Ma se ti assolvono dopo vent'anni di carcere quanto ti rimborsano?

Questa la storia

http://www.ansa.it/puglia/notizie/2017/02/23/assolto-da-omicidio-libero-dopo-20-anni_b14ea246-6d32-42f5-9193-2b6f6d1b809d.html

Un 51enne di Fragagnano, Angelo Massaro, è stato assolto dalla Corte d'appello di Catanzaro 'per non aver commesso il fatto' dall'omicidio di Lorenzo Fersurella, ucciso nel tarantino nell'ottobre del 1995, e dal reato di occultamento di cadavere. E' quindi stato scarcerato dopo oltre 20 anni di detenzione. Nei 20 anni di detenzione è stato spesso lontano dalla residenza famigliare e quindi dalla moglie e dai due figli. Il difensore di Massaro è riuscito a dimostrare che il suo assistito si trovava in una località diversa da quella dalla quale scomparve la vittima. Nel 2011 Massaro era stato assolto dall'accusa di un altro omicidio avvenuto nel 1991. Ora il legale presenterà domanda di risarcimento per ingiusta detenzione.

Quanti soldi può giustamente pretendere?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Io farei pagare allo stato lo stipendio di un impiegato pubblico di primo livello

20000 euro l'anno per 20

quattrocentomila euro esentasse e passa la paura

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

è se fosse invece molto furbo?

comunque 30 euro per il disturbo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Però leggo che l'anno scorso c'è stato un record

In carcere senza colpa per 22 anni. Lo Stato deve risarcirlo con 7 milioni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, markozelek ha scritto:

Però leggo che l'anno scorso c'è stato un record

In carcere senza colpa per 22 anni. Lo Stato deve risarcirlo con 7 milioni

mamma mia. grasso che cola

ma giustamente, ti rovinano la vità

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

400 mila euro è una miseria

minimo 4 milioni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dirò una cosa fuori dal coro. La vittima di questo terribile errore giudiziario non era un assassino però era uno spacciatore di droga, era un poco di buono legato ad ambienti malavitosi. Oggi l'ho visto in tv, nel suo aspetto e nelle sue parole non c'era la minima traccia di rabbia né di odio o sete di vendetta verso uno Stato che gli ha fatto passare ingiustamente in carcere 21 dei migliori anni della sua vita, separandolo dai suoi cari, impedendogli di veder crescere i suoi figli. Ho visto una persona calma, serena, desiderosa di rifarsi una vita senza guardarsi indietro. Ha detto che si è iscritto a Giurisprudenza, che ha superato brillantemente i primi esami e che vuole diventare avvocato per difendere gli innocenti come lui. Insomma, una persona sfortunata ma ammirevole, totalmente recuperata alla vita e alla società. Benissimo, i soldi del risarcimento lo aiuteranno a coronare il suo progetto. Ma ora proviamo a chiederci: e se questo ex spacciatore di droga fosse rimasto fuori dal carcere in tutti questi anni, chi ci dice che oggi non sarebbe un delinquente peggiore di prima, magari irrecuperabile, un tossicodipendente o magari un omicida per davvero? Nel suo caso il carcere, o meglio la struttura carceraria che è fatta di persone e non solo di muri e porte di ferro, ha svolto bene la sua funzione rieducativa che, dal punto di vista della società, è più importante di quella punitiva.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per quel che mi riguarda mi potrebbero pure dare tutti i soldi del mondo ma 20 anni chiuso in una cella non possono essere "risarciti" in alcun modo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora