Il Fatterello e la Verità. Travaglio e Belpietro. Stesse facce e stesse bufale !!

Anche oggi, capita sempre più spesso, il Fatterello e la Verità (presunta ), aprono la loro prima pagina con la stessa “notizia”, piegandola naturalmente alla propaganda: “L’ultima beffa di Renzi: due milioni di italiani costretti a restituire il bonus di 80 euro”, titola Maurizio Belpietro.

E Marco Travaglio gli fa diligentemente eco: “Cucù, gli 80 euro non ci sono più: 2 milioni di beffati”.

I due direttori sono accomunati, oltreché dall’inguaribile tendenza a manipolare e falsificare la realtà, da una forte passione politica comune: fare piazza pulita delle istituzioni democratiche e del sistema dei partiti per spalancare le porte alle forze populiste e xenofobe, all’eversione e al disordine.

La Verità dà voce al fascioleghismo, il Fatto al fasciogrillismo, in attesa che i rispettivi partiti di riferimento ,  la Lega di Salvini e il Movimento 5 stelle , si ritrovino finalmente uniti alla guida del Paese.

L’ostacolo principale, se non unico, ai loro raffinati progetti resta Matteo Renzi: ed è per questo che ogni giorno è buono e ogni pretesto vale per dargli addosso “a prescindere”, come direbbe Totò.

Che cosa è successo con gli 80 euro? Circa 966.000 contribuenti hanno dovuto restituire la somma, sotto forma di maggiore imposta o mancate detrazioni, per la buona ragione che nel 2015 , l’anno a cui si riferiscono i dati appena pubblicati ,  hanno guadagnato più del previsto e più dell’anno precedente.

Com’è noto, infatti, gli 80 euro spettano a chi ha un reddito mensile netto inferiore a 1500 euro. Se lo supera, perde l’agevolazione. Che quasi un milione di italiani abbiano superato i 1500 euro netti al mese di reddito è dunque una buona notizia: per loro, che guadagnano di più, e per l’economia del Paese, che evidentemente migliora.

Altri 765.000 contribuenti devono invece restituire una parte degli 80 euro per il motivo opposto: il loro reddito è sceso sotto la soglia minima prevista dalla legge, che è pari a 8000 euro lordi l’anno. E che cosa succede a chi guadagna (o dichiara) meno di 8000 euro lordi l’anno? Che non paga nulla: niente Irpef, niente tasse, e dunque anche nessuna riduzione.

Semplice, logico, giusto. Dov’è la “beffa” denunciata a testate unificate da Belpietro e Travaglio?

Ma non è tutto: complessivamente, se sono 507 milioni i soldi che i cittadini hanno restituito allo Stato, sono però 599 quelli che lo Stato ha restituito ai cittadini. Infatti 1.300.000 contribuenti in più hanno scoperto di aver diritto agli 80 euro, e altri 200.000 di averne diritto in parte. Insomma, il saldo è ampiamente positivo: 92 milioni di euro di tasse in meno per gli italiani.

Il trumpismo del Fatto e della Verità ,  cioè la pratica della falsificazione sistematica delle notizie , e' insidioso, oltreché disdicevole: ma è anche facile da smontare. Nonostante Belpietro e Travaglio, infatti, la verità e i fatti esistono ancora !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

ahahah invece il tuo giornalino dei piccoli fulminati come te lo apre mettendo in prima pagina lo spot sulla campagna elettorale di FI a pochi giorni delle comunali romane volendo far credere che una delle ragazze della foto era la Raggi, ahahah sei veramente il più comico del forum!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma che stai a di , ebete ?? Ma de che parli , straebete ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

92 MILIONI DI TASSE IN MENO PER GLI ITALIANI.

NIENTEPOPODIMENO!

Va bene, facciamo qualche considerazione.

Il famoso bonus è legato all'IRPEF (occhio però alla tipologia di reddito e ai requisiti reddituali).

Le persone fisiche che hanno conseguito redditi nel periodo di imposta 2015

http://www1.finanze.gov.it/finanze2/analisi_stat/index.php?tree=2016AAPFTOT010101

sono 40.770.277 .

Da cui segue che abbiamo in media beneficiato di 2,26 euro di imposte in meno a testa .

Niente da dire: uno straordinario successo che fa scomparire gli straordinari risultati ottenuti dalla riforma Madia.

Rinnovo l'invito affinchè il perissodattilo pisano mark525 contatti senza ulteriori indugi

http://www.ao-pisa.toscana.it/index.php?option=com_content&id=375%3Apsichiatria-1d&Itemid=80&showall=1

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

fulminato che fai finta di non capire o sei fulminato al 100% sto parlando del tuo giornalino quello delle 5 copie giornaliere, regalate ai pescivendoli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, mark525 ha scritto:

Anche oggi, capita sempre più spesso, il Fatterello e la Verità (presunta ), aprono la loro prima pagina con la stessa “notizia”, piegandola naturalmente alla propaganda: “L’ultima beffa di Renzi: due milioni di italiani costretti a restituire il bonus di 80 euro”, titola Maurizio Belpietro.

E Marco Travaglio gli fa diligentemente eco: “Cucù, gli 80 euro non ci sono più: 2 milioni di beffati”.

I due direttori sono accomunati, oltreché dall’inguaribile tendenza a manipolare e falsificare la realtà, da una forte passione politica comune: fare piazza pulita delle istituzioni democratiche e del sistema dei partiti per spalancare le porte alle forze populiste e xenofobe, all’eversione e al disordine.

La Verità dà voce al fascioleghismo, il Fatto al fasciogrillismo, in attesa che i rispettivi partiti di riferimento ,  la Lega di Salvini e il Movimento 5 stelle , si ritrovino finalmente uniti alla guida del Paese.

L’ostacolo principale, se non unico, ai loro raffinati progetti resta Matteo Renzi: ed è per questo che ogni giorno è buono e ogni pretesto vale per dargli addosso “a prescindere”, come direbbe Totò.

Che cosa è successo con gli 80 euro? Circa 966.000 contribuenti hanno dovuto restituire la somma, sotto forma di maggiore imposta o mancate detrazioni, per la buona ragione che nel 2015 , l’anno a cui si riferiscono i dati appena pubblicati ,  hanno guadagnato più del previsto e più dell’anno precedente.

Com’è noto, infatti, gli 80 euro spettano a chi ha un reddito mensile netto inferiore a 1500 euro. Se lo supera, perde l’agevolazione. Che quasi un milione di italiani abbiano superato i 1500 euro netti al mese di reddito è dunque una buona notizia: per loro, che guadagnano di più, e per l’economia del Paese, che evidentemente migliora.

Altri 765.000 contribuenti devono invece restituire una parte degli 80 euro per il motivo opposto: il loro reddito è sceso sotto la soglia minima prevista dalla legge, che è pari a 8000 euro lordi l’anno. E che cosa succede a chi guadagna (o dichiara) meno di 8000 euro lordi l’anno? Che non paga nulla: niente Irpef, niente tasse, e dunque anche nessuna riduzione.

Semplice, logico, giusto. Dov’è la “beffa” denunciata a testate unificate da Belpietro e Travaglio?

Ma non è tutto: complessivamente, se sono 507 milioni i soldi che i cittadini hanno restituito allo Stato, sono però 599 quelli che lo Stato ha restituito ai cittadini. Infatti 1.300.000 contribuenti in più hanno scoperto di aver diritto agli 80 euro, e altri 200.000 di averne diritto in parte. Insomma, il saldo è ampiamente positivo: 92 milioni di euro di tasse in meno per gli italiani.

Il trumpismo del Fatto e della Verità ,  cioè la pratica della falsificazione sistematica delle notizie , e' insidioso, oltreché disdicevole: ma è anche facile da smontare. Nonostante Belpietro e Travaglio, infatti, la verità e i fatti esistono ancora !! 

sono belle le facce dei tuoi amici iniziando da ridolini che solo a guardalo vai avanti tu (figlio di creta) che mi vien da ridere ahahah

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963