soldi ai migranti per aprire imprese.ecco un altro regalo dei precedente governo

Il 20 dicembre a L’Aquila verranno presentate le 8 Imprese costituite da migranti titolari di protezione internazionale, nate all’interno del progetto “Idee da coltivare“. Il progetto, promosso dall’Arci e co-finanziato dal Ministero dell’Interno (al tempo di Minniti ndr…) attraverso il Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020, attivato nel Settembre 2017 in collaborazione con 4 Comitati Territoriali Arci, ha sostenuto lo start up di 8 imprese costituite da migranti titolari di protezione internazionale (TPI) nell’ambito dei servizi e dell’agricoltura biologica. Il progetto ha previsto l’offerta di percorsi di potenziamento della conoscenza della lingua italiana e di un pacchetto informativo e di accompagnamento per l’avvio di impresa.

 Le idee di impresa selezionate hanno ricevuto un contributo di 10 mila euro, attraverso Banca Etica, per l’avvio dell’attività, l’*** e il supporto per l’eventuale accesso al credito bancario (microcredito)

Quindi i contribuenti italiani hanno pagato dei richiedenti asilo perché aprissero delle imprese. Per loro un contributo iniziale di 10mila euro e credito a fondo perduto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

il tutto davanti ai nostri imprenditori che si suicidano per mancanza  di commesse,quando lo stato non paga,e troppe tasse!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963