DIRETTO AVREBBE SPARATO A QUEI DUE...

Ci rubano il lavoro e ci impongono le loro usanze!  sono tutti  dei  mangiapane a  tradimento e  soprattutto  sempre  a  detta  dei  maldestri  sono tutti  delinquenti.

safe_image.php?d=AQB2B5Of82fhNBti&w=476&
Pensava di aver concluso il colpo senza problemi, ma il 35enne non aveva ancora fatto i conti con due profughi ospitati in una struttra del Piacentino che l'hanno…
BERGAMONEWS.IT
 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

ambecilleeeee!!

TORINO, 10 MAR – Un uomo è stato arrestato dalla polizia dopo avere aggredito a scopo di rapina due donne. E’ accaduto la notte scorsa a Torino. A bloccarlo, dopo un inseguimento, gli agenti delle volanti che hanno anche dovuto sparare due colpi in aria. Il rapinatore è un gambiano di 35 anni.

Il primo episodio è avvenuto in corso Regina Margherita. Erano da poco trascorse le quattro, quando una donna, uscita di casa per recarsi al lavoro, è stata aggredita lungo il percorso che la conduceva all’auto. Il bandito, prima le ha afferrato un braccio poi, dopo averla spinta con violenza contro il muro, le ha chiuso la bocca con una mano, le ha afferrato la pochette nella borsa ed è fuggito.

Con lo stesso modus operandi in via Livorno ha aggredito in strada un’altra donna. Facendola cadere a terra, ha cercato di strapparle il marsupio, ma i poliziotti, già sulle sue tracce, lo hanno indotto alla fuga. Per intimorirlo uno degli agenti, ha esploso due colpi di pistola in aria. E’ stato arrestato poco distante. (ANSA)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma  vaff    cronista di  nera a  senso  unico   i,boccato  da razzisti  come te

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

resta  il fatto  e  lo conferma  il  suo  post  che   a  diretto   gli  stranieri   sono tutti  delinquenti e  io  confermo    che  quelli  come  lui sono dei razzisti  xenofobi fascisti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora