ci si mettono anche i garanti per i centri migranti

Fattori di “gravi criticità” sono stati riscontrati nei 4 centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr) visitati quest’anno dal Garante nazionale per i diritti dei detenuti (Brindisi-Restinco, Palazzo San Gervasio (Pz), Bari e Torino). In particolare, si legge nel rapporto, l’assenza di locali in comune e di alcuni elementi di arredo “pregiudicano pesantemente la qualità della vita” nelle strutture e determinano il “rischio di situazioni di degrado anche nell’esercizio dei più elementari diritti primari”. Nella sua risposta il Viminale informa di essere “costantemente impegnato” a migliorare i Centri di permanenza per il rimpatrio e mantenere standard di vivibilità, “nel pieno rispetto dei diritti della persona e della sua dignità; ma ogni sforzo compiuto, con significativi oneri, viene spesso vanificato dai continui e violenti comportamenti degli ospiti in danno dei locali e degli arredi, con dirette negative conseguenze sulle loro stesse condizioni di vita”.

Ci mancava il ‘garante dei clandestini’. Pagato dai contribuenti italiani.

Ma il garante degli italiani normali dov’è?Questi distruggono i centri di detenzione (in alto l’ultimo caso a Torino), e poi si lamentano che non sono ‘vivibili’. Vengono qui a delinquere, e si lamentano.

Basta con questi burocrati ineletti che infestano le autority e i posti di ‘garanti’pagati dai contribuenti!!.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963