Siori e siore..allegria !!!

Questa domenica credo possa essere per
 noi un nuovo inizio, bisogna recuperare
 il rapporto con tante associazioni, con
 tante realtà sociali, con tanti ragazzi
 e ragazze e lavorare insieme".         

 Così il segretario del Pd,Martina,du-  
 rante la marcia della pace Perugia-As- 
 sisi. "Il futuro del Pd è anche in que-
 ste strade,tra questa gente,nello sfor-
 zo che dobbiamo promuovere per aprirci,
 cambiare, allargarci". E sulle azioni  
 del governo,ha detto: "Corriamo un ri- 
 schio che non possiamo permetterci, la 
 disgregazione del progetto europeo"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Ma....... Martina, chi?

Quello scherzo della natura, reggipanza di un babbeo spernacchiato da 60 milioni di italiani?

😂😂😂😂

BrS

Buon rosicamento Somaro 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, shinycage ha scritto:

Ma....... Martina, chi?

Quello scherzo della natura, reggipanza di un babbeo spernacchiato da 60 milioni di italiani?

😂😂😂😂

BrS

Buon rosicamento Somaro 

Non è aumentando la spesa pensionisti-
 ca che si può far crescere l'economia  
 del nostro paese,è esattamente il con- 
 trario". Lo ha detto il presidente Inps
 Tito Boeri,parlando a Venezia.         

 "L'aumento dello spread porta alla ri- 
 duzione dei rendimenti di molti fondi  
 pensione; ciò significa pensioni minori
 per molti lavoratori e in prospettiva  
 quindi una situazione di maggiore      
 difficoltà per la crescita, con minori 
 possibilità di finanziamenti e liquidi-
 tà per le imprese".                    

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

CHE COSA HA DETTO BOERI DELL’INPS SULLO SPREAD

A Venezia, il Presidente dell’Inps Tito Boeri ha infatti affermato che: “l’aumento dello spread porta alla riduzione dei rendimenti di molti fondi pensione; ciò significa pensioni minori per molti lavoratori e in prospettiva quindi una situazione di maggiore difficoltà per la crescita, con minori possibilità di finanziamenti e liquidità per le imprese”. Ed ancora, ha aggiunto: “Se si tratta di tutelare il potere di acquisto dei pensionati e rafforzare la loro posizione bisogna pensare a misure di crescita che assegnino maggiore importanza al lavoro e all’aumento della produttività”.

LE BIZZARRIE SULL’ALTALENA DELLO SPREAD

La cosa strana è che in questi ultimi anni nessuno ha mai sentito fare la valutazione opposta, e cioè che un abbassamento degli spread migliorava i conti dei Fondi pensione. Al contrario, in relazione alla liquidità immessa dalla Bce con il Qe, con il conseguente abbattimento degli spread in tutto il continente e dei tassi di interesse sui titoli obbligazionari, sono stati unanimi gli allarmi lanciati sulla stampa dagli stessi Fondi, per le conseguenze nefaste che ne derivavano. PensionsEurope, l’associazione che riunisce gestori di fondi che detengono asset per 3,5 miliardi di euro, con 65 milioni di contribuenti iscritti e 27 milioni di beneficiari delle prestazioni è stata chiara: c’è una tendenziale insostenibilità del rapporto tra prestazioni promesse o attese in un contesto di tassi correnti tendenti allo zero.

LA QUESTIONE DEI RENDIMENTI

Basta un esempio: se una rendita pensionistica per uno schema di tipo Defined Benefit (DB) era stata contrattata sulla base di un rendimento medio del 5% sui titoli, quando questo si dimezza occorre raddoppiare il capitale. Se il rendimento tende allo zero, o addirittura è negativo come accade per una lunga parte della curva dei titoli di Stato tedeschi, ci si rimette anche il capitale. Anche gli schemi più recenti, del tipo Defined Contribution (DC), non sono esenti da questa tendenza al collasso: la ricerca di rendimenti elevati espone a rischi esponenzialmente più elevati. L’allarme non poteva essere più deciso.

Chiama l’asino pisano gingerino,  fatti dare uno zocc.... ehm una mano.

😂😂😂😂

BrS

Buon rosicamento Somaro 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, shinycage ha scritto:

CHE COSA HA DETTO BOERI DELL’INPS SULLO SPREAD

A Venezia, il Presidente dell’Inps Tito Boeri ha infatti affermato che: “l’aumento dello spread porta alla riduzione dei rendimenti di molti fondi pensione; ciò significa pensioni minori per molti lavoratori e in prospettiva quindi una situazione di maggiore difficoltà per la crescita, con minori possibilità di finanziamenti e liquidità per le imprese”. Ed ancora, ha aggiunto: “Se si tratta di tutelare il potere di acquisto dei pensionati e rafforzare la loro posizione bisogna pensare a misure di crescita che assegnino maggiore importanza al lavoro e all’aumento della produttività”.

LE BIZZARRIE SULL’ALTALENA DELLO SPREAD

La cosa strana è che in questi ultimi anni nessuno ha mai sentito fare la valutazione opposta, e cioè che un abbassamento degli spread migliorava i conti dei Fondi pensione. Al contrario, in relazione alla liquidità immessa dalla Bce con il Qe, con il conseguente abbattimento degli spread in tutto il continente e dei tassi di interesse sui titoli obbligazionari, sono stati unanimi gli allarmi lanciati sulla stampa dagli stessi Fondi, per le conseguenze nefaste che ne derivavano. PensionsEurope, l’associazione che riunisce gestori di fondi che detengono asset per 3,5 miliardi di euro, con 65 milioni di contribuenti iscritti e 27 milioni di beneficiari delle prestazioni è stata chiara: c’è una tendenziale insostenibilità del rapporto tra prestazioni promesse o attese in un contesto di tassi correnti tendenti allo zero.

LA QUESTIONE DEI RENDIMENTI

Basta un esempio: se una rendita pensionistica per uno schema di tipo Defined Benefit (DB) era stata contrattata sulla base di un rendimento medio del 5% sui titoli, quando questo si dimezza occorre raddoppiare il capitale. Se il rendimento tende allo zero, o addirittura è negativo come accade per una lunga parte della curva dei titoli di Stato tedeschi, ci si rimette anche il capitale. Anche gli schemi più recenti, del tipo Defined Contribution (DC), non sono esenti da questa tendenza al collasso: la ricerca di rendimenti elevati espone a rischi esponenzialmente più elevati. L’allarme non poteva essere più deciso.

Chiama l’asino pisano gingerino,  fatti dare uno zocc.... ehm una mano.

😂😂😂😂

BrS

Buon rosicamento Somaro 

... toccherà poi a noi Democratici ricostruire e sanare il bel Paese Itala...

Come al solito...

Ora posa il bottiglione di grappa che di primo mattino fa male 😂

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, wronschi ha scritto:

... toccherà poi a noi Democratici ricostruire e sanare il bel Paese Itala...

Come al solito...

Ora posa il bottiglione di grappa che di primo mattino fa male 😂

 

Ne riparliamo tra una ventina d’anni, ammesso che il Partito Dementi arrivi a mangiare il panettone.

Quindi il buon Tito lo hai già dimenticato, vero?

Potenza della demenza alcolica.

😂😂😂

BrS

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, shinycage ha scritto:

Ne riparliamo tra una ventina d’anni, ammesso che il Partito Dementi arrivi a mangiare il panettone.

Quindi il buon Tito lo hai già dimenticato, vero?

Potenza della demenza alcolica.

😂😂😂

BrS

See ahahahah tito spago e maria corda...ma va va... 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, wronschi ha scritto:

See ahahahah tito spago e maria corda...ma va va... 

Lo dicevo io....

Vabbè dai, la chiamo io.

🚑🚑🚑🚑 NIIIII..... NAAAA..... NIIIII..... NAAAA 🚑🚑🚑🚑🚑🚑🚑

😂😂😂😂

BrS

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, shinycage ha scritto:

Lo dicevo io....

Vabbè dai, la chiamo io.

🚑🚑🚑🚑 NIIIII..... NAAAA..... NIIIII..... NAAAA 🚑🚑🚑🚑🚑🚑🚑

😂😂😂😂

BrS

Per te non ci sono ambulanze, non c'è via di scampo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963