Non critico l'onorevole disabile

Leggo sul sito del Corriere che un deputato dei 5stelle, affetto da sclerosi multipla, ha lasciato il Movimento per entrare nel gruppo di Forza Italia. La motivazione non sembra granché: un fondo da 10 milioni  per i disabili bocciato alla Camera ma che poteva benissimo essere recuperato in Senato. Ma non posso certo prendermela con un disabile come stanno facendo sui social tanti incivili. Devo criticare ancora una volta i criteri di selezione dei candidati grillini. Se uno lascia il Movimento per passare non al gruppo misto, non al Pd (che alla fin fine dovrebbe avere per i disabili una sensibilità maggiore dei berluscones) e nemmeno a Fratelli d'Italia, ma passa addirittura nelle file del delinquente, vuol dire che costui nel Movimento era un corpo estraneo, vuol dire che ci era entrato per caso ma non avrebbe mai dovuto entrarci e men che meno essere candidato. L'antiberlusconismo è scritto nel Dna del M5s: senza Berlusconi esso probabilmente non sarebbe mai nato. Nella scorsa legislatura c'è stata una copiosa emorragia di parlamentari grillini, speriamo che non si ripeta. Il problema della selezione nel M5s è molto serio e va risolto. Come pure va risolto a livello parlamentare e costituzionale il problema dei cambi di casacca. Nessun parlamentare può essere obbligato a votare sempre con il suo gruppo, il dissenso su singole questioni è più che legittimo, ma non si può nemmeno tradire platealmente il mandato elettorale passando a un altro partito che magari ha idee e programmi diametralmente opposti. Altrimenti la democrazia rappresentativa e il principio di sovranità popolare vanno a farsi benedire. Ed è proprio quello che oggi spera il delinquente, il quale non fa mistero di puntare a una transumanza di grillini nel centrodestra e conseguente ribaltone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

2 ore fa, fosforo41 ha scritto:

vuol dire che costui nel Movimento era un corpo estraneo, vuol dire che ci era entrato per caso

O forse solo uno che ha capito le vere intenzioni e le vere capacità dei grilli....mah...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche la selezione di ministri e sottosegretari è un problema serio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Leggo sul sito del Corriere che un deputato dei 5stelle, affetto da sclerosi multipla, ha lasciato il Movimento per entrare nel gruppo di Forza Italia. La motivazione non sembra granché: un fondo da 10 milioni  per i disabili bocciato alla Camera ma che poteva benissimo essere recuperato in Senato. Ma non posso certo prendermela con un disabile come stanno facendo sui social tanti incivili. Devo criticare ancora una volta i criteri di selezione dei candidati grillini. Se uno lascia il Movimento per passare non al gruppo misto, non al Pd (che alla fin fine dovrebbe avere per i disabili una sensibilità maggiore dei berluscones) e nemmeno a Fratelli d'Italia, ma passa addirittura nelle file del delinquente, vuol dire che costui nel Movimento era un corpo estraneo, vuol dire che ci era entrato per caso ma non avrebbe mai dovuto entrarci e men che meno essere candidato. L'antiberlusconismo è scritto nel Dna del M5s: senza Berlusconi esso probabilmente non sarebbe mai nato. Nella scorsa legislatura c'è stata una copiosa emorragia di parlamentari grillini, speriamo che non si ripeta. Il problema della selezione nel M5s è molto serio e va risolto. Come pure va risolto a livello parlamentare e costituzionale il problema dei cambi di casacca. Nessun parlamentare può essere obbligato a votare sempre con il suo gruppo, il dissenso su singole questioni è più che legittimo, ma non si può nemmeno tradire platealmente il mandato elettorale passando a un altro partito che magari ha idee e programmi diametralmente opposti. Altrimenti la democrazia rappresentativa e il principio di sovranità popolare vanno a farsi benedire. Ed è proprio quello che oggi spera il delinquente, il quale non fa mistero di puntare a una transumanza di grillini nel centrodestra e conseguente ribaltone.

 

Ecco qua  il commento del pezzodimmerda Cazzaro di Napoli !! Ecco cosa interessa ad uno pezzodimmerda !! Non dice una parola del vergognoso provvedimento. Certo che no !! Al pezzodimmerda  Cazzaro di Napoli interessa solo , e per questo, dopo bontà sua , aver detto che non critica il parlamentare di cui non dice nemmeno il nome , offenderlo per l’annuncio di voler passare nel gruppo di F.I. come se l’aspetto più importante fosse questo. Come se qualcosa contasse od avesse valenza solo o soltanto a seconda di chi lo propone. Questa e’ la “democrazia “ del Cazzaro . Anzi , il pezzodimmerda Cazzaro di Napoli , informa i forumisti che, tutto sommato , la motivazione di non aver messo in finanziaria questo  provvedimento non gli sembra granché . Poi prosegue continuando a non profferire una parola una su questa vergogna ma , anzi approfittando del fatto per “redarguire “  il gruppo dirigente grillino ad essere più attenti nella scelta dei candidati da mandare al Parlamento . Se non fosse un argomento serio ci sarebbe da ridere a crepapelle proprio perché lo stesso gruppo dirigente e’ scelto con le stesse modalità e con le stesse modalità vengono scelti Ministri e Sottosegretari . Infine , il pezzodimnerda Cazzaro di Napoli , strenuo difensore della Costifuzione che voto’ insieme a fascisti e razzisti , vorrebbe manometterla introducendo il vincolo di mandato . E tuttocio’ continuando a non dire una parola sull’argomento. Allora visto che al pezzodimmerda di Cazzaro non interessa , lo faccio io .  Lui è Matteo Dall’Osso. È un deputato eletto nelle liste del M5S. Voleva portare avanti una nobile battaglia a favore dei disabili. Ma i suoi non glielo hanno permesso. Gli hanno persino bocciato un emendamento.
E così, tradito dal suo stesso gruppo parlamentare che rinnega i proprio ideali, ha deciso di andarsene in segno di protesta verso il disinteresse per le persone disabili. Ebbene, hanno avuto il coraggio di chiedergli di pagare una penale di 100 mila euro. Oltre che incostituzionale, una vera e propria vergogna. E come se non bastasse, oggi i fascigrillini lo stanno massacrando di insulti e accuse di tradimento. Ma come si fa? Chi ha tradito non è lui. Ma tutti gli altri. Lui è rimasto fedele ai suoi ideali, alle sue battaglie, persino agli slogan con i quali è stato eletto.  I traditori sono tutti gli altri che lo hanno lasciato solo, da Luigi Di Maio in giù. Mi chiedo con che coraggio lo hanno lasciato solo dopo questo appello fatto in commissione. Un intevento da pelle d'oca e da brividi.  Vi invito a vederlo tutto fino alla fine. Tutti devono vederlo !! E poi andare a sputare in ghigna al pezzodimmerda Cazzaro di Napoli .   https://www.facebook.com/cinadaniele/videos/223265511901557/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, sempre135 ha scritto:

O forse solo uno che ha capito le vere intenzioni e le vere capacità dei grilli....mah...

Ti ripeto, non si spiega la migrazione verso Forza Italia. Poteva andare nel gruppo misto, se voleva fare un gesto simbolico di opposizione poteva andare nel Pd, ma in Forza Italia proprio no. Probabilmente avevano selezionato un berlusconiano momentaneamente illuso dal grillismo. 

Saluti

2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Anche la selezione di ministri e sottosegretari è un problema serio.

Sono d'accordo, ma in questo caso hanno almeno l'attenuante della prima volta, mentre il problema della selezione dei parlamentari è cronico: nella passata legislatura ne hanno persi per strada 40. Peraltro non mi pare che il livello medio dei ministri nei governi pidini e berlusconiani fosse poi così alto. Un Toninelli non mi entusiasma ma non mi fa nemmeno rimpiangere una Gelmini, o una Madia o una Boschi o una Guidi, per non parlare di una Fedeli ministra dell'Istruzione e di un Alfano ministro dell'Interno e poi addirittura degli Esteri. E per non parlare di casi estremi, cioè di elementi selezionabili più per la galera che per un ministero o un sottosegretariato (Previti, Galan, Cosentino). Quello del ministro non è un compito facile ma si può imparare e migliorare con il tempo. E ricordiamoci sempre quello che diceva un grande filosofo:

"L'onestà è migliore di ogni politica".

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fai bene , Cazzaro , a far finta di non leggermi 😂😂😂. Ma io so che mi hai letto !! E lo sanno pure tutti gli altri forumisti che nel tempo , piano piano , ma costantemente , hanno imparato a conoscerti per quel che sei !! Quel che conta e’ questo  !! E te lo sai ..., vero ?? 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora