uccisa da romena con ombrellata in occhio.ora libera

Sono passati 11 anni da quando Vanessa Russo è morta di una morte assurda in un giorno di primavera, a Roma, scendendo dalla metropolitana alla stazione Termini: trafitta in un occhio da un colpo di ombrello sferrato da una ragazza romena. Aveva 22 anni e il sogno di diventare infermiera, aiutare gli altri.

A colpirla fu Doina Matei, all' epoca 25enne: le telecamere la ripresero mentre si allontanava con un' amica. Pare che tra le due, Vanessa e Doina, ci fosse stato un litigio in metro, un insulto che ha scatenato la furia, qualche parola di troppo.
Fatto sta che Vanessa non c' è più, mentre la Matei ha praticamente finito di scontare la sua pena e lavora in una cooperativa a Venezia. E questo per Giuseppe Russo, il papà della vittima, è troppo. Un macigno difficile da sopportare. «Basta, questo Stato non rispetta gli italiani». Ieri Russo si è iscritto alla Lega, sezione di Roma Ponte Milvio. Riccardo Corsetto, segretario della sezione, racconta che l' uomo è arrivato e ha chiesto soltanto: «Dove si firma per aderire?». «Venga, si firma qua». Ieri l' ufficialità in diretta Fb.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

l'europa senza frontiere!! quelle della Ue..quella dell'insaccato!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963