro alla frutta si è sentito offeso e ha estratto il cartellino rosso. E ha espulso Insigne ripetutamente provocato da un interista senza neppure ammonire il provocatore. Figuradimmerda anche della Federazione, che ha infierito su Koulibaly e Insigne (e dunque sul Napoli, l'unica minaccia all'ennesimo scudetto juventino) con due giornate di squalifica senza riconoscere le attenuanti. Una federazione vergognosa che andrebbe ripulita come un calzino insieme a una classe arbitrale indecente e platealmente asservita a un club molto ricco (chiedere agli allenatori di Empoli, Torino e Sampdoria) che in qualsiasi paese serio sarebbe stato radiato per i noti fatti di 12 anni fa. Meno ovvia la gigantesca figuradimmerda della città di Milano. Un mio amico che era al Meazza mi ha detto che non erano solo le bestie di una curva ma almeno mezzo stadio a ululare contro Koulibaly e contro il popolo napoletano ("Vesuvio, lavali col fuoco" mentre l'Etna minacciava la vita delle persone). E questa sarebbe la cosiddetta capitale morale d'Italia? Ammesso e non concesso che lo sia stata, Milano è diventata negli ultimi 30 anni prima la capitale delle tangenti, cioè della corruzione, poi la capitale del leghismo, cioè del razzismo, e infine la capitale del berlusconismo, cioè della regressione dei cervelli allo stato vegetale. Mi si dirà che quei 100 e passa trogloditi armati di mazze, coltelli, machete e quant'altro che hanno aggredito vigliaccamente una ventina di napoletani che andavano pacificamente allo stadio, erano ultras neofascisti o neonazisti. No: il neonazismo e il neofascismo in Italia, al nord in particolare, oggi non ci azzeccano nulla con Hitler e Mussolini: oggi non sono altro che ovvie, banali e naturali degenerazioni fanatiche e violente del leghismo e del berlusconismo. Uno del branco, un picchiatore e un potenziale assassino, uno che aveva il daspo e che allo stadio non doveva proprio andarci, ci ha casualmente rimesso la pelle. Mi spiace dirlo, ma quella fine se l'era andata a cercare e se l'è meritata. Se fossi come lui penserei: una bestia in meno. E invece penso che sia stato una vittima inconsapevole di una società disumanizzante e di uno Stato permissivo e inefficiente. Mi viene anche da pensare a cosa sarebbe successo a parti invertite: giornali e televisioni avrebbero buttato quantità industriali di veleno e di luoghi comuni sulla città di Napoli. Come è accaduto in  passato per episodi assai meno gravi. E invece nessuno ha detto o scritto quello che oggi andava detto e scritto: Milano vergogna!

 

 

 

 

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ministro  del  governo  che  supporti e  cui  dici  che  fa  tutto  bene  ...ops  colpa  del Piddi e  sopratutto   di  Renzi  naturale...

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora