grazie ai "benefici" di legge voluto dalle sinistre:da non credere

Migrante spaccia, subito libero. E il giudice ordina: "La polizia gli ridia i soldi"

 

Il nigeriano arrestato dopo mesi di indagine. Ma torna subito in libertà. Ira della Municipale e della Lega: "Siamo allibiti"

I fatti risalgono a tre giorni di giorni fa, quando i quotidiani locali hanno diffuso la notizia dell'arresto da parte della polizia locale di un 21enne nigeriano richiedente asilo e ospite da due anni nella Caserma Serena di Dosson Tutto bene quel che finisce bene, direte. O forse no. Perché lo spacciatore nigeriano è stato processato per direttissima e condannato dal giudice a due anni di carcere per detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio. Grazie ai benefici di legge, però, è subito stato rimesso in libertà con tanti saluti agli sforzi della Municipale. Non solo. Perché come se non bastasse, la toga ha anche ordinato alla polizia Locale di ridare all'immigrato i soldi, la carta prepagata e i vari cellulari trovati durante la perquisizione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

le leggi delle sx non mancano mai

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, director12 ha scritto:

le leggi delle sx non mancano mai

Ma quelle della dx dove sono.....non quelle del berlu che un pò ne godono anche loro, ma quelle nuove che dovevano fare una volta al Gov., và beh che hanno altri interessi da pensare ma si potrebbero anche muovere, oppure ritorniamo a votare con queste leggi, perchè pare che trai banchi della lega qualcuno abbia già detto che a marzo si ritorna al voto....la dx scalcia e rimprovera e come sempre lo fà per nascondere la propria inettitudine?....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora