se si ammira un uomo così si può essere solo dei nazifascisti

L'elezione di Bolsonaro in Brasile mi colpisce. Avvilisce sapere che la gente oggi pensi, ragioni e voti solo con rabbia.
Non legge, non si informa, è incapace di formulare un pensiero senza attaccare gli interlocutori, straparli e urli persino quando scrive. Sta accadendo ovunque, non è un fatto circoscritto.
Oggi è a capo del Brasile un uomo che ha detto:

-“Sono a favore di una dittatura. Non risolveremo mai i problemi della nazione con questa democrazia irresponsabile”
-"Sono a favore della tortura"
-“Sarei incapace di amare un figlio omosessuale. Non sarò un ipocrita: preferirei che mio figlio morisse in un incidente piuttosto che presentarsi con un tipo con i baffi”. 
-"Ho detto che non ti violenterei perché non te lo meriti”. (dicembre 2014, alla politica Maria do Rosário, ripetendo un commento che le aveva fatto per la prima volta nel 2003).
-“Non corro il rischio di vedere i miei figli uscire con donne nere. Sono molto ben educati”.

Il concetto fatto passare è che per colpa di una politica fallimentare (e lo è di certo) si vota qualcosa di estremo. 
Probabilmente nessuno di voi ha provato sulla propria pelle una dittatura, la privazione dei diritti, la tortura e la negazione di un pensiero. 
So solo che la gente oggi sta sfruttando dannatamente male la possibilità di un qualunque confronto. A partire dai social dove diluviano gli slogan, l'acidità, la cattiveria giustificata incredibilmente dalla frustrazione.
Se la gente che segue il calcio evoca la mafia per un rigore e ti aggredisce etichettandoti e insultandoti se esprimi una qualsivoglia idea politica, sociale o di altro tipo, significa che è l'uomo ad essere sbagliato. 
Oggi l'unico modo di ottenere consenso e fare politica è solo quello di creare un nemico, giovarsi dell'ignoranza e lasciare che questa sia sempre più diffusa. Se le cose vanno male è colpa di tutti, non solo della politica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

E' stato regolarmente eletto dai suoi cittadini, questo si chiama democrazia, se il suo avversario ha perso probabilmente è perché il suo partito in passato ha governato male

Modificato da etrusco1900
2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo  anche   Mussolini  e  Hitler  erano  stati  eletti... e  allora  la gente  si  può  imbrogliare   come  è successo  oggi  in  Italia... ed  era  successo   ieri    con  il berlusconi   che  gli effetti  dei  suoi governi ne  stiamo  pagando  le  conseguenze

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bolsonaro, è vero, ha vinto anche perché è stato votato da quel popolo che egli odia e che tutto l’interesse avrebbe a lottare contro di lui. Perché? Forse per il suo seducente fascino di caudillo. Forse perché, tra contraddizioni mostruose, il popolo ha voluto provare, come il malato sofferente di cui diceva Dante in riferimento a Firenze, a cambiare fianco su cui stare sdraiato nel letto del proprio dolore. Infine, Bolsonaro – aspetto non trascurabile – ha mutato, nel corso della sua vita politica, almeno sette o otto partiti di appartenenza. Un personaggio camaleontico, dunque, la cui cosa più stabile è senz’altro l’adesione neoservile alle politiche made in Usa e la conclamata fede nella religione del libero mercato deregolamentato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, pm610 ha scritto:

Bolsonaro, è vero, ha vinto anche perché è stato votato da quel popolo che egli odia e che tutto l’interesse avrebbe a lottare contro di lui. Perché? Forse per il suo seducente fascino di caudillo. Forse perché, tra contraddizioni mostruose, il popolo ha voluto provare, come il malato sofferente di cui diceva Dante in riferimento a Firenze, a cambiare fianco su cui stare sdraiato nel letto del proprio dolore. Infine, Bolsonaro – aspetto non trascurabile – ha mutato, nel corso della sua vita politica, almeno sette o otto partiti di appartenenza. Un personaggio camaleontico, dunque, la cui cosa più stabile è senz’altro l’adesione neoservile alle politiche made in Usa e la conclamata fede nella religione del libero mercato deregolamentato.

tu critichi probabilmente a ragione il vincitore di queste elezioni, quello che però non ti chiedi è il perché ; devi essere cosciente che  talvolta gli elettori si trovano a dovere scegliere non il migliore ma il meno peggio ; non ci prendiamo in giro, gli elettori di quel paese hanno sperimentato sulla propria pelle il tentativo di instaurare in quel paese il comunismo e hanno detto di NO; non ci prendiamo in giro, parliamo onestamente, il comunismo è stato in tutto il mondo un fallimento, citami un solo paese dove abbia avuto successo, dove la popolazione abbia ricevuto benessere e non miseria libertà e non  dittatura (ricordi lo slogan dittatura del proletariato?) dopo il punto di massimo consenso propagandistico degli anni 60 è andato in crisi ovunque, dovresti chiederti perché la maggioranza delle popolazioni dell'Europa dell'est dopo averlo sperimentato sulla propria pelle anziché rimpiangerlo votano, pur di non farlo tornare partiti di estrema destra, se avessero un ricordo positivo del comunismo tornerebbero a votarlo non ti pare?  tu giustamente critichi il libero mercato deregolamentato , ma tra il liberismo assoluto e il comunismo ci sono molte vie di mezzo tutte democratiche e rispettose dei popoli;    in Italia negli anni 60 ci furono alcuni, pilotati non si sa bene da chi, (gli storici in un lontano futuro ci diranno finalmente chi c'era dietro a molte vicende terroristiche Italiane  tipo l'omicidio Moro)  alcuni- dicevo- che cercarono di fare la rivoluzione, lasciarono dietro di se scie di sangue e ottennero solidarietà in paesi che in teoria dovevano essere nostri amici, come la Francia che concesse asilo e negò l'estradizione a molti terroristi ( La Francia storicamente ci è sempre stata antagonista e nemica, basti pensare in tempi molto recenti alle vicende Libiche e alla questione migranti)  poi ci furono terroristi che si rifugiarono in America latina (lo avevano fatto in passato anche alcuni gerarchi Tedeschi dopo la  sconfitta Germania) e non ci vedo niente di strano se l'Italia ne chiede  l'estradizione, forse l'Italia avrebbe dovuto avere la stessa fermezza anche nei confronti della Francia e chiedere l'estradizione dei terroristi, ma evidentemente la debolezza politica ed economica della nostra nazione nei confronti della Francia impedì di farlo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, pm610 ha scritto:

Certo  anche   Mussolini  e  Hitler  erano  stati  eletti... e  allora  la gente  si  può  imbrogliare   come  è successo  oggi  in  Italia... ed  era  successo   ieri    con  il berlusconi   che  gli effetti  dei  suoi governi ne  stiamo  pagando  le  conseguenze

Noto che lei è un vero Pdemocratico complimenti !!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, robby565 ha scritto:

Noto che lei è un vero Pdemocratico complimenti !!!!

Io  noto  invece   che    pratica     bene  il  neofascismo perchè  è evidentemente  che  tifa  per  loro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora