LETTERA AI MERIDIONALI CELODURI

Cari meridionali leghisti vi auguro con tutto il cuore che quei 300 migranti restino in mare. E con loro altri milioni. E vi auguro che Salvini prenda il 90% dei voti, e che rispedisca a casa ogni singolo straniero presente in Italia. E chiuda i porti e azzeri l'immigrazione.

Vi auguro che Salvini consegua tutti i risultati che vi augurate. Così quando questo vostro (nuovo) grande sogno sarà realizzato, quando tutti gli immigrati saranno spariti, quando la neve si sarà sciolta, rimarrete voi.
E voi, vostra madre, i vostri figli, i vostri fratelli, tutti tornerete ad essere quelli che "in Italia commettono più reati" o che "rubano il lavoro".

O davvero credete di non essere più dei ***? Di non essere più i "parassiti" che "rubano il lavoro" e che "vengono qui a delinquere"? Sul serio credete che da un giorno all'altro siete diventati così, all'improvviso, con uno schiocco di dita, italiani come loro? Davvero credete di non essere "quelli che commettono più reati rispetto ai settentrionali", quelli "a cui vanno i soldi delle tasse dei lombardi e dei veneti", quelli che "hanno decine di migliaia di forestali", quelli che "mandano i loro rifiuti al Nord perché i signorini non vogliono gli inceneritori", quelli che "con le loro truffe fanno pagare l'assicurazione più alta anche agli automobilisti padani", ecc.?

Vi do una notizia: ai loro occhi siete ancora tutto questo. Siamo ancora tutto questo. Solo che c'è la neve dell'immigrazione straniera a coprire tutto quell'odio. Ma aspettate che si sciolga. Continuate ad aiutarli a scioglierla. E vedrete come tutte quelle accuse torneranno alla luce del sole. Vedrete cosa accadrà quando non ci saranno più gli stranieri a cui addossare le colpe. Quando torneremo a essere noi i parassiti, i delinquenti e i ladri di lavoro.

Godetevi questo momento da leghisti. Giocate pure voi a fare i padani. Quelli che disprezzano gli altri. Godetevela. Divertitevi. Perché presto, ve lo auguro, tornerete a essere "gli altri", i *** di *** di sempre. Non che oggi non lo siate. Lo siete, lo siamo. Solo che hanno smesso di ricordarcelo. E quando ce lo ricorderanno non potremo nemmeno dire, come un tempo, "noi non siamo come voi, noi non siamo razzisti". Perché nel frattempo lo saremo stati, vendendo la nostra proverbiale bontà d'animo per una foto del Capitano che mangia le orecchiette o canta con Albano. Avremo perso, nel frattempo, la nostra innocenza e la nostra dignità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

I PUNTINI  STANNO  PER... LA  CENSURA LI  OSCURA

 

O davvero credete di non essere più dei ter...roni?

 tornerete a essere "gli altri", i ter...roni di me...rda di sempre. Non che oggi non lo siate. Lo siete, lo siamo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque per finanziare il reddito di cittadinanza , ai disoccupati , bloccano le assunzioni nel pubblico impiego ?
INTERESSANTE

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora