CHE DIRANNO I MALDESTRI ORA ?

19 messaggi in questa discussione

55 minuti fa, pm610 ha scritto:
DESIRÉE, PRESO IL PUSHER
Gli investigatori cercavano da tempo il "fornitore" italiano

Guarda che purtroppo non ci sono solo gli spacciatori Italiani, ci sono anche certi politici ITALANI che credono ancora di essere nel 68 e che vorrebbero fare leggi a favore delle droghe libere 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

che vorrebbero fare leggi a favore delle droghe libere

droghe leggere e con la ricetta....sarebbe un introito molto forte per lo stato, come hanno fatto in california, e ci sarebbero meno fetenzie....sicuramente ci vogliono delle leggi molto più valide di quelle che ci sono adesso...ma non per i piccoli per quelli grossi....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, sempre135 ha scritto:

droghe leggere e con la ricetta....

Quando dico residui della mentalità sessantottina mi riferisco anche a questo, qui si tratta di educare la popolazione a non usare più le semplici sigarette di tabacco (quelle che fanno semplicemente venire il tumore), a non abusare delle bevande alcoliche (quelle che se uno guida poi mette sotto la gente sulle strisce) altro che liberalizzare le droghe, quale messaggio si da ai ragazzi con queste proposte di legge?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Direi  anche   certe  idee   sono delle  droghe   che  rendono  pericolose e delinquenti le  persone  specialmente  il razzismo e  il fascismo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Quando dico residui della mentalità sessantottina mi riferisco anche a questo, qui si tratta di educare la popolazione a non usare più le semplici sigarette di tabacco (quelle che fanno semplicemente venire il tumore), a non abusare delle bevande alcoliche (quelle che se uno guida poi mette sotto la gente sulle strisce) altro che liberalizzare le droghe, quale messaggio si da ai ragazzi con queste proposte di legge?

Direi che  più che dare messaggi perbenista e ipocriti, forse sarebbe il caso di dire come stanno davvero le cose.

È da una vita che si racconta la storiella che la droga so combatte col proibizionismo e con la repressione ed è altrettanto visibile agli occhi di tutti che, più si proibisce e più si reprime, i mercanti della droga fanno affari. 

Il discorso vero è che invece finché vendere la droga sarà un "affare"nessuno riuscirà a debellare questo flagello. E inizialmente la regaleranno ai ragazzini per attirarli, farli diventare "alla moda e sentirsi grandi". Ne arresteranno uno e ce ne saranno altri cento che lo sostituiranno. Finché ci sarà il guadagno, sarà sempre così, non ci sarà repressione che tenga e nel frattempo nuovi ragazzini cadranno nella rete e senza scampo.

Bisogna mettersi in testa che se uno decide che vuole drogarsi lo fa e basta, hai voglia di volerglielo impedire: andrà a rubare, farà qualunque cosa ma nessuno riuscirà ad impedirglielo. 

Ben diverso se la droga invece di costare (supponiamo) 100 euro costasse 2 euro. Chi avrebbe la convenienza a venderla?

L'interesse per il mercato criminale scomparirebbe all'istante e forse si riuscirebbe anche a controllare il fenomeno e aiutare anche da un punto di vista medico chi c'è cascato  e soprattutto nessuno avrebbe interesse a "iniziare" i ragazzini, che é poi il dramma peggiore di tutti.

In questo modo invece cosa si ottiene? Si riesce forse a debellare davvero il mercato della droga? 

Io dico di no. Il proibizionismo ha avuto poco successo anche con l'alcool, figuriamoci con la droga.

Il discorso è che si preferisce fare i "f.ighi" della severità e della intransigenza pur sapendo perfettamente che finché i guadagni della droga saranno superiori a quelli della m.afia, nessuno riuscirà ad eliminare gli effetti malefici e deleteri.

Si riuscirà solo a gridare, fare schiamazzo e...far finta di riuscirci prima o poi ma con l'unico risultato di....non ottenere risultati concreti.

Sarebbe davvero interessante verificare cosa succederebbe nel momento in cui vendendo la droga non si guadagnasse niente. Vogliamo vedere che sarebbe meglio di 100.000 arresti?

E, tra l'altro, con un altro beneficio e cioè che chi è tossicodipendente non sarebbe costretto a rubare o a fare tante altre nefandezze pur di procurarsi la droga. 

Però se si preferisce fare gli ipocriti e far finta di niente,non ci sono problemi: gli spacciatori ringraziano. E ringraziano sentitamente tutti i "benpesanti" e i venditori di fuffa.

.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

E, tra l'altro, con un altro beneficio e cioè che chi è tossicodipendente non sarebbe costretto a rubare o a fare tante altre nefandezze pur di procurarsi la droga. 

Però se si preferisce fare gli ipocriti e far finta di niente,non ci sono problemi: gli spacciatori ringraziano. E ringraziano sentitamente tutti i "benpesanti" e i venditori di fuffa.

.

Ringraziano   sentitamente  le  mafie   che  oggi  stanno  sul  mercato  senza  alcun  contrasto, tanto  il  problema   sono  gli  immigrati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, ildi_vino ha scritto:

. Il proibizionismo ha avuto poco successo anche con l'alcool, figuriamoci con la droga

Del tuo lungo discorso ho estrapolato solo una frase; quando si parla di proibizionismo si pensa generalmente agli Stati Uniti, guarda che con l'abolizione del proibizionismo gli USA non sono diventati un popolo di astemi, hanno continuato a bere come facevano prima e più di prima e chi produceva le bevande alcoliche ha continuato a produrle in quantità industriali e a continuato a fare profitti in dollari come li faceva prima e più di prima, hanno semplicemente cessato di guadagnare i "picciotti" che queste bevande le distribuivano, poi guarda che non è esatto dire che negli USA non c'è più il proibizionismo, negli USA è severamente vietato vendere alcol ai minorenni ed è forse per questo che gli studenti USA quando vengono da noi in Italia si ubriacano, fanno da noi quello che non è consentito loro di fare in patria;   tu dici ancora:  ..Ben diverso se la droga invece di costare (supponiamo) 100 euro costasse 2 euro. Chi avrebbe la convenienza a venderla? … a venderla certamente no ma a consumarla certamente si… non ci prendiamo in giro  in tutti questi anni è mancata la volontà politica di combattere SERIAMENTE le tossicodipendenze, se leggi quotidianamente i giornali troverai continuamente notizie di spacciatori presi a spacciare e rimessi immediatamente in libertà in base alle leggi attualmente vigenti, leggi che evidentemente risentono ancora del clima politico del 68 e quanti ex sessantottini non sono ancora andati in pensione, sono ancora li a fare danni e  sono attualmente in posizione di comando nelle varie istituzioni dove si fanno le leggi, si interpretano le leggi, si da esecuzione alle leggi…..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo   ma  i  soldi  li fanno  legalmente  e   non   certo  alimentando  il  patrimonio delle  mafie   perchè oggi  così  è 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Del tuo lungo discorso ho estrapolato solo una frase; quando si parla di proibizionismo si pensa generalmente agli Stati Uniti, guarda che con l'abolizione del proibizionismo gli USA non sono diventati un popolo di astemi, hanno continuato a bere come facevano prima e più di prima e chi produceva le bevande alcoliche ha continuato a produrle in quantità industriali e a continuato a fare profitti in dollari come li faceva prima e più di prima, hanno semplicemente cessato di guadagnare i "picciotti" che queste bevande le distribuivano, poi guarda che non è esatto dire che negli USA non c'è più il proibizionismo, negli USA è severamente vietato vendere alcol ai minorenni ed è forse per questo che gli studenti USA quando vengono da noi in Italia si ubriacano, fanno da noi quello che non è consentito loro di fare in patria;   tu dici ancora:  ..Ben diverso se la droga invece di costare (supponiamo) 100 euro costasse 2 euro. Chi avrebbe la convenienza a venderla? … a venderla certamente no ma a consumarla certamente si… non ci prendiamo in giro  in tutti questi anni è mancata la volontà politica di combattere SERIAMENTE le tossicodipendenze, se leggi quotidianamente i giornali troverai continuamente notizie di spacciatori presi a spacciare e rimessi immediatamente in libertà in base alle leggi attualmente vigenti, leggi che evidentemente risentono ancora del clima politico del 68 e quanti ex sessantottini non sono ancora andati in pensione, sono ancora li a fare danni e  sono attualmente in posizione di comando nelle varie istituzioni dove si fanno le leggi, si interpretano le leggi, si da esecuzione alle leggi…..

Ti rendi conto di quante contraddizioni ci sono in quello che hai scritto? E poi giri intorno ma non cogli il senso delle cose (niente di male, me lo aspettavo).

Dici il vero quando affermi che col proibizionismo gli americani non sono diventati astemi. Esatto è proprio così ed è esattamente quello che ho detto io. Dopo di che dici che gli americani bevono quanto vogliono però, se vogliono bere quanto vogliono, vengono in Italia. Forse c'è qualcosa nel ragionamento che non torna però....forse sono io che non hocapito bene anche se mi verrebbe naturale scegliere (o una cosa o l"altra). Vabbè.......(quindi, senza tanti giri di parole, il proibizionismo ha funzionato  o no?).

Poi invece ci sarebbe anche un altro tipo di proibizionismo mancato che invece in America sarebbe secondo me da considerare meglio: quello delle armi legate ai gesti folli di chi usa un'arma per fare stragi solo perché si sveglia male e perché non ha nessuna difficoltà a procurarsele ma questo fa parte di narrazione attuale e sicuramente ti va bene. Per cui, in sintesi, diciamo che ci sono proibizionismi "buoni" e proibizionismi da segrestia alla Buttiglione che a te vanno bene giusto perché sono cavalli di battaglia ipocriti e soprattutto....non di sinistra (si capisce bene sai).

Ma torniamo in tema.

Affermi che se la droga dovesse costare 2 euro invece di 100 nessuno avrebbe la convenienza di continuare a spacciarla (a tutti, compresi soprattutto i minori) ma che chi si droga continuerebbe a farlo. Esatto, con un piccolo particolare però,  anzi due.

Il primo particolare è che allora non vuoi (o forse fai finta?) di capire che il problema sta proprio qui: dare un colpo letale a chi alimenta questo mercato. Stai trannullo che se la criminalità non potesse contare su quei guadagni, sarebbe certo al 100% che magari si riciclerebbe ma non proseguirebbe certamente in questo mercato di morte. E questo sarebbe essenziale e l'essenziale.

Il secondo particolare riguarda la tua affermazione in merito al fatto che, soprattutto inizialmente, chi si droga continuerebbe a farlo. Ovvio, pensi che ci siano dubbi? Però dimmi anche un'altra cosa: secondo te oggi chi vuol drogarsi lo fa oppure no? Quindi cosa cambia?

Forse però, se invece fosse tutto più controllato e chi ha avuto la sfortuna di cascarci non fosse costretto a rubare o a fare le nefandezze che si sentono in giro e magari fosse anche aiutato ad uscirne alla luce del sole riconoscendo le sue difficoltà qualcosa potrebbe perfino cambiare e in meglio.

Dopo di che ti arrampichi al 68 mischiando i modi d'essere con le leggi.

Ti rendi conto della confusione che fai? Ti risulta forse che le leggi vigenti siano state fatte dai figli dei fiori o che ci abbiano pensato altri? ...ma che stai a di?.

STAI ATTENTO AL TEMA PRINCIPALE E LASCIA PERDERE LE P.UGNETTE e rispondi alla seguenti domande.

1- Secondo te, se il mercato della droga venisse sgominato per mancanza di interesse a farlo sarebbe cosa buona e giusta oppure no?

2- Nella situazione attuale, con le carceri piene zeppe di spacciatori e di poveri tossicodipendenti che delinquono per procurarsi la droga, il fenomeno è stato eliminato o è più attuale che mai? 

2- I delinquenti entrano ed escono. Sicuro che c'entri il 68?

Ci sarebbero anche altre domande ma non voglio farla troppo lunga. 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Dopo di che dici che gli americani bevono quanto vogliono però, se vogliono bere quanto vogliono, vengono in Italia. Forse c'è qualcosa nel ragionamento che non torna

Forse non hai letto attentamente quello che ho detto, ho detto che per i MINORENNI negli USA il proibizionismo esiste ancora, negli USA è vietato vendere alcolici ai minorenni ed è per questo quando studenti USA minorenni vengono in Italia fanno da noi quello che è vietato loro fare all'estero, perché in Italia è tutto lecito anche se in teoria anche da noi non dovrebbero vendere alcoli ai minorenni chi controlla o sanziona?  mai sentito parlare di giovani Italiani che bevono in discoteca, si drogano in discoteca, poi si mettono a guidare e  fanno incidenti? sono notizie che leggiamo quotidianamente sui giornali

poi veniamo al punto: tu dici: 1- Secondo te, se il mercato della droga venisse sgominato per mancanza di interesse a farlo sarebbe cosa buona e giusta oppure no? …….OVVIO, se venisse sgominato per mancanza di acquirenti  sarebbe una cosa giusta, giustissima, vanno fatte campagna ai giovani perché non si droghino, altro che liberalizzazioni come vorrebbero certi politici ex sessantottini

tu dici: - Nella situazione attuale, con le carceri piene zeppe di spacciatori e di poveri tossicodipendenti che delinquono per procurarsi la droga, il fenomeno è stato eliminato o è più attuale che mai? ……. quando mai gli spacciatori vengono messi in galera?  hanno introdotto (i politici ex sessantottini) il concetto di modica quantità, gli spacciatori nascondono la droga, quando vengono presi hanno addosso solo piccole quantità è in galera non ci vanno  E LA  GENTE SI ARRABBIA

tu dici:... I delinquenti entrano ed escono. Sicuro che c'entri il 68? … ma tu l'hai vissuto il 68?  lo slogan vietato vietare, il mito dell'Olanda e la liberalizzazione della droga di quel paese prese come esempio?  che ne è stata dell'esperienza Olandese di liberalizzazione? te lo dico io è stato un completo  fallimento

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Ti rendi conto di quante contraddizioni ci sono in quello che hai scritto? E poi giri intorno ma non cogli il senso delle cose (niente di male, me lo aspettavo).

Dici il vero quando affermi che col proibizionismo gli americani non sono diventati astemi. Esatto è proprio così ed è esattamente quello che ho detto io. Dopo di che dici che gli americani bevono quanto vogliono però, se vogliono bere quanto vogliono, vengono in Italia. Forse c'è qualcosa nel ragionamento che non torna però....forse sono io che non hocapito bene anche se mi verrebbe naturale scegliere (o una cosa o l"altra). Vabbè.......(quindi, senza tanti giri di parole, il proibizionismo ha funzionato  o no?).

Poi invece ci sarebbe anche un altro tipo di proibizionismo mancato che invece in America sarebbe secondo me da considerare meglio: quello delle armi legate ai gesti folli di chi usa un'arma per fare stragi solo perché si sveglia male e perché non ha nessuna difficoltà a procurarsele ma questo fa parte di narrazione attuale e sicuramente ti va bene. Per cui, in sintesi, diciamo che ci sono proibizionismi "buoni" e proibizionismi da segrestia alla Buttiglione che a te vanno bene giusto perché sono cavalli di battaglia ipocriti e soprattutto....non di sinistra (si capisce bene sai).

Ma torniamo in tema.

Affermi che se la droga dovesse costare 2 euro invece di 100 nessuno avrebbe la convenienza di continuare a spacciarla (a tutti, compresi soprattutto i minori) ma che chi si droga continuerebbe a farlo. Esatto, con un piccolo particolare però,  anzi due.

Il primo particolare è che allora non vuoi (o forse fai finta?) di capire che il problema sta proprio qui: dare un colpo letale a chi alimenta questo mercato. Stai trannullo che se la criminalità non potesse contare su quei guadagni, sarebbe certo al 100% che magari si riciclerebbe ma non proseguirebbe certamente in questo mercato di morte. E questo sarebbe essenziale e l'essenziale.

Il secondo particolare riguarda la tua affermazione in merito al fatto che, soprattutto inizialmente, chi si droga continuerebbe a farlo. Ovvio, pensi che ci siano dubbi? Però dimmi anche un'altra cosa: secondo te oggi chi vuol drogarsi lo fa oppure no? Quindi cosa cambia?

Forse però, se invece fosse tutto più controllato e chi ha avuto la sfortuna di cascarci non fosse costretto a rubare o a fare le nefandezze che si sentono in giro e magari fosse anche aiutato ad uscirne alla luce del sole riconoscendo le sue difficoltà qualcosa potrebbe perfino cambiare e in meglio.

Dopo di che ti arrampichi al 68 mischiando i modi d'essere con le leggi.

Ti rendi conto della confusione che fai? Ti risulta forse che le leggi vigenti siano state fatte dai figli dei fiori o che ci abbiano pensato altri? ...ma che stai a di?.

STAI ATTENTO AL TEMA PRINCIPALE E LASCIA PERDERE LE P.UGNETTE e rispondi alla seguenti domande.

1- Secondo te, se il mercato della droga venisse sgominato per mancanza di interesse a farlo sarebbe cosa buona e giusta oppure no?

2- Nella situazione attuale, con le carceri piene zeppe di spacciatori e di poveri tossicodipendenti che delinquono per procurarsi la droga, il fenomeno è stato eliminato o è più attuale che mai? 

2- I delinquenti entrano ed escono. Sicuro che c'entri il 68?

Ci sarebbero anche altre domande ma non voglio farla troppo lunga. 

 

Un'altra cosa però magari si.

Il fumo e l'alcool in Italia non sono soggetti a grandi restrizioni perciò io magari fumo e tu no. Siamo tutti ubriachi o tutti fumatori per questo? O non è che, per caso, è lasciato alla volontà di ciascuno senza creare eccessivi danni. E se chi fuma o beve fosse costretto a farlo di nascosto magari rubando o prostitu.endosi sarebbe meglio? 

Nb (a scanso di equivoci): io non mi sono mai drogato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Il fumo e l'alcool in Italia non sono soggetti a grandi restrizioni perciò io magari fumo e tu no. Siamo tutti ubriachi o tutti fumatori per questo?

Vedi se tu fumi le sigarette ti può venire un brutto male, però te con il tuo corpo puoi fare quello che vuoi, se però a causa del tuo vizio poi io devo pagare il tuo ricovero in ospedale io come tanti alti ne abbiamo un danno, quindi uno stato serio anziché guadagnare dal fumo delle sigarette dovrebbe fare di tutto per scoraggiarne  l'uso non credi?  lo stato dovrebbe incoraggiare i comportamenti  virtuosi e corretti, non fare l'opposto come hanno fatto quando hanno depenalizzato le piccole quantità

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

Forse non hai letto attentamente quello che ho detto, ho detto che per i MINORENNI negli USA il proibizionismo esiste ancora, negli USA è vietato vendere alcolici ai minorenni ed è per questo quando studenti USA minorenni vengono in Italia fanno da noi quello che è vietato loro fare all'estero, perché in Italia è tutto lecito anche se in teoria anche da noi non dovrebbero vendere alcoli ai minorenni chi controlla o sanziona?  mai sentito parlare di giovani Italiani che bevono in discoteca, si drogano in discoteca, poi si mettono a guidare e  fanno incidenti? sono notizie che leggiamo quotidianamente sui giornali

poi veniamo al punto: tu dici: 1- Secondo te, se il mercato della droga venisse sgominato per mancanza di interesse a farlo sarebbe cosa buona e giusta oppure no? …….OVVIO, se venisse sgominato per mancanza di acquirenti  sarebbe una cosa giusta, giustissima, vanno fatte campagna ai giovani perché non si droghino, altro che liberalizzazioni come vorrebbero certi politici ex sessantottini

tu dici: - Nella situazione attuale, con le carceri piene zeppe di spacciatori e di poveri tossicodipendenti che delinquono per procurarsi la droga, il fenomeno è stato eliminato o è più attuale che mai? ……. quando mai gli spacciatori vengono messi in galera?  hanno introdotto (i politici ex sessantottini) il concetto di modica quantità, gli spacciatori nascondono la droga, quando vengono presi hanno addosso solo piccole quantità è in galera non ci vanno  E LA  GENTE SI ARRABBIA

tu dici:... I delinquenti entrano ed escono. Sicuro che c'entri il 68? … ma tu l'hai vissuto il 68?  lo slogan vietato vietare, il mito dell'Olanda e la liberalizzazione della droga di quel paese prese come esempio?  che ne è stata dell'esperienza Olandese di liberalizzazione? te lo dico io è stato un completo  fallimento

Fammi capire bene.  Dici che in America esiste il proibizionismo per i minori. Perché in Italia no? O ti risulta che i baristi possono somministrare litri di alcolici ai minori? A me non risulta.

Veniamo al secondo punto. "ovvio, se venisse sgominato per mancanza di acquirenti". Sta proprio qui il punto. Gli acquirenti più "pericolosi" sono i ragazzini e i ragazzini iniziano ad entrare in quel mondo perché la criminalità fa passare l'uso delle droghe come una moda, un modo come un altro per dare l'impressione ai ragazzini di emanciparsi, di fare i grandi e anche di dimostrare ai loro coetanei che sono in grado di poter agire anche contro la volontà dei genitori. Esiste anche per il fumo e per l'alcool ma questo fatto non interessa agli spacciatori per cui è lasciato al caso è al libero arbitrio. Invece con la droga ESISTE L'INTERESSE a spingere i ragazzini a farlo. Se la droga costasse 2 euro, succederebbe come per il fumo e l'alcool. Per cui il mercato non sarebbe indirizzato e gli acquirenti non sarebbero "importanti". Mi sono spiegato?

Gli spacciatori vengono messi in galera? SI. Basta vedere quante azioni mirate fanno carabinieri, polizia e forze dell'ordine in generale. Tranquillo che agiscono e agiscono anche bene. Solo che si scontrano col fatto che, ormai, esistono interi quartieri dediti allo spaccio e più ne arrestano più ne rimangono fuori perché si tratta dell'attività criminale più reddittizia che ci sia. Fai in modo che invece di guadagnare 80 euro a dose guadagnano zero e vedrai subito quanto diminuirebbe e in quanto tempo "l'attività".

Continui a confondere i modi d'essere con chi fa le leggi. Ti ripeto che i figli dei fiori magari possono anche essere tutt'ora tossicodipendenti mano hanno mai avuto né hanno ora la possibilità di legiferare. E tengo anche a farti presente che quelle leggi (tra l'altro ci andrei cauto a fare di tutta l'erba un fascio perché alcune sono anche giuste in uno Stato di diritto) non sono così recenti come vorresti far credere tu: molte sono riconducibili anche ai governi democristiani, quelli che probabilmente allora votava anche tu.

.....La gente si arrabbia.... Si forse si arrabbia ma forse, più che arrabbiarsi certi genitori si disperano e si rovinano quando gli capita un figlio che non riconoscono più nonostante lo abbiano educato bene. E che, nonostante dicano che la droga è proibita e nonostante arrestino qualche spacciatore (ti posso assicurare che ne arrestano e che spesso scoprono traffici), continua a drogarsi. DI NASCOSTO.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 11/11/2018 in 13:55 , pm610 ha scritto:
DESIRÉE, PRESO IL PUSHER
Gli investigatori cercavano da tempo il "fornitore" italiano

razzista anti italiani i tuoi connazionali sono 4 contro 1 italiano e pensa te che siamo in italia capito razzista !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ildi_vino ha scritto:

molte sono riconducibili anche ai governi democristiani, quelli che probabilmente allora votava anche tu

hai fatto bene a citare la Democrazia Cristiana, un partito che come tu  certamente saprai di cristiano aveva solo il nome, il lassismo e le leggi permissive in Italia vengono da lontano e il clima politico del 68 in certe scelte demagogiche certamente ci ha messo del suo, poi andrei cauto nell'affermare che i figli dei fiori  (alcuni di loro) non sono mai  arrivati nella stanza dei bottoni, molti figli dei fiori che erano ricchi  figli di papà che giocavano a fare i proletari e che  poi proprio perché figli di papà hanno fatto carriera; ti dicevo che la gente è arrabbiata e questa rabbia si esprime anche nel voto, a Pisa, tanto per fare un esempio dopo decenni di ininterrotto governo delle sinistre ha vinto una giunta di diverso colore politico e adesso a Pisa avviene questo: http://www.pisatoday.it/cronaca/misure-movida-piazza-cavalieri-pisa-comitato-ordine-sicurezza-9-novembre-2018.html  perché le precedenti giunte queste cose a Pisa non le facevano? forse perché erano ideologicamente contrarie a prendere certe misure? ti ho citato il caso di Pisa ma queste cose avvengono anche nel resto d'Italia dove la gente è arrabbiata nel vedere spacciatori che agiscono indisturbati con una polizia che li arresta e una magistratura che li rimette fuori, leggevo qualche giorno fa che la polizia era entrata con i cani in una scuola e che i cani avevano annusato un odore strano nei panni di una professoressa che vistasi scoperta  candidamente ha ammesso di consumare droga.. con insegnanti così ed esempi di questi tipo quale messaggio diamo ai ragazzini?  https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/venezia-controllo-anti-droga-in-una-scuola-smascherata-una-prof_3171398-201802a.shtml

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, monello.07 ha scritto:

razzista anti italiani i tuoi connazionali sono 4 contro 1 italiano e pensa te che siamo in italia capito razzista !

Il razzista  sei  tu    faccio  notare  che  i delinquenti  non  hanno  ne  colore  ne  etnia  e  se  ho  postato  questo  è  solo per  far   da  contrapasso  al tuo camerata  diretoinreto  al  quale  non  osi    dire  nulla   già è camerata  di merende...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

a Pisa, tanto per fare un esempio dopo decenni di ininterrotto governo delle sinistre ha vinto una giunta di diverso colore politico e adesso a Pisa avviene questo: http://www.pisatoday.it/cronaca/misure-movida-piazza-cavalieri-pisa-comitato-ordine-sicurezza-9-novembre-2018.html  perché le precedenti giunte queste cose a Pisa non le facevano? forse perché erano ideologicamente contrarie a prendere certe misure?

intanto a Pisa le prese di posizione puramente ideologiche  prese dalla precedente amministrazione vengono riconsiderate.

 http://www.pisatoday.it/cronaca/rete-ready-comune-pisa-uscita-omosessuali-***.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il  pusher  era  Italiano  dubbi   RUSPA 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963