il pietoso stato dell'informazione italica

Resta in carcere ma non è stato lui a cedere la droga a Desiree. Ne è convinto il gip  che ha confermato la misura cautelare per Marco Mancini, il pusher di 36 anni arrestato nell’inchiesta sulla morte della minorenne di Cisterna di Latina, ma ha fatto cadere nei suoi confronti l’aggravante della cessione di stupefacente a minore. La decisione del gip è arrivata al termine dell’interrogatorio di convalida.
E’ uno spacciatore, e per chi spaccia urge metodo Duterte. Ma il ridicolo tentativo dei media di distrazione di massa, di alleggerire il peso dell’immigrazione coinvolgendolo nella vicenda Desirée, lui che, comunque, sarebbe stato solo il fornitore e non parte del branco di africani che l’ha stuprata, è qualcosa che descrive bene il pietoso stato dell’informazione italiana.

quindi,come il gioco dell'oca ritorniamo a capo:chi ha dato le dosi alla povera ragazzina??????

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

hanno le loro tv...i loro conduttori...strapagati pure.ecco il regime 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora