ALLORA IL PIDDI, ALMENO LE TASSE CALAVANO

https://www.fanpage.it/manovra-il-governo-aumenta-la-pressione-fiscale-al-424-ora-ce-la-conferma-***/

Manovra, il governo aumenta la pressione fiscale al 42,4%: ora c’è la conferma ***

Nel 2019, con l’approvazione della manovra, la pressione fiscale aumenterà dal 42% al 42,4%. A comunicarlo è il presidente dell’Ufficio parlamentare di Bilancio, confermando un dato che rimarrà sostanzialmente stabile negli anni successivi: al 42,8% nel 2020 e al 42,5% nel 2021. La pressione fiscale “leggermente aumenta”, afferma Giuseppe Pisauro.

continua su: https://www.fanpage.it/manovra-il-governo-aumenta-la-pressione-fiscale-al-424-ora-ce-la-conferma-***/
http://www.fanpage.it/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Risulta palese che sei un minus habens che non sa di cosa sta parlando.

Sprecherò ancora una volta acqua e sapone per lavare l'asino di turno.

Come si legge a pagina 19 dell'audizione del presidente dell'ufficio parlamentare di bilancio

http://www.upbilancio.it/wp-content/uploads/2018/11/Audizione-DDL-bilancio-2019.pdf

l’incremento di gettito nel 2019 è dovuto in buona misura a interventi di natura straordinaria che si concentrano prevalentemente sul settore finanziario e su quello assicurativo (circa 4,3 miliardi) e alla abrogazione del regime opzionale dell’IRI previsto per le società di persone e le imprese individuali (2 miliardi) che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2019 (dopo essere già stato rinviato di un anno con la legge di bilancio per il 2018)
 
Inginocchiati sui ceci e aggiorna il contatore delle figuredimedda
 
Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

LA VERITÀ FA  MALE  LO  SO...   ma   questo  è  le  tasse  aumentano CON   IL GOVERNO DEI  CIALTRONI  , mentre  con  il cattivo Piddi  calavano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'indagine dell'ufficio studi dei commercialisti è un dito in un occhio nei confronti del governo e, di fatto, conferma le valutazioni sviluppate due giorni fa dall'Ufficio parlamentare di bilancio, secondo il quale nel 2019 la pressione fiscale salirà dal 41,9 al 42,4% del Pil dal 42% del 2018. Mentre negli anni successivi, secondo i calcoli dell'organismo guidato dal presidente Giuseppe Pisauro, si arriva al 42,8% nel 2020 e al 42,5% nel 2021. I numeri dei commercialisti parlano piuttosto chiaro: dal punto di vista della pressione delle imposte, ci sarà un saldo netto di 12,9 miliardi di maggiori entrate tributarie nel periodo 2019-2021. Importi sui quali, però, precisano i professionisti, pesa «l'incognita della tassazione locale». ..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora