un altro pezzo d'italia che se ne va

Buccellati ha firmato ufficialmente a Pechino, il Purchase Agreement con Gangtai Group, al quale Buccellati Holding Italia spa cede una quota azionaria pari all’85%. Il Fondo di private equity Clessidra sgr spa e la famiglia Buccellati manterranno il rimanente 15% delle quote. L’accordo è stato concluso nel corso della seconda giornata della quarta edizione del Business Forum Italia/Cina, a Pechino, La chiusura della transazione è attesa durante il secondo trimestre del 2017, ed è soggetta ad approvazione del Foreign Exchange Minister.

Il cerimoniale della firma è avvenuto in presenza di Gianluca Brozzetti, ceo del Gruppo Buccellati e di Feng Zhou, vicepresidente del Gruppo Gangtai, davanti ai due copresidenti del Forum, Marco Tronchetti Provera vicepresidente esecutivo e ceo Pirelli e Tian Guoli, presidente della Bank of China.Viene da chiedersi:ma il governo italiano,dovè?? a lekk**** il K*** all'europa?? ansa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Era  dove   erano  quando  c'era   il  berlosco  con  la  lega..  si  dimentica   quando   andavano  in   cina  a  svendere  anche  loro   l' italia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, pm610 ha scritto:

Era  dove   erano  quando  c'era   il  berlosco  con  la  lega..  si  dimentica   quando   andavano  in   cina  a  svendere  anche  loro   l' italia

in cina allora ci si andava  a fare affari!! per l'italia e per gli italiani!! con solide relazioni economiche!! ora rimettiti il costume del ragno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

davvero  io   so del  contrario

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, pm610 ha scritto:

"Il Milan venduto al governo cinese": la famiglia Berlusconi 'confessa'UrlAdvisorGoodImage.png

www.today.it/.../il-milan-venduto-al-governo-cinese-la-famiglia-berlusconi-confessa....
  1.  
13 set 2016 - Milan ai cinesi per 740 milioni: dopo 30 anni finisce l'era Berlusconi ... non c'è un personaggio, ma il governo si fa portavoce di questi valori.

perchè il milan era del governo?? con le cose sue,puo' fare senz achiedere a te il parere!! mentre con l'euro del mordatella,l'hai preso nel K......

Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, director12 ha scritto:

perchè il milan era del governo?? con le cose sue,puo' fare senz achiedere a te il parere!! mentre con l'euro del mordatella,l'hai preso nel K......

perchè  quelle  che  hai  citato  tu erano  di  chi ???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

1 ora fa, director12 ha scritto:

perchè il milan era del governo?? con le cose sue,puo' fare senz achiedere a te il parere!! mentre con l'euro del mordatella,l'hai preso nel K......

Non  per  il  mortadella che   ha  fatto  una  cosa  giustissima   ma  per  chi  lo  ha gestito  ovvero  il berlosco  con  la  lega  alleata  che   di  cose  giuste  non ne  ha fatta nemmeno  una...

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, pm610 ha scritto:

 

Non  per  il  mortadella che   ha  fatto  una  cosa  giustissima   ma  per  chi  lo  ha gestito  ovvero  il berlosco  con  la  lega  alleata  che   di  cose  giuste  non ne  ha fatta nemmeno  una...

Nemmeno una?....sicuramente per se stesso e per le sue aziende ha fatto tutto...ma quelle naturalmente non erano al Gov......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In questi casi, con le attuali perverse regole imposte dalla globalizzazione, o con l'assenza di regole che dovrebbe imporre l'Europa per difendere i suoi marchi, i suoi prodotti e il suo lavoro, un governo nazionale può fare poco o nulla, se non lanciare iniziative in sede europea, per l'appunto. Potrebbero però intervenire personalmente, e a mio avviso dovrebbero, le massime cariche dello Stato: presidente della Repubblica, presidente del Consiglio, presidenti di Camera e Senato, per stigmatizzare duramente questi fatti e per biasimare e sputtanare pubblicamente gli industriali e i grandi azionisti che cedono le loro quote a grup,pi stranieri, e peggio ancora quelli che delocalizzano la produzione all'estero. L'esatto contrario cioè di quello che faceva l'ex premier Renzi con il suo amico Marchionne: pacche sulle spalle e salamelecchi a chi ha portato all'estero la sede legale e quella fiscale del maggiore gruppo privato italiano e che ha chiuso o ridimensionato fabbriche in Italia per aprirne in Polonia (Fiat 500), Serbia (Fiat 500L), Turchia (Fiat Tipo), etc.  La grande ripresa nazionale e internazionale del mercato dell'auto, dopo i lunghi anni di crisi che avevano fatto invecchiare i parchi circolanti, è il fattore trainante della ripresina economica italiana. Ma questa poteva essere ben più consistente se Marchionne e gli Agnelli avessero avuto un po' più di amore e di rispetto per il loro paese.

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

questa è la vera invasione, non quella con i barconi!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

In questi casi, con le attuali perverse regole imposte dalla globalizzazione, o con l'assenza di regole che dovrebbe imporre l'Europa per difendere i suoi marchi, i suoi prodotti e il suo lavoro, un governo nazionale può fare poco o nulla, se non lanciare iniziative in sede europea, per l'appunto. Potrebbero però intervenire personalmente, e a mio avviso dovrebbero, le massime cariche dello Stato: presidente della Repubblica, presidente del Consiglio, presidenti di Camera e Senato, per stigmatizzare duramente questi fatti e per biasimare e sputtanare pubblicamente gli industriali e i grandi azionisti che cedono le loro quote a grup,pi stranieri, e peggio ancora quelli che delocalizzano la produzione all'estero. L'esatto contrario cioè di quello che faceva l'ex premier Renzi con il suo amico Marchionne: pacche sulle spalle e salamelecchi a chi ha portato all'estero la sede legale e quella fiscale del maggiore gruppo privato italiano e che ha chiuso o ridimensionato fabbriche in Italia per aprirne in Polonia (Fiat 500), Serbia (Fiat 500L), Turchia (Fiat Tipo), etc.  La grande ripresa nazionale e internazionale del mercato dell'auto, dopo i lunghi anni di crisi che avevano fatto invecchiare i parchi circolanti, è il fattore trainante della ripresina economica italiana. Ma questa poteva essere ben più consistente se Marchionne e gli Agnelli avessero avuto un po' più di amore e di rispetto per il loro paese.

Se tratta de na storia vecchia, nun sta' a incorpa chi de corpe nun ce n'à. La corpa arrisale a l'anni passati, n'accordo fra belati e sindacati, con l'intervento purò der governo,  che nun vonno venne l'Alfa a li stranieri(Ford) che l'avrebbe puro pagata,  pe' regalalla a li greggi co' l'aggiunta de 40 mijardi de lirette. Che te va' a succede? Che l'agnelli se beccheno li 40 mijardi fanno fallì' l'Arfa, te chiudeno Arese e co' li mijardi che se so' presi, nostri, se vanno a costruì la fabbrica en Polonia. 

 

Ma c'è na cosa che me pare strana, l'unico che sta a combatte pe' evità che li stranieri se maggnano tutto l'è proprio quel tanto vituperato Berlusca che sta a combatte che la roba sua resti italiana, che potrebbe intascasse un sacco de mijardi e stassene ar sole per mill'anni armeno, ma ooh guai a parlanne.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963