L'ultima di Matteo

Mafia nigeriana, procuratore di Torino critica ministro: "Tweet di Salvini ha danneggiato indagini"

 

In relazione ai fatti di Torino, Spataro in una nota osserva che "al di là delle modalità di diffusione, la notizia in questione è intervenuta mentre l'operazione era (ed è) ancora in corso con conseguenti rischi di danni al buon esito della stessa; la polizia giudiziaria non ha fermato '15 mafiosi nigeriani' ma sta eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Dda di questo Ufficio, dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Torino. Il provvedimento restrittivo non prevede per tutti gli indagati la contestazione della violazione dell'art. 416 bis c.p.; coloro nei cui confronti il provvedimento è stato eseguito non sono 15 e le ricerche di coloro che non sono stati arrestati è ancora in corso".

 

Il ministro degli interni, con i suoi Tweet propagandistici, ostacola le indagini della magistratura ?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Il vice ministro deve imparare a fare il ministro dell'interno e possibilmente lavorare di più e twittato di meno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Mi sa che dopo avere scritto negli anni decine di post per illustrare alla luce dei fatti (o meglio dei misfatti) il parallelismo quasi perfetto, quasi euclideo, tra l'allievo ripetente Renzi e il suo maestro Berlusconi, dovrò cominciare a occuparmi delle oggettive e notevoli affinità esistenti tra il tappetaro e l'altro Matteo. Due mestieranti della politica, due arruffapopolo (definirli populisti è un'offesa ai populisti seri) che puntano tutto sulla comunicazione e sulla narrazione, due gattopardeschi sbruffoni sottomessi ai vecchi poteri forti, due spregiudicati intellettualmente disonesti e sempre pronti a farsi belli con le imprese altrui. Quest'ultima in particolare era una connotazione evidentissima del tappetaro. Il quale da premier non se ne faceva scappare una. Bastava che un'azienda nazionale, anche semisconosciuta, assumesse personale invece di licenziare, e lui era lesto a sparare un post sui social, scritto in modo da indurre a pensare che i risultati di quell'azienda fossero anche (o soprattutto) merito suo. E il post si concludeva con l'immancabile mantra: # è la volta buona. Naturalmente il tappetaro si chiudeva in religioso silenzio in occasione di chiusure di aziende e di licenziamenti in blocco. Anche perché qualcuno avrebbe potuto dedurre che anche quelli erano "merito" suo. E se due tenniste italiane conquistavano la finale di un torneo del Grande Slam, il tappetaro era lestissimo ad annullare tutti gli impegni istituzionali per andare ad assistere alla partita con codazzo di giornalisti e fotografi, e naturalmente con volo di Stato andata e ritorno a spese dei contribuenti. 

Ieri mattina c'è stata una brillante operazione di polizia condotta dalla procura di Torino contro delinquenti extracomunitari. L'arruffapopolo padano che nel paese di Pulcinella fa il ministro dell'Interno non ha dato neppure il tempo di concluderla: alle 8:30, a operazione ancora in corso, ha strombazzato su Twitter la sua soddisfazione e la sua retorica populista: "Le nostre Forze dell'Ordine sono tra le migliori al mondo... arrestati a Torino 15 mafiosi nigeriani". E magari qualche altro mafioso nigeriano, allertato dal tweet prontamente rilanciato dai media, avrà pensato bene di andarsi a mettere al sicuro. Il procuratore di Torino giustamente ha protestato ma Salvini, invece di chiedere scusa (altra affinità con Renzi) ha irriso il magistrato augurandogli una serena pensione. Superfluo precisare che un ministro dell'Interno serio dovrebbe semmai dolersi del prossimo pensionamento di un valido servitore dello Stato come il procuratore Spataro. Una volta scrissi che Salvini mi sembrava più umile e decisamente meno arrogante del bullo di Rignano. O mi sbagliavo allora o sono bastati i sondaggi e pochi mesi di governo per montare la testa anche al bullo del Viminale. Ieri sera Maurizio Martina nel programma della Berlinguer commentava l'imbarazzante episodio come un effetto dell'ansia propagandistica di Salvini. Al che Massimo Cacciari faceva notare che Salvini non è certo il primo a essere affetto da quel tipo ansia. Chiarissimo il riferimento a Renzi, infatti la conduttrice chiedeva a Martina se secondo lui anche Renzi fosse stato vittima di questa patologia. Ma il patetico Martina, alla precisa domanda della Berlinguer, svicolava e si metteva a parlare di "intermediazioni" (sic).  Si conferma che tra i sette candidati alla segreteria del Pd non è certo il pavido e inconsistente Martina a essere in grado di imprimere quella "chiara svolta" rispetto al renzismo senza la quale, secondo il saggio Cacciari, "il Pd dopo il Congresso è morto".

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salvi ha fatto bene....i magistrati se non gli và bene se ne vadano in pensione.....ma guarda che roba, dopo che gli rovinano la vita per una storia di milioncini si mettono anche ad ostacolare la sua campagna pubblicitaria del essere sempre osannato....ma dove siamo...eppure glielo ha già detto una volta...temete l'ira dei giusti.....xD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quel   voto con  brogli  in  Calabria  forse  dice  qualcosa ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, borneo39 ha scritto:

Mafia nigeriana, procuratore di Torino critica ministro: "Tweet di Salvini ha danneggiato indagini"

 

In relazione ai fatti di Torino, Spataro in una nota osserva che "al di là delle modalità di diffusione, la notizia in questione è intervenuta mentre l'operazione era (ed è) ancora in corso con conseguenti rischi di danni al buon esito della stessa; la polizia giudiziaria non ha fermato '15 mafiosi nigeriani' ma sta eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Dda di questo Ufficio, dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Torino. Il provvedimento restrittivo non prevede per tutti gli indagati la contestazione della violazione dell'art. 416 bis c.p.; coloro nei cui confronti il provvedimento è stato eseguito non sono 15 e le ricerche di coloro che non sono stati arrestati è ancora in corso".

 

Il ministro degli interni, con i suoi Tweet propagandistici, ostacola le indagini della magistratura ?

 

Che Salvini non abbia rapporti con I NIGERIANI non vi è dubbio.

Che abbia rapporti con DELINQUENTI PLURIASSASSINI è documentato dai suoi stessi selfie.....Schermata-2018-07-06-alle-13.22.57.png

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l Procuratore della Repubblica di Torino Armando Spataro dice che il ministro degli Interni, a causa della sua ossessione per la comunicazione, rischia di mandare all'aria un'importante operazione giudiziaria. Salvini ha fatto un tweet mentre erano in corso degli arresti e, a quanto pare, qualcuno è riuscito a sottrarsi alla cattura. Alla legittima e motivata reprimenda di Spataro, Salvini risponde con una nota scomposta: “Si candidi. Vada in pensione”.
Salvini, come è solito fare, non avendo conoscenze e argomenti, consapevole di aver fatto una enorme ***, invita al linciaggio, questa volta del procuratore Spataro. È il caso che il Consiglio Superiore della Magistratura si faccia sentire per difendere l’autonomia del potere giudiziario dagli assalti di un esecutivo tanto sgangherato quanto pericoloso.
Analizzando ciò che è accaduto, siamo o no legittimati a dire che, spente le luci della ipercomunicazione (a spese nostre), Salvini sia il ministro più scarso del Governo? Uno che parla a vanvera di tutto, capendo molto poco finanche di ciò che dice? La saggezza popolare insegna che è dei fessi che bisogna aver paura.

La mia solidarietà e vicinanza ad Armando Spataro, uomo e magistrato di spessore, che non si lascerà intimorire da un potere reso ridicolo dalla sua stessa idiozia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora