Le italiane prime per cura famiglia, ma i mariti latitano...

Le donne italiane dedicano in media al lavoro "non pagato", ovvero quello per la cura dei figli, dei parenti e della casa, oltre cinque ore al giorno piazzandosi così al quarto posto tra i Paesi Ocse. Il dato risente, però, della scarsa collaborazione dei partner nel nostro Paese che, con appena 100 minuti al giorno in media, si collocano tra i meno impegnati nelle cure della famiglia. I dati sono contenuti in uno studio Ocse sull'esperienza tedesca sulla condivisione del lavoro in famiglia che analizza la situazione nei principali paesi sviluppati. Le donne con un partner tra i 25 e i 44 anni, l'età nella quale l'impegno in casa è maggiore per la frequente presenza di figli piccoli - spiega la ricerca - spendono in tutti i paesi Ocse più tempo per fare lavoro non pagato rispetto agli uomini anche a fronte delle stesse ore lavorate fuori casa. In Italia, secondo la ricerca, le donne lavorano in casa almeno il doppio degli uomini a prescindere dal loro impegno in un impiego pagato.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

17 messaggi in questa discussione

Mah io credevo che gli italiani fossero cambiati....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma forse la media è questa, ma io vedo anche molti padri e mariti e che fanno in quattro...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non mi convince... vai a vedere che è sempre colpa nostra...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

C'è poco da contestare i dati sono dati: le donne lavorano in casa almeno il doppio degli uomini a prescindere dal loro impegno in un impiego pagato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

va bene amen, facciamo una statua alle donne italiane e piantiamola...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è solo colpa degli uomini, se le donne hanno mariti che non le aiutano devono pensarci loro a "svegliarli"!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la colpa è delle mamme italiane che viziano i figli maschi!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, stesteph ha scritto:

la colpa è delle mamme italiane che viziano i figli maschi!

Alla fine i maschi italiani non sono mai "colpevoli" ma è possibile?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, mariallen ha scritto:

Le donne italiane dedicano in media al lavoro "non pagato", ovvero quello per la cura dei figli, dei parenti e della casa, oltre cinque ore al giorno piazzandosi così al quarto posto tra i Paesi Ocse. Il dato risente, però, della scarsa collaborazione dei partner nel nostro Paese che, con appena 100 minuti al giorno in media, si collocano tra i meno impegnati nelle cure della famiglia. I dati sono contenuti in uno studio Ocse sull'esperienza tedesca sulla condivisione del lavoro in famiglia che analizza la situazione nei principali paesi sviluppati. Le donne con un partner tra i 25 e i 44 anni, l'età nella quale l'impegno in casa è maggiore per la frequente presenza di figli piccoli - spiega la ricerca - spendono in tutti i paesi Ocse più tempo per fare lavoro non pagato rispetto agli uomini anche a fronte delle stesse ore lavorate fuori casa. In Italia, secondo la ricerca, le donne lavorano in casa almeno il doppio degli uomini a prescindere dal loro impegno in un impiego pagato.

ma ti stupisce davvero questa cosa?

alle volte siamo anche noi che non lasciamo fare nulla agli uomini (ne ho sentite dire di donne hce i mariti sono incapaci). comunque bisognerebbe sbloccarla questa situazione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ameliadespell ha scritto:

ma ti stupisce davvero questa cosa?

alle volte siamo anche noi che non lasciamo fare nulla agli uomini (ne ho sentite dire di donne hce i mariti sono incapaci). comunque bisognerebbe sbloccarla questa situazione.

affatto, voglio citare un piccolo aneddoto personale. Anni fa al bar con gli "amici" mentre si giocava a carte, è nata lasolita e vecchia discussion e del rapporto con le donne, e rivolgendosi a me mi chiesero se la m oglie non avesse nulla da dire sul fatto che io fossi li a giovare a carte, affatto risposi considerando che lei nel frattempo usciva con le sua amiche, risposta generale :o "Falle fare dei figli così rimane a casa a curarli " :o

Forse anche queste è una delle ragioni per cui non ho voluti figli. :(

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, refusi ha scritto:

affatto, voglio citare un piccolo aneddoto personale. Anni fa al bar con gli "amici" mentre si giocava a carte, è nata lasolita e vecchia discussion e del rapporto con le donne, e rivolgendosi a me mi chiesero se la m oglie non avesse nulla da dire sul fatto che io fossi li a giovare a carte, affatto risposi considerando che lei nel frattempo usciva con le sua amiche, risposta generale :o "Falle fare dei figli così rimane a casa a curarli " :o

Forse anche queste è una delle ragioni per cui non ho voluti figli. :(

ma dici sul serio?

va be' che gli uomini del condomimio dove sono cresciuta, seguivano le donne per vedere se "si comportavano bene"...

siamo un paese tuttora profondamente maschilista... e, lo ripeterò fino alla morte, le donne stesse lo sono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ameliadespell ha scritto:

ma dici sul serio?

va be' che gli uomini del condomimio dove sono cresciuta, seguivano le donne per vedere se "si comportavano bene"...

siamo un paese tuttora profondamente maschilista... e, lo ripeterò fino alla morte, le donne stesse lo sono.

ti assicuro che non scherzo, sto parlando di una 30ina di anni fa, ma è assolutamente vero, secondo il concetto dei più, almeno a quei tempi, (sono cambiati?) la donna doveva rimanera a casa ad accudire ai filgli e alla famiglia, così l'uomo era libero di uscire e fare i ..zi propri. Ma volendo considerare la questione sotto altri aspetti, credo si trattasse anche di un senso di insicurezza e di paura nel confronto dei propri mezzi, inteso come capacità, la paura di perdere qualche cosa che loro consideravano ormai come acquisito e di proprietà.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, refusi ha scritto:

affatto, voglio citare un piccolo aneddoto personale. Anni fa al bar con gli "amici" mentre si giocava a carte, è nata lasolita e vecchia discussion e del rapporto con le donne, e rivolgendosi a me mi chiesero se la m oglie non avesse nulla da dire sul fatto che io fossi li a giovare a carte, affatto risposi considerando che lei nel frattempo usciva con le sua amiche, risposta generale :o "Falle fare dei figli così rimane a casa a curarli " :o

Forse anche queste è una delle ragioni per cui non ho voluti figli. :(

Apprezzo infinitamente il fatto che tu abbia messo le virgolette alla parola amici  :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, wade.harper ha scritto:

Apprezzo infinitamente il fatto che tu abbia messo le virgolette alla parola amici  :D

beh si in effetti ho voluto specificare :D

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l'uomo itaGliano aiuta poco in casa poiké allevato da una madre dedita casa e famiglia sul tipo di donna citata nel post di mariallen...

penso ke x aver nuovi riscontri occorrerà ke le madri di oggi insistano farsi aiutare pure dai figli maski senza pretender aiuto solo dalla figlia femmina... ed erano le mie incakkiaure quando, da bimba, le zie si facevano aiutare da me x apparekkiar tavola senza coinvolgere il cuginetto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963