Quell’ebe te del “questo lo dice lei”: Laura Castelli (M5S)

 

 «E' giusto: se sei del terzo settore si presuppone che tu non faccia utili visto che sei senza scopo di lucro. Noi tassiamo i profitti delle no profit mica tassiamo i soldi della beneficenza!»
Così la Castelli spiega perché secondo lei è giusto raddoppiare l'IRES agli enti senza scopo di lucro del Terzo Settore. La Castelli, oltre ad aver dato prova di ignorare qualunque seppur minimo rudimento di economia, oggi ci ha dimostrato di non sapere un caz.z.o manco sul Terzo Settore e le normative che lo regolano. Non è vero che una associazione/ente senza scopo di lucro non debba generare profitto per essere definita tale. Una associazione/ente può generare profitto ma non lo può redistribuire né direttamente né indirettamente. Gli utili generati vengono totalmente reinvestiti nei progetti per cui è nata l'associazione o è nato l'ente, per la loro sepravvivenza e per il miglioramento e ammodernamento delle strutture mobili e immobili (mense, ricoveri, ambulanze ecc ecc). Se si raddoppiano le tasse sui profitti delle associazioni (o enti) non profit non si sta facendo giustizia sociale come sostiene questa cialtrona ma si dimezza la possibilità per l'anno successivo di investire su servizi migliori e più efficienti per chi ne ha veramente bisogno. Anzi. Per alcune piccole realtà di paese può voler dire anche la chiusura.  Questa creti na ha scambiato le associazioni di volontariato per gioiellerie. Siamo al De Profundis . Saluti 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963