Lettera ad una proffe donna … di matematica e scienze -

 

Gentilissi (ma) proffe donna … cortesemente la smetta con la favola degli “Elettroni di Valenza”. Ho trascorso dieci giorni di ferie in Spagna nella città di Valenza. Ho incontrato e conosciuto numerose ragazze (femmine) tutte erano carine e simpatiche. Dei Muscolosi Elettroni di Valenza … neppure uno. Cortesemente se desidera parlare di “elettricità” vada a documentarsi ed informarsi. In tutta Europa la corrente elettrica viene distribuita con il sistema trifase (R / S / T) alla tensione di trecentoottanta volt. (volt tensione; watt potenza; non faccia confusione). (in corrente alternata alla frequenza di cinquanta hertz). Dal sistema trifase usato nel settore industria, si ricava la tensione monofase a duecentoventi volt usato nelle abitazioni. Si parla infatti di tensione “concatenata” quella tra fase e fase (ha presente i vertici di un triangolo equilatero) e di tensione “stellata” quella tra fase e centro stella (ha presente lo stemma della Mercedes). Il legame tra tensione concatenata e stellata si riconosce nella radice quadrata di tre (uno virgola settantatre) e rappresenta una delle braccia dello stemma Mercedes o se preferisce l’ incrocio delle mediane del triangolo equilatero di partenza. Il centro stella o neutro lo si identifica con un filo di colore celeste. Il filo terra di colore giallo / verde invece collega il telaio metallico a terra. Entrambi i cavi “dovrebbero” essere a potenziale zero (dovrebbero), ma mai (mai) collegare i due cavi assieme o scambiarli per simili ed equivalenti. Un ultimo consiglio: gli interruttori unipolari (quelli comuni) si inseriscono solo sul filo di fase, mai su quello neutro ed ancor meno sul filo di terra. Per gli interruttori multipolari … al prossimo capitolo.  - Cordiali saluti da un vecchio che abita nello stesso condominio di un suo (purtroppo) allievo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

https://www.chimica-online.it/download/elettroni-di-valenza.htm

le conoscenze sono in continua evoluzione, ricordo quando tanti anni fa a scuola ci spiegavano a chimica le valenze chimiche,  che gli i gli atomi erano come un piccolo sistema solare con gli elettroni che giravano attorno al nucleo; alcuni giorni fa navigando su YouTube ho scoperto che in base alle conoscenze quantistiche l'atomo è fatto tutto in un altro modo, le orbite sono di varia forma a seconda dell'orbita o meglio del livello di energia e che gli elettroni non sono particelle ma onde o meglio, talvolta si comportano come particelle altre volte come onde , anche la legge della gravitazione universale  https://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_gravitazione_universale  che a scuola ci spiegavano come un dogma parte in realtà da presupposti errati, che la forza gravitazionale è dovuta al fatto che ogni oggetto piega lo spazio e che un pianeta trovando lo spazio piegato anziché procedere in linea retta curva (detto in parole povere) poi c'è la teoria delle stringhe… la mia impressione è che sappiamo ben poco di quello che ci circonda e che ogni nuova scoperta dimostra come quello che prima pensavamo giusto e corretto è forse sbagliato; ho trovato questo interessante esempio: supponiamo di non conoscere niente di un gioco di carte, ci mettiamo a osservare i giocatori, come si comportano cercando di capire le regole di quel gioco; quando pensiamo di avere compreso tutto un giocatore fa una mossa  per noi inaspettata  in base a quello che pensavamo di avere compreso e dobbiamo rivedere quello che fino a quel momento pensavamo fossero le regole di quel gioco .

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Etrusco da d/b e ben ritrovato su Forum, speriamo che almeno qui le cose possano funzionare. Ottimi i tuoi esempi, alle prossime ed a presto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Ciao Etrusco da d/b e ben ritrovato su Forum, speriamo che almeno qui le cose possano funzionare. Ottimi i tuoi esempi, alle prossime ed a presto.

 

Vedi il problema di questo Forum è che talvolta le discussioni diventano "settarie" , talvolta ci sono utenti che offendono in modo pesante altri utenti colpevoli di non pensarla sui vari argomenti come loro; personalmente trovo invece la diversità delle opinioni come una ricchezza, cito spesso il detto "non condivido niente di quello che dici ma darei la vita perché tu lo possa dire" poi sempre su questo forum talvolta arrivano post "strani" tipo gente che offre documenti falsi, patenti false e cose simili, temo che chi dirige questo forum non lo "presidi" in modo continuo per cancellare questi messaggi come dovrebbe essere

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse la proffe..seguiva la dieta "Trifasica..hahaha!!:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/10/2018 in 13:14 , dune-buggi ha scritto:

 

Gentilissi (ma) proffe donna … cortesemente la smetta con la favola degli “Elettroni di Valenza”. Ho trascorso dieci giorni di ferie in Spagna nella città di Valenza. Ho incontrato e conosciuto numerose ragazze (femmine) tutte erano carine e simpatiche. Dei Muscolosi Elettroni di Valenza … neppure uno. Cortesemente se desidera parlare di “elettricità” vada a documentarsi ed informarsi. In tutta Europa la corrente elettrica viene distribuita con il sistema trifase (R / S / T) alla tensione di trecentoottanta volt. (volt tensione; watt potenza; non faccia confusione). (in corrente alternata alla frequenza di cinquanta hertz). Dal sistema trifase usato nel settore industria, si ricava la tensione monofase a duecentoventi volt usato nelle abitazioni. Si parla infatti di tensione “concatenata” quella tra fase e fase (ha presente i vertici di un triangolo equilatero) e di tensione “stellata” quella tra fase e centro stella (ha presente lo stemma della Mercedes). Il legame tra tensione concatenata e stellata si riconosce nella radice quadrata di tre (uno virgola settantatre) e rappresenta una delle braccia dello stemma Mercedes o se preferisce l’ incrocio delle mediane del triangolo equilatero di partenza. Il centro stella o neutro lo si identifica con un filo di colore celeste. Il filo terra di colore giallo / verde invece collega il telaio metallico a terra. Entrambi i cavi “dovrebbero” essere a potenziale zero (dovrebbero), ma mai (mai) collegare i due cavi assieme o scambiarli per simili ed equivalenti. Un ultimo consiglio: gli interruttori unipolari (quelli comuni) si inseriscono solo sul filo di fase, mai su quello neutro ed ancor meno sul filo di terra. Per gli interruttori multipolari … al prossimo capitolo.  - Cordiali saluti da un vecchio che abita nello stesso condominio di un suo (purtroppo) allievo. 

 

Se vuoi fare dell'umorismo va bene. Ma gli elettroni di valenza non sono affatto una favola: sono un concetto fisico di grandissima importanza per la Chimica (e per la struttura della materia). I sistemi trifase che hai citato riguardano tutt'altra disciplina: l'Elettrotecnica. Una professoressa di Matematica e Fisica, che ha fatto il Liceo e che si è laureata in Matematica, probabilmente i sistemi trifase non sa neppure cosa siano. Così come tu non non sai cos'è il mito della caverna di Platone (fondamentale in Filosofia) o il fibrato cotangente a una varietà differenziabile (fondamentale per le teorie di gauge e la fisica delle particelle).

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Simpatico “fosforo” ciao da d/b – la sopracitata “proffe donna” vada ad informarsi e documentarsi prima di tenere le proprie lezioni. Da semplice “manovale elettrico” a me interessa realizzare impianti elettrici a norma di sicurezza e che questi impianti oltre ad essere a norma di sicurezza pure funzionino. Come diceva un simpatico e burlone scienziato – la teoria è quando si sa tutto e niente funziona. La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché. Mettendo assieme teoria e pratica … tutto non funziona e nessuno sa il perché – mi definisco “manovale elettrico” poiché ho studiato solamente sino alla terza media, poi ho abbandonato gli studi per andare a lavorare. Solo più tardi ho ripreso gli studi presso un “c.f.p.” locale e serale. Ma era troppo impegnativo lavorare e studiare ed ho frequentato un solo anno. Però (avrai già capito leggendo i miei numerosi scritti) prima di parlare o scrivere mi documento e mi informo. Quello che NON ha fatto la “proffe donna”.  In chiusura ripeto dove vado a documentarmi ed informarmi – energoclub / energopedia (nelle sue varie rubrica) – la banda dei sei (nelle sue varie rubriche) – Vito Barone sicurezza elettrica …. Un cordiale saluto da d/b - 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora