gilet gialli:il loro programma

Era chiaro come il ‘caro carburante’ fosse solo una scintilla di un sentimento molto più profondo.

E allora eccoli i 25 punti dei ‘gilet gialli’, che i rivoluzionari definiscono «proposizioni per uscire dalla crisi», presentati sotto quattro capitoli: Economia e Lavoro, Politica, Sanità e Ambiente, Geopolitica.

  • «fine dei monopoli dei media e dei finanziamenti pubblici ai giornali»
  • «aumenti di salario minimo, pensioni e minimi sociali del 40%»
  • «diminuire l’influenza dei laboratori farmaceutici»
  • «vietare per legge tasse ai cittadini superiori al 25%»
  • «assunzioni massicce di funzionari per ristabilire la qualità di stazioni, poste, scuole e ospedali»
  • «costruire 5 milioni di case popolari»
  • «annullare il debito»
  • «niente migranti se non si può accogliere»
  • «riscrivere la Costituzione nell’interesse del popolo sovrano e introdurre il referendum di iniziativa popolare»
  • «uscire dall’Ue per riconquistare sovranità politica, monetaria ed economica»
  • «uscire dalla Nato»).

Poi c’è il no al famigerato Global Compact e altro. Un manifesto populista.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963