oggi 11 novembre ricordiamo lì'eccidio di kindu

Oggi, 11 novembre, ricorre il 57esimo anniversario dell’eccidio di Kindu. Lì i ‘fratelli’ di......... massacrarono tredici aviatori italiani.

Quella maledetta mattina di sabato 11 novembre, del 1961, due aerei italiani decollarono dalla capitale del Congo, Leopoldville, per portare rifornimenti alla guarnigione malese dell’ONU che controllava l’aeroporto poco lontano da Kindu, ai margini della foresta equatoriale.

Si dovevano fermare a Kindu solo il tempo di scaricare e mangiare qualcosa. I due C-119 comparvero nel cielo della cittadina africana poco dopo le 14:00, e dopo aver fatto alcuni giri sopra l’abitato atterrarono all’aeroporto controllato dai malesi.

Alle 16:15 la folla di congolesi fece irruzione. Gli 80 soldati congolesi sopraffecero rapidamente gli occupanti quasi tutti disarmati della palazzina e li malmenarono duramente, accanendosi in particolare contro gli italiani: bianchi, e quindi da massacrare.

Il tenente medico Francesco Paolo Remotti tentò di fuggire lanciandosi da una finestra aperta, ma fu rapidamente raggiunto dai congolesi e subito ucciso. Barbaramente ucciso.

Intorno alle 16:30 arrivarono altri 300 miliziani congolesi guidati dal comandante del presidio di Kindu, colonnello Pakassa: il comandante malese, maggiore Maud, tentò inutilmente di convincerlo che gli aviatori erano italiani dell’ONU e alle 16:50 i dodici italiani, costretti a trasportare con loro il corpo di Remotti, furono caricati a forza sui camion e portati in città, per poi essere rinchiusi nella prigione locale.

Quella notte, soldati congolesi fecero irruzione nella cella dove erano detenuti i dodici aviatori italiani e li uccisero tutti, a colpi di mitra. Perché erano bianchi.

Poi ne abbandonarono i corpi sul posto, alla folla famelica di carne bianca. E i poveri resti degli italiani furono oggetto di scempio da parte della popolazione locale.

I giornali scrissero, in articoli mai smentiti, che alcune parti del corpo smembrate furono vendute al mercato di Kindu, e che la gamba di un soldato italiano arrivò, avvolta in una foglia di banano, a un potente capo tribale per le nozze della figlia. 

kindu-11.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963