Travaglio massacra Severgnini

Come avrete notato, il patetico e ipermoderato Beppe Severgnini dal 4 marzo appare, per ovvi motivi, ulteriormente impallidito e invecchiato. E devo dire che ieri sera mi ha fatto un po' pena mentre il suo vecchio (anche se sembra suo nipote) amico e collega del Giornale e della Voce di Montanelli, Marco Travaglio, lo randellava senza pietà a Otto e mezzo. Ben gli sta. Il canuto (si dice che avesse i capelli bianchi fin dalla culla) è un po' invidioso del collega che non ha inseguito la pagnotta ma la lezione montanelliana dell'eterno bastian contrario e fustigatore del potere. Nel corso della trasmissione aveva addirittura osato dargli del "filogovernativo"! A Travaglio! Che proprio ieri in un sulfureo editoriale paragonava il governo Conte all'armata Brancaleone. E naturalmente il pagnottista pallido difendeva con le unghie e con i denti (o con la dentiera?) la Banca d'Italia e i poteri forti nazionali ed esteri che pretendono di dettare al governo italiano le cose da fare e quelle da non fare. Mal gliene incolse! Marco gli ha impartito una memorabile lezione di giornalismo e di democrazia. Uno dei più appassionati interventi televisivi che io ricordi dall'epoca di Enrico Berlinguer. 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/11/def-travaglio-vs-severgnini-fmi-e-bankitalia-critichino-governo-per-coperture-ma-non-dicano-leggi-da-fare/4684803/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

3 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Come avrete notato, il patetico e ipermoderato Beppe Severgnini dal 4 marzo appare, per ovvi motivi, ulteriormente impallidito e invecchiato. E devo dire che ieri sera mi ha fatto un po' pena mentre il suo vecchio (anche se sembra suo nipote) amico e collega del Giornale e della Voce di Montanelli, Marco Travaglio, lo randellava senza pietà a Otto e mezzo. Ben gli sta. Il canuto (si dice che avesse i capelli bianchi fin dalla culla) è un po' invidioso del collega che non ha inseguito la pagnotta ma la lezione montanelliana dell'eterno bastian contrario e fustigatore del potere. Nel corso della trasmissione aveva addirittura osato dargli del "filogovernativo"! A Travaglio! Che proprio ieri in un sulfureo editoriale paragonava il governo Conte all'armata Brancaleone. E naturalmente il pagnottista pallido difendeva con le unghie e con i denti (o con la dentiera?) la Banca d'Italia e i poteri forti nazionali ed esteri che pretendono di dettare al governo italiano le cose da fare e quelle da non fare. Mal gliene incolse! Marco gli ha impartito una memorabile lezione di giornalismo e di democrazia. Uno dei più appassionati interventi televisivi che io ricordi dall'epoca di Enrico Berlinguer. 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/11/def-travaglio-vs-severgnini-fmi-e-bankitalia-critichino-governo-per-coperture-ma-non-dicano-leggi-da-fare/4684803/

Senti, scusami, ma non ti permettere.

Tra Berlinguer e Travaglio c'è la differenza che passa tra Alessandro Manzoni e Liala.

Travaglio è tutto dentro ad un sistema di cui fustiga con grande efficacia le peggiori distorsioni.

Ma il sistema gli va bene così, vuole un mondo ad economia di mercato, senza caste corrotte.

Mai sentita da Travaglio una frase come questa:

„Pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi di ricchezza.“

Caro amico zolfanello, non basta contestare le malefatte di una casta senza mettere in discussione il sistema economico e sociale che la produce.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Senti, scusami, ma non ti permettere.

Tra Berlinguer e Travaglio c'è la differenza che passa tra Alessandro Manzoni e Liala.

Travaglio è tutto dentro ad un sistema di cui fustiga con grande efficacia le peggiori distorsioni.

Ma il sistema gli va bene così, vuole un mondo ad economia di mercato, senza caste corrotte.

Mai sentita da Travaglio una frase come questa:

„Pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi di ricchezza.“

Caro amico zolfanello, non basta contestare le malefatte di una casta senza mettere in discussione il sistema economico e sociale che la produce.

Ma che cavolo dici? O non hai ascoltato fino in fondo le parole di Travaglio o eri molto distratto. Sono le parole più dure che io abbia sentito in tv da decenni, dai tempi appunto di Berlinguer, contro i mercati, le Borse e quelle istituzioni, elette da nessuno, che tutelano gli interessi del capitalismo finanziario a costo di calpestare la democrazia e la sovranità delle democrazie. Vatti ad ascoltare di nuovo l'ultima parte dell'intervento di Travaglio (se non hai tempo lo trovi anche alla fine dell'articolo di commento). Dopodiché, se sei davvero di Sinistra, e non un banale pidino deluso, alzati in piedi e applaudi a quelle parole, come certamente le applaudirebbe Berlinguer se fosse ancora tra noi. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Ma che cavolo dici? O non hai ascoltato fino in fondo le parole di Travaglio o eri molto distratto. Sono le parole più dure che io abbia sentito in tv da decenni, dai tempi appunto di Berlinguer, contro i mercati, le Borse e quelle istituzioni, elette da nessuno, che tutelano gli interessi del capitalismo finanziario a costo di calpestare la democrazia e la sovranità delle democrazie. Vatti ad ascoltare di nuovo l'ultima parte dell'intervento di Travaglio (se non hai tempo lo trovi anche alla fine dell'articolo di commento). Dopodiché, se sei davvero di Sinistra, e non un banale pidino deluso, alzati in piedi e applaudi a quelle parole, come certamente le applaudirebbe Berlinguer se fosse ancora tra noi. 

"In Germania voterei senz'altro Merkel. Mi piacevano Reagan e la Thatcher. La mia destra non esiste, è immaginaria. È la destra liberale, Cavour, Einaudi, De Gasperi, Montanelli. "

Intervista a Marco Travaglio

fonte: 

https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://chi-e.com/marco-travaglio/&ved=2ahUKEwiz2b_64f7dAhUNUhoKHWw2BvgQFjADegQIBxAB&usg=AOvVaw0ps8Itz5BmMqXgvbSNlZ4J

Egregio zolfanello, rosso di fuori e bianco nel cervello, ci vuole la sua fantasia a confondere Marco Travaglio con Ernesto "Che" Guevara....

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

2 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

"In Germania voterei senz'altro Merkel. Mi piacevano Reagan e la Thatcher. La mia destra non esiste, è immaginaria. È la destra liberale, Cavour, Einaudi, De Gasperi, Montanelli. "

Intervista a Marco Travaglio

fonte: 

https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://chi-e.com/marco-travaglio/&ved=2ahUKEwiz2b_64f7dAhUNUhoKHWw2BvgQFjADegQIBxAB&usg=AOvVaw0ps8Itz5BmMqXgvbSNlZ4J

Egregio zolfanello, rosso di fuori e bianco nel cervello, ci vuole la sua fantasia a confondere Marco Travaglio con Ernesto "Che" Guevara....

 

 

Continuando a ragionare per schemi non andrai da nessuna parte.  Se Travaglio dice una cosa forte e di sinistra, io lo applaudo. E se tu leggessi i suoi editoriali ci troveresti dentro più cose di sinistra di quelle, non dico dette e tanto meno fatte, ma pensate, da Renzi, Boschi, Minniti e Gentiloni messi insieme, da quando sono nati fino ad oggi.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Continuando a ragionare per schemi non andrai da nessuna parte.  Se Travaglio dice una cosa forte e di sinistra, io lo applaudo. E se tu leggessi i suoi editoriali ci troveresti dentro più cose di sinistra di quelle, non dico dette e tanto meno fatte, ma pensate, da Renzi, Boschi, Minniti e Gentiloni messi insieme, da quando sono nati fino ad oggi.

Non mi fido degli ex ammiratori di Ronald Reagan e Margaret Thatcher che oggi dicono cose di sinistra.

Tanto più se appoggiano un movimento fondato da un ex comico arricchitosi alla RAI, che esattamente un anno fa sosteneva di questi tempi che "SALVINI FA PIÙ SCHIFO DI BERLUSCONI E RENZI MESSI INSIEME".

E oggi governa con Salvini.

Aspetto che Travaglio dica che " GRILLO FA PIÙ SCHIFO DI SALVINI, BERLUSCONI E RENZI MESSI INSIEME"

A te/lei consiglio un libro.  Una triste biografia.

Quella di un dirigente politico social-comunista che diceva cose MOLTO di sinistra alla radio della Repubblichetta di Salò, sostenendo Benito Mussolini ed i suoi padroni nazisti.

bombacci_fondo-magazine.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

13 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Non mi fido degli ex ammiratori di Ronald Reagan e Margaret Thatcher che oggi dicono cose di sinistra.

Tanto più se appoggiano un movimento fondato da un ex comico arricchitosi alla RAI, che esattamente un anno fa sosteneva di questi tempi che "SALVINI FA PIÙ SCHIFO DI BERLUSCONI E RENZI MESSI INSIEME".

E oggi governa con Salvini.

Aspetto che Travaglio dica che " GRILLO FA PIÙ SCHIFO DI SALVINI, BERLUSCONI E RENZI MESSI INSIEME"

A te/lei consiglio un libro.  Una triste biografia.

Quella di un dirigente politico social-comunista che diceva cose MOLTO di sinistra alla radio della Repubblichetta di Salò, sostenendo Benito Mussolini ed i suoi padroni nazisti.

bombacci_fondo-magazine.jpg

 

Mi confermi, sei troppo giovane e/o troppo ingenuo, parli senza conoscere, per schemi preconcetti e non hai ancora imparato a ragionare con la tua testa. Altrimenti sapresti che i giornalisti Indro Montanelli e Marco Travaglio e il comico Beppe Grillo sono stati, e gli ultimi due lo sono tuttora, i più seri e più pericolosi avversari per Berlusconi da quando scese in politica. A Vittorio Sgarbi la Fininvest affidò addirittura una trasmissione quotidiana con il preciso compito di denigrare Montanelli. Che era anche, all'epoca, la missione  quotidiana del direttore del Tg4 Emilio Fede, quello che Montanelli definiva "l'oco giulivo". Mentre gli avversari istituzionali, leggasi gli indegni, sciagurati, incapaci, e probabilmente in qualche caso anche venduti, eredi del PCI all'ex cavaliere gli hanno sempre fatto un baffo. Lo combattevano solo a chiacchiere e nei programmi elettorali, mai attuati. Anzi a Berlusconi, come ammise candidamente Luciano Violante, gli hanno sempre dato una grossa, generosa, insperata mano per mantenere e consolidare la sua posizione dominante nei media, ci hanno stretto perfino alleanze di governo e il più sciagurato e incapace di tutti ci strinse perfino un patto costituente. Grillo è stato spesso paragonato da Berlusconi a Hitler. Marco Travaglio, con migliaia di articoli al curaro e una quindicina di illuminanti libri-inchiesta su un delinquente costantemente protetto dall'omertà dei media, ha portato via milioni di voti a Berlusconi. Gli incapaci del Pd e sigle precedenti non gliene hanno portato via nemmeno uno, anzi hanno convinto milioni di italiani a votarlo. Questa è la storia, questa è la verità. Rifletti. 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora