Violenza donne: la Corte di Strasburgo condanna l'Italia. Siamo un paese arretrato?

questa notizia non fa che confermare la mia idea negativa su questo paese che, su certe tematiche, vedi eutanasia, aborto e violenza sulle donne, non riesce proprio a stare al passo con i tempi.

E infatti la Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia per non aver agito con sufficiente rapidità per proteggere una donna e suo figlio dagli atti di violenza domestica perpetrati dal marito che hanno poi portato all'assassinio del ragazzo e al tentato omicidio della moglie. Il caso si riferisce a quanto avvenuto a Remanzacco, in provincia di Udine, il 26 novembre del 2013 quando il marito - ora in prigione - di Elisaveta Talpis uccise il figlio diciannovenne e tentò di uccidere anche la madre.
 
Ditemi se non siamo un paese arretrato!?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Non so perché ma la cosa non mi sorprende...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Noo..ma perchè.....se in un processo per violenza capita possa essere condannata la donna per aver tentato l'uomo.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Siamo un paese arretrato... ma per me è un vanto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

forse siamo arretrati, ma credo che sarebbe andata così anche in altri paesi.

 

brutte parole vero, ma sono portato a vedere il problema come un omicidio (indipendentemente dal ***).

problema che mi risulta molto diffuso ancora nella società moderna.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scendi in piazza anche tu l'8 marzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

va beh, ragazze (e ragazzi),ci sono cose che fanno inorridire, ma posso assicurarti che in altri paesi stanno anche peggio.

l'america, ad esempio, è molto più sessista dell'italia.

comunque, ben venga la condanna della corte europea, magari si fa una legge seria.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, aljadida5 ha scritto:

questa notizia non fa che confermare la mia idea negativa su questo paese che, su certe tematiche, vedi eutanasia, aborto e violenza sulle donne, non riesce proprio a stare al passo con i tempi.

E infatti la Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia per non aver agito con sufficiente rapidità per proteggere una donna e suo figlio dagli atti di violenza domestica perpetrati dal marito che hanno poi portato all'assassinio del ragazzo e al tentato omicidio della moglie. Il caso si riferisce a quanto avvenuto a Remanzacco, in provincia di Udine, il 26 novembre del 2013 quando il marito - ora in prigione - di Elisaveta Talpis uccise il figlio diciannovenne e tentò di uccidere anche la madre.
 
Ditemi se non siamo un paese arretrato!?

No siamo un paese maschilista che sino a non moltissimi anni fa tollerava e giustificava il delitto d'onore, che pretendi? Magari fra qualche millennio....:(

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, sempre135 ha scritto:

Noo..ma perchè.....se in un processo per violenza capita possa essere condannata la donna per aver tentato l'uomo.....

ma che dici?!?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, alenemir ha scritto:

scendi in piazza anche tu l'8 marzo

sto iniziando a farci un pensierino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

abbiamo legislatori malati di arretratezza e siamo un paese dove la lentezza, tranne in certi casi, regna sovrana quindi x metterci al passo coi tempi purtroppo dovranno morire altre donne....  in compenso, possiamo iscrivere i figli a sQuola via internet

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora