assassini con il permesso umanitario

Non solo il capobranco, aveva il permesso umanitario, abolito con il decreto di Salvini, ma non retroattivamente.

E poi veniteci ancora a parlare di ‘razzismo’ e ‘accoglienza’.


I tre arrestati per il brutale assassinio con stupro della povera Desirée, sono la summa della politica buonista di questi anni.

Gara Mamadou, cittadino senegalese nato nel 1991 era in possesso di un permesso di soggiorno per richiesta d’asilo scaduto ed era stato espulso con provvedimento del prefetto di Roma il 30.10.2017. Ma da quel giorno si era reso irreperibile. Era stato poi intercettato dal personale delle volanti a Roma il 22.7.2018 e a suo carico era stato richiesto all’autorità giudiziaria un nulla osta per reati pendenti a suo carico. Il procedimento è troppo farraginoso: non si possono espellere i clandestini, perché hanno procedimenti penali a carico, ma siccome non sono ritenuti gravi, non possono essere nemmeno tenuti in galera: insomma, ad un clandestino conviene delinquere a bassa intensità, per rimanere in Italia. Fino a che, poi, uccide una ragazzina italiana.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

gl iassassini vanno puniti;ma anche chi non ha fatto il proprio dovere:quindi,qualcuno dovrebbe spiegare che ci facevano in italia questi personaggi gia' espulsi....gia',che ci stavano a fare qui?? se avessero applicata la legge,la ragazzina sarebbe ancora viva!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963